8 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
PAKISTAN
Vescovo di Islamabad: dopo la sentenza Gilani, “unità” per superare la crisi politica
di Jibran Khan
Riunione di emergenza del Partito popolare per la scelta di un nuovo Primo ministro. Zardari cancella il viaggio in Russia. Mons. Rufin Anthony auspica il dialogo fra i partiti e ricorda le priorità del Paese: educazione, cibo, acqua e lotta alla corruzione. Ma in Parlamento emergono già i primi contrasti. Politico cattolico: elezioni anticipate.

Islamabad (AsiaNews) - "Oggi in Pakistan si sta registrando il fallimento della politica" ed è più che mai "tempo di unità" e coesione nazionale. È quanto sottolinea ad AsiaNews mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad, commentando la decisione di ieri della Corte suprema che ha decretato "l'incompatibilità" di Yousaf Raza Gilani con la carica di Primo Ministro e ne ha decretato la conseguente "espulsione" dal Parlamento (cfr. AsiaNews 19/06/2012 Islamabad, Corte suprema: Gilani è incompatibile con la carica di premier). Il Partito popolare pakistano (Ppp) ha indetto una riunione di emergenza - presente anche il presidente Asif Ali Zardari, che ha cancellato il viaggio in Russia - per discutere della sostituzione del premier. Domani il capo dello Stato potrebbe presentarsi davanti all'assemblea con un nuovo nome; ma la scelta è legata al raggiungimento di un accordo nell'incontro di oggi.  

Analisti e commentatori in Pakistan auspicano un passaggio di consegne "calmo" in attesa di nuove elezioni, se possibile anticipate, per restituire serenità e fiducia alla politica del Paese. Per gli esperti l'ormai ex premier Gilani deve accettare la sentenza dei giudici, che lo hanno dichiarato "incompatibile" perché condannato due mesi fa per "oltraggio alla Corte" in una vicenda di corruzione in cui sarebbe coinvolto il presidente Zardari. Al contempo, essi auspicano che i movimenti di opposizione non traggano un indebito profitto dalla situazione e che non si arrivi a uno scontro frontale fra poteri esecutivo e giudiziario.

Interpellato da AsiaNews, mons. Rufin Anthony sottolinea che "tutti i partiti devono riunirsi e dialogare", trovare delle "soluzioni" piuttosto che pensare al tornaconto personale. Egli spiega che "il disprezzo della Corte", reato per il quale è stato condannato Gilani a una pena "simbolica", è un elemento più "particolare" rispetto ad altre esigenze diffuse come i diritti umani di base. "La nazione manca di acqua, elettricità, cibo a prezzi economici - conclude il prelato - lo Stato di diritto è assente e la corruzione dilaga ovunque. Preghiamo i nostri leader, perché in un momento così delicato sappiano prendere decisioni sagge".

Emergono invece opinioni contrastanti fra i membri del Parlamento: Saleem Khursheed Khokhar di Karachi sottolinea la "spaccatura" fra esecutivo e giudiziario e non è "soddisfatto" della decisione dei giudici. Pervaiz Rafique, del Ppp, aggiunge che "la Corte suprema e il giudice capo hanno superato i limiti imposti dalla Costituzione". Joel Sohtra, di Lahore, giudica invece "eccellente" il verdetto del massimo organismo giuridico pakistano, che compie "un nuovo passo" verso il raggiungimento di una "piena indipendenza". "Questo governo incompetente - chiosa il deputato - sta ridicolizzando il sistema giudiziario". Infine il politico cattolico Tarseed Javed, originario di Sialkot, secondo cui il capo dello Stato dovrebbe "annunciare la data delle prossime elezioni generali", perché anche nel caso in cui dovesse nominare un nuovo premier, i supremi giudici "lo costringeranno a formulare la rogatoria alle autorità svizzere". Insomma, il presidente Zardari non sfuggirà ai giudici anche se riuscisse nell'intento di far sopravvivere questa legislatura.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/06/2012 PAKISTAN
Islamabad, Corte suprema: Gilani è incompatibile con la carica di premier
18/01/2012 PAKISTAN
“Memo-gate”: il testimone chiave in Pakistan, per deporre davanti ai giudici
di Jibran Khan
16/01/2012 PAKISTAN
Islamabad, scontro fra poteri: esercito e magistrati minacciano l’esecutivo
31/01/2015 SRI LANKA
Colombo, per la prima volta un tamil guida la Corte Suprema
17/12/2009 PAKISTAN
Islamabad: l’opposizione chiede le dimissioni del presidente Zardari

In evidenza
IRAQ-EUROPA
Arcivescovo di Baghdad: Persecuzione dei cristiani, frutto del fondamentalismo e del calcolo politico internazionale
di Jean Benjamin Sleiman*Le persecuzioni hanno degli esecutori, ma vi sono pure dei mandanti e degli sponsor che non si vedono. Esse rispondono a progetti politici e non sono solo frutto della fiamma dell’intolleranza religiosa. Per mons. Sleiman, con le violenze contro i cristiani si sta attuando un programma di disgregazione dell’Iraq e del Medio oriente. Occorre fermare le violenze, ridare ai cristiani piena cittadinanza, riaffermare lo Stato come garante della convivenza. L’intervento dell’arcivescovo di Baghdad dei latini al Parlamento europeo.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate