11/07/2011, 00.00
CINA - VATICANO
Invia ad un amico

Vescovi del Guangdong rapiti dalla polizia per obbligarli all’ordinazione illecita di Shantou

di Jian Mei - W. Zhicheng
Tre vescovi sono stati portati via ieri; quello di Guangzhou è scomparso da giorni. A Shenyang mons. Pei Junmin, designato per essere il presidente della celebrazione, viene difeso dai suoi sacerdoti e fedeli con un sit-in non stop nella cattedrale. Per l’Ap il Vaticano “divide la Chiesa in Cina e crea sempre più dispute”.
Guangzhou (AsiaNews) – Quattro vescovi del Guangdong in comunione col papa sono scomparsi nei giorni scorsi e portati via dalla polizia per preparare l’ordinazione episcopale illegittima di p. Huang Bingzhang (v. foto), che avverrà a Shantou il 14 luglio prossimo.

Nessuno conosce il luogo in cui i quattro pastori sono detenuti. Secondo fonti locali di AsiaNews, mons. Liang Jiansen, di Jiangmen, ordinato nel marzo 2011, ieri sera singhiozzava mentre veniva trascinato dai rappresentanti del governo. Un’altra fonte afferma che mons. Liao Hongqing di Meizhou, insieme a mons. Su Yongda di Zhanjiang sono stati portati via ieri. Mons. Giuseppe Gan Junqiu di Guangzhou è scomparso da giorni; i suoi fedeli pregano “in modo incessante per lui e alcuni suoi sacerdoti perché siano fedeli ai principi della Chiesa in questo momento critico”.

Oltre a quelli del Guangdong, altri quattro vescovo, tutti in comunione col papa, dovrebbero partecipare all’ordinazione di Shantou.

Intanto, mons. Paul Pei Junmin di Liaoning, designato come il celebrante principale, rimane protetto dai suoi sacerdoti nella cattedrale di Shenyang (v. 08/07/2011 Liaoning: sacerdoti a difesa del vescovo per non farlo andare a un’ordinazione illecita). Ieri tutti i sacerdoti hanno celebrato insieme una messa, pregando per l’unità della diocesi. Nella chiesa vi era rande commozione, quando il vescovo ha ringraziato i fedeli per la loro solidareità, facendo cantare insieme il canto “Il Signore ti benedica”. Nel novembre 2010 mons. Pei era stato costretto a partecipare all’ordinazione episcopale illecita di Chengde.

All’esterno della cattedrale vi sono poliziotti in borghese e in divisa che controllano la situazione. Ieri i sacerdoti del Liaoning hanno diffuso un messaggio in cui si spiega la loro presenza nella cattedrale: “Per difendere la fede, noi sacerdoti ci raduniamo nella cattedrale per una settimana e continueremo a starci fino a che non passa questo uragano”.

Ieri sera tutti i sacerdoti hanno organizzato un incontro di preghiera. Da oggi in poi i fedeli invece hanno dato inizio a un’adorazione perpetua non-stop, per proteggere la Chiesa.

Nei giorni scorsi sono apparse vignette che ritraevano un giovane con una T-shirt, con sopra la scritta: “Per evitare le scomuniche, eliminate le ordinazioni illecite”. Per alcuni fedeli questo è il segno del dolore e dell’ira provocate dalle ordinazioni illecite degli ultimi mesi.

Da diversi mesi l’Associazione patriottica (Ap) e il governo hanno programmato una serie di ordinazioni senza il mandato del papa. L’ultima in ordine di tempo è quella avvenuta a Leshan lo scorso 29 giugno. Il 4 luglio la Santa Sede ha diffuso una dichiarazione con cui scomunicava il vescovo ordinato (mons. Lei Shiyin) e metteva in guardia i vescovi che vi hanno partecipato (v. 04/07/2011 La Santa Sede condanna l’ordinazione episcopale di Leshan).

In questi giorni, diversi siti cattolici in Cina riportano una dichiarazione dell’Ap nazionale e del Consiglio dei vescovi cinesi. Con ogni probabilità essa è stata scritta da p. Yang Yu, portavoce dell’Ap. Nella dichiarazione si esprime “profondo rammarico” per la mossa del Vaticano, accusandolo di non promuovere l’unità della Chiesa in Cina e di creare invece sempre più dispute.

La dichiarazione spiega che la diocesi di Leshan, fondata nel 1946, ha più di 70 mila cattolici sotto la leadership di Lei Shiyin e dei suoi sacerdoti, che fino alla fine hanno assistito il predecessore, mons. Luo Duxi, morto nel dicembre 2009. Il 18 marzo, continua la dichiarazione, la diocesi ha tenuto un’elezione episcopale e Lei ha vinto con 27 voti su 31.

Sebbene le relazioni fra Cina e Vaticano non sono normalizzate – si aggiunge – la Chiesa in Cina deve far fronte a urgenti bisogno di evangelizzazione ed è comprensibile che le Chiese locali eleggano e ordinino vescovi per riempire le sedi rimaste vacanti.

In realtà, dietro la retorica della “evangelizzazione” si nasconde un progetto di controllo su tutte le ordinazioni episcopali. Ne è prova la stessa ordinazione di Shantou, dove il candidato, p. Huang Bingzhang, è stato eletto in una seduta controllata e manipolata dall’Ap. Inoltre, la diocesi ha già un vescovo, nella persona di mons. Zhuang Jianjian, ordinato segretamente con l’approvazione della Santa Sede nel 2006. Ma l’Ap non lo riconosce come vescovo e ha sempre frenato la sua opera pastorale. Dal dicembre scorso egli è sempre controllato dalla polizia e la scorsa Settimana santa è stato impedito di svolgere il suo ministero.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Timori e tensioni in Cina per una nuova ordinazione episcopale senza il mandato del papa
08/07/2011
In pochi condividono “dolore e preoccupazione” del papa per la Chiesa in Cina
14/07/2011
Propaganda Fide e la scomunica di p. Lei Shiyin
12/07/2011
Liaoning: sacerdoti a difesa del vescovo per non farlo andare a un’ordinazione illecita
08/07/2011
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
15/06/2012