Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/06/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Vescovo di Islamabad: dopo la sentenza Gilani, “unità” per superare la crisi politica

    Jibran Khan

    Riunione di emergenza del Partito popolare per la scelta di un nuovo Primo ministro. Zardari cancella il viaggio in Russia. Mons. Rufin Anthony auspica il dialogo fra i partiti e ricorda le priorità del Paese: educazione, cibo, acqua e lotta alla corruzione. Ma in Parlamento emergono già i primi contrasti. Politico cattolico: elezioni anticipate.

    Islamabad (AsiaNews) - "Oggi in Pakistan si sta registrando il fallimento della politica" ed è più che mai "tempo di unità" e coesione nazionale. È quanto sottolinea ad AsiaNews mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad, commentando la decisione di ieri della Corte suprema che ha decretato "l'incompatibilità" di Yousaf Raza Gilani con la carica di Primo Ministro e ne ha decretato la conseguente "espulsione" dal Parlamento (cfr. AsiaNews 19/06/2012 Islamabad, Corte suprema: Gilani è incompatibile con la carica di premier). Il Partito popolare pakistano (Ppp) ha indetto una riunione di emergenza - presente anche il presidente Asif Ali Zardari, che ha cancellato il viaggio in Russia - per discutere della sostituzione del premier. Domani il capo dello Stato potrebbe presentarsi davanti all'assemblea con un nuovo nome; ma la scelta è legata al raggiungimento di un accordo nell'incontro di oggi.  

    Analisti e commentatori in Pakistan auspicano un passaggio di consegne "calmo" in attesa di nuove elezioni, se possibile anticipate, per restituire serenità e fiducia alla politica del Paese. Per gli esperti l'ormai ex premier Gilani deve accettare la sentenza dei giudici, che lo hanno dichiarato "incompatibile" perché condannato due mesi fa per "oltraggio alla Corte" in una vicenda di corruzione in cui sarebbe coinvolto il presidente Zardari. Al contempo, essi auspicano che i movimenti di opposizione non traggano un indebito profitto dalla situazione e che non si arrivi a uno scontro frontale fra poteri esecutivo e giudiziario.

    Interpellato da AsiaNews, mons. Rufin Anthony sottolinea che "tutti i partiti devono riunirsi e dialogare", trovare delle "soluzioni" piuttosto che pensare al tornaconto personale. Egli spiega che "il disprezzo della Corte", reato per il quale è stato condannato Gilani a una pena "simbolica", è un elemento più "particolare" rispetto ad altre esigenze diffuse come i diritti umani di base. "La nazione manca di acqua, elettricità, cibo a prezzi economici - conclude il prelato - lo Stato di diritto è assente e la corruzione dilaga ovunque. Preghiamo i nostri leader, perché in un momento così delicato sappiano prendere decisioni sagge".

    Emergono invece opinioni contrastanti fra i membri del Parlamento: Saleem Khursheed Khokhar di Karachi sottolinea la "spaccatura" fra esecutivo e giudiziario e non è "soddisfatto" della decisione dei giudici. Pervaiz Rafique, del Ppp, aggiunge che "la Corte suprema e il giudice capo hanno superato i limiti imposti dalla Costituzione". Joel Sohtra, di Lahore, giudica invece "eccellente" il verdetto del massimo organismo giuridico pakistano, che compie "un nuovo passo" verso il raggiungimento di una "piena indipendenza". "Questo governo incompetente - chiosa il deputato - sta ridicolizzando il sistema giudiziario". Infine il politico cattolico Tarseed Javed, originario di Sialkot, secondo cui il capo dello Stato dovrebbe "annunciare la data delle prossime elezioni generali", perché anche nel caso in cui dovesse nominare un nuovo premier, i supremi giudici "lo costringeranno a formulare la rogatoria alle autorità svizzere". Insomma, il presidente Zardari non sfuggirà ai giudici anche se riuscisse nell'intento di far sopravvivere questa legislatura.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2012 PAKISTAN
    Islamabad, Corte suprema: Gilani è incompatibile con la carica di premier
    La decisione rischia di sprofondare il Pakistan nel caos. Per il giudice capo Chaudhry, egli non ha fatto ricorso contro la condanna “simbolica” dello scorso aprile e ora è “espulso” dal Parlamento. Riunione di emergenza del partito di governo Ppp, alla presenza di Zardari e Gilani. Dietro le quinte lo scontro fra potere esecutivo e giudiziario, sostenuto dai militari.

    18/01/2012 PAKISTAN
    “Memo-gate”: il testimone chiave in Pakistan, per deporre davanti ai giudici
    Il 24 gennaio Mansoor Ijaz tornerà nel Paese di origine, dopo aver ricevuto il viso dall’ambasciata pakistana in Svizzera. Egli ha ricevuto minacce di morte ed è al centro di un caso politico-giudiziario: nato dal raid che ha portato all’uccisione di Bin Laden, vede contrapposti l’esecutivo e i militari. Timori per un colpo di mano dell’esercito.

    16/01/2012 PAKISTAN
    Islamabad, scontro fra poteri: esercito e magistrati minacciano l’esecutivo
    Il Pakistan è attraversato da una profonda frattura fra le istituzioni. La Corte suprema cita in giudizio il premier Gilani. I militari tentati dal colpo di mano per rovesciare il presidente Zardari, sospettato di corruzione e accusato di aver chiesto l’aiuto Usa dopo l’uccisione di Bin Laden. Il Parlamento chiamato a votare la fiducia.

    31/01/2015 SRI LANKA
    Colombo, per la prima volta un tamil guida la Corte Suprema
    Il nuovo presidente continua a mantenere le promesse elettorali: nominato al vertice del giudiziario Kanagasabapathy Sripavan, di etnia tamil. La decisione rientra nel programma di "riconciliazione nazionale" portato avanti da Sirisena.

    17/12/2009 PAKISTAN
    Islamabad: l’opposizione chiede le dimissioni del presidente Zardari
    Ieri la Corte suprema ha cancellato l’amnistia dalle accuse di corruzione. Il capo di Stato respinge ogni addebito e parla di “motivazioni politiche” dietro la scelta della magistratura. Al vaglio degli inquirenti il patrimonio personale di Zardari, che registra un calo nei consensi e la crisi nei rapporti con l’esercito.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®