08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/11/2013, 00.00

    FILIPPINE

    Vescovi filippini: La fede dei cattolici è più forte del tifone Haiyan



    Il presidente della Conferenza episcopale lancia un messaggio di speranza a un Paese devastato da un “pandemonio assoluto”, come lo ha definito il capo della Croce rossa. Oltre 10mila vittime, ma il bilancio è ancora provvisorio. La solidarietà dell’arcivescovo di Seoul, che offre preghiere e un contributo per i primi interventi di emergenza. nelle ultime ore Haiyan/Yolanda ha raggiunto il Vietnam, ma è stato declassato a tempesta tropicale.

    Manila (AsiaNews) - Nessun tifone o alluvione può diminuire "la forza d'animo" dei filippini; il cataclisma che ha "devastato" il centro del Paese "può anche essere il peggiore mai visto prima al mondo", ma la fede in Dio è "anche più forte". Ad affermarlo è il presidente della Conferenza episcopale filippina mons. Jose Palma, in un messaggio che intende infondere "speranza" a una nazione in ginocchio dal passaggio di Haiyan. Intanto continuano le operazioni delle squadre di soccorso per i sopravvissuti e la conta delle vittime che - secondo stime ancora parziali - è superiore ai 10mila morti. Il capo della Croce rossa delle Filippine ha descritto le devastazione causate dal tifone - ribattezzato Yolanda nell'arcipelago - come un "pandemonio assoluto". Ieri Papa Francesco durante l'Angelus ha chiesto preghiere e un aiuto "concreto" per le Filippine. Questa mattina l'arcivescovo di Seoul mons. Andrew Yeom Soo-jung ha inviato le proprie condoglianze al card. Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila e assicurato la preghiera dei cattolici sudcoreani; l'arcidiocesi di Seoul ha inoltre inviato 50mila dollari per le prime operazioni di aiuto e assistenza, assieme a una speciale raccolta fondi in programma domenica 24 novembre in tutte le parrocchie. 

    Dal primo bilancio emerge che sono almeno 10mila i morti nella sola Tacloban, città di 200mila persone a circa 600 km in direzione sud-est di Manila; centinaia le vittime sparse nelle altre cittadine investite dal tifone, anche se la conta è solo parziale e serve altro tempo per una valutazione più precisa. Secondo la Protezione civile filippina (il National Disaster Risk Reduction and Management Council, Ndrrmc) le famiglie colpite sono quasi un milione, pari a 4,28 milioni di persone. Più del 405 di loro, aggiunge l'Unicef, sarebbero bambini o ragazzi di età inferiore ai 18 anni. 

    In varie zone dell'arcipelago filippino sono andate distrutte o molto danneggiate case, scuole e pure un aeroporto. La macchina dei soccorsi internazionale si è messa in moto, ma sono ancora molte le difficoltà nel raggiungere le zone più isolate e remote, dove non sono ancora chiari gli effetti provocati dal passaggio del tifone. Il console generale filippino nel Regno Unito ha sottolineato che "il mondo non ha mai visto una tempesta come questa prima d'ora". Gli sforzi dei soccorritori sono concentrati nella provincia orientale di Leyte, dove è più grave l'emergenza. Il presidente Benigno Aquino non ha escluso l'introduzione della legge marziale o dello Stato di emergenza; in molte zone gli sciacalli hanno già iniziato operazioni di saccheggio, mentre vittime non identificate vengono sepolte nelle fosse comuni. 

    Nelle ultime ore Haiyan ha toccato terra anche nel nord del Vietnam, nei pressi del confine con la Cina; tuttavia, la portata è diminuita di molto, tanto da essere retrocesso a tempesta tropicale, e non sembra aver causato grossi disagi sebbene le autorità di Hanoi avessero ordinato, in precedenza, lo sgombero di centinaia di migliaia di persone. 

    Intanto la Chiesa cattolica filippina esorta il coraggio e la fede della popolazione, in un momento di grande avversità. Mons. Palma sottolinea che "nessuna calamità o disastro naturale può spegnere il fuoco della nostra speranza". Il prelato assicura la presenza e la partecipazione al dolore dell'intera Conferenza episcopale e invita i fedeli a rivolgersi a Dio "in questo momento di calamità nazionale", come ogni filippino ha sempre fatto "negli ultimi 400 anni". Dall'11 al 19 novembre in tutto il Paese si terrà una novena di preghiera per le vittime del tifone Yolanda e del sisma che ha colpito le stesse zone nelle scorse settimane. Ogni messa e preghiera sarà offerta per i morti e a conforto delle loro famiglie. Infine, tutte le parrocchie sono invitate a promuovere raccolte fondi per gli interventi di emergenza e la ricostruzione. 

    Ad agosto due persone sono morte e migliaia sono rimaste senza casa nel nord delle Filippine per il passaggio del tifone Utor, che ha colpito il nord del Paese. Chiesa ed enti cattolici si sono subito attivati per portare soccorso alla popolazione, in una nazione in cui si abbattono almeno 20 tifoni ogni anno (Utor è stato il 13mo). Del resto tifoni, tempeste tropicali, uragani sono assai frequenti durante la stagione estiva in molte zone dell'Asia dell'est e del sud-est, dove l'aria calda e umida, unita alla bassa pressione determinano le condizioni ideali per la formazioni di questi fenomeni atmosferici. Nel 2001, il passaggio del tifone Washi nelle Filippine provocò 1.200 morti e 300 mila sfollati, distruggendo oltre 10 mila case.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/12/2013 FILIPPINE
    Caritas Filippine: programmi di lungo periodo per le vittime del tifone Yolanda
    Dopo i primi interventi per l’emergenza, Nassa e Caritas internazionale studiano progetti di ripristino per le aree più colpite. Particolare attenzione è dedicata all’opera di prevenzione, con il lancio di un piano per il primo quadrimestre 2014. Il presidente dei vescovi invita volontari e fedeli a leggere e “applicare” l’Evangelii Gaudium.

    10/12/2013 FILIPPINE
    Manila, tutto pronto per la Giornata di preghiera contro il traffico di vite umane
    Il Movimento, formato da cattolici e protestanti, ha indetto per il 12 dicembre un momento di incontro, confronto e preghiera. Attese almeno 5mila persone. Le recenti devastazioni causate dal terremoto e dal tifone hanno acuito il fenomeno della moderna schiavitù. Dai vertici delle Chiese filippine proposte concrete contro i trafficanti e a tutela delle vittime.

    21/11/2013 FILIPPINE – VATICANO
    Card Tagle: la fede in Dio vince “sconforto e disperazione” causate dal tifone Haiyan
    L’arcivescovo di Manila ha tenuto una veglia di preghiera e di adorazione eucaristica per le vittime del disastro. Il numero ufficiale delle vittime continua a salire, oltre 5.600. Migliaia di rosari, assieme ad aiuti umanitari, distribuiti agli sfollati. Oggi papa Francesco incontra la comunità filippina a San Pietro.

    08/11/2013 FILIPPINE
    Il supertifone Haiyan colpisce le Filippine, milioni di persone in massima allerta
    Tre le vittime sinora accertate, ma il bilancio è destinato ad aumentare. Prima di toccare terra Yolanda, così ribattezzato nel Paese, ha registrato raffiche di vento fino a 380 km/h. Dalle immagini dei satelliti appare come il “più potente di sempre”. Rischio inondazioni per le pesanti piogge cadute in poche ore.

    19/11/2013 FILIPPINE
    Manila suddivide le aree colpite dal tifone Haiyan per coordinare al meglio gli interventi
    L’obiettivo è ottimizzare gli interventi, assegnando a ciascun Paese una porzione di territorio. Quasi 4mila le vittime, ma il bilancio è ancora parziale. Continua l’opera dei cattolici per le vittime del tifone: distribuiti 68mila pacchi contenenti generi di primo conforto. Raccolti quasi 300mila dollari per gli interventi di emergenza.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®