12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2017, 11.08

    TAJIKISTAN

    Via libera del senato: la polizia potrà spiare i siti visitati dai tagiki



    Secondo un parlamentare, l’80% dei cittadini che hanno accesso a internet visitano siti di organizzazioni terroristiche. Per un esperto, la vera cifra dovrebbe essere intorno al 5%, mentre l'80% è la percentuale delle reclute dell'Isis avvicinate attraverso internet. Giro di vite delle autorità tagike sulle comunicazioni.

     

    Dushanbe (AsiaNews/Ferghana) – I corpi di polizia del Tajikistan potranno controllare i siti visitati dai cittadini. Questa è l’iniziativa che, a quanto riporta l’agenzia AsiaPlus, l’alta camera del parlamento tagiko ha approvato lo scorso 12 luglio.

    L’emendamento alla legge sulle “Attività operative e di ricerca” era stato proposto dal capo dell’apparato esecutivo del presidente Ozoda Rakhmon – la figlia maggiore del presidente Emomali Rakhmon. Ciò sarebbe stato possibile perché secondo Jurakhon Majidzoda, membro della camera bassa del parlamento, l’80% dei circa 3 milioni di cittadini tagiki che hanno accesso a internet “visitano i cosiddetti siti indesiderabili legati ad organizzazioni estremiste e terroriste”. Non sono chiare le fonti su cui il parlamentare ha basato tali affermazioni.

    Muhammadi Ibodulloev, capo della “Iniziativa civile per le politiche internet”, ha contestato le parole di Majidzoda affermando che si tratta di un “fraintendimento” e che ogni “sondaggio su questo argomento dimostrerà che non è così. La percentuale di simili utenti potrebbe essere intorno al 5%”. Ibodulloev ha continuato dicendo che al centro per gli studi strategici si dice invece che “più dell’80% dei giovani che si sono uniti ai ranghi dello Stato islamico ci sono arrivati attraverso reclutatori che lavorano, in particolare, su internet”.

    Il recente provvedimento non è che l’ennesimo nel giro di vite delle autorità tagike sulle comunicazioni. Nel novembre del 2015, il parlamento aveva approvato un emendamento per bloccare l’accesso a internet e alle comunicazioni mobili durante operazioni anti-terrorismo: il Comitato nazionale per la sicurezza nazionale da allora può limitare l’accesso a tutti i tipi di comunicazione elettronica senza la decisione di una corte, non solo nelle aree in cui si attuano operazioni di contro-terrorismo, ma in tutto il Paese. Inoltre, nel 2016 il governo tagiko ha adottato un decreto per censurare programmi TV e radio, imporre condanne penali per aver insultato il presidente Rakhmon. A novembre, il centro di interconnessione unificato ha cominciato a monitorare la rete: tutto il traffico in entrata e in uscita delle comunicazioni internet e mobili passano attraverso il centro, che permette ai servizi speciali di sentire direttamente le conversazioni, controllare e monitorare il traffico internet.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/11/2013 TAJIKISTAN
    Dushanbe: rieletto (come previsto) il presidente Rakhmon. Resta fino al 2020
    L'uomo forte del Tajikistan è al potere dal 1994: con l'83,6% dei voti ha conquistato il suo quarto mandato presidenziale consecutivo. Le opposizioni denunciano "intimidazioni" nel processo elettorale, ma per ora non hanno presentato ricorsi.

    03/08/2017 14:50:00 CINA
    Apple fa un favore alla censura di Pechino: ‘Dobbiamo rispettare la legge’

    Rimossi i servizi per le Reti private virtuali. Le Virtual Private Networks (Vpn) vengono utilizzate dai cinesi per sottrarsi al controllo di Pechino sulle informazioni. Tim Cook, amministratore delegato Apple: “Rispettiamo la legge ovunque facciamo affari”. I critici: l’accordo con il governo cinese è un cambio di strategia per il cattivo andamento degli affari nel Paese. I ricavi di Apple sono scesi del 10% rispetto al 2016.



    19/08/2016 14:10:00 CINA
    Giro di vite contro la Rete: Pechino vuole censurare lo streaming

    Il governo teme le trasmissioni video in diretta su internet e chiede un controllo “a tempo pieno” ai provider che le consentono. Tuttavia l’enorme numero di utenti e la mole dei contenuti immessi rende l’obiettivo difficilissimo da raggiungere.



    23/10/2006 CINA
    Pechino vuole schedare 17 milioni di bloggers

    Secondo il presidente della Società governativa per Internet, comunicare i dati reali degli utenti è una scelta obbligata. Al vaglio la proposta di impedire la pubblicazione di opinioni sotto pseudonimo.



    20/06/2006 Cina
    Pechino, nuova ondata di censura: bloccata la ricerca sui maggiori siti cinesi

    Sina e Sohu, i maggiori portali di ricerca su Internet cinesi, sono stati bloccati perché "non sono riusciti a mantenere gli standard governativi e filtrare le parole chiave ritenute politicamente pericolose". Si allunga la lista delle compagnie che accettano la censura del governo.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®