26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/08/2006
Medio Oriente - Europa
Viaggio di Kofi Annan in Europa e Medio oriente, compreso l'Iran

Alle lentezze della comunità internazionale rispondono le minacce di Siria e Hezbollah.



Bruxelles (AsiaNews) - Kofi Annan sta per iniziare un viaggio in Europa e Medio oriente, per tentare di applicare con più forza la risoluzione 1701 sulla fine del conflitto Israele – Hezbollah. Domani il segretario Onu si incontra con i ministri degli esteri dell'UE per spingerli ad essere più generosi nel donare truppe fino a raggiungere la quota 15 mila che dovrebbe spiegarsi al confine israelo-libanese insieme a 15 mila truppe dell'esercito libanese.

Dopo Bruxelles, Annan andrà in Libano e Israele, per incontrare i responsabili dei due governi. Dopo un incontro con l'Autorità Palestinese, viaggerà nel Qatar, Turchia, Arabia saudita, Egitto, Giordania e "probabilmente - sono parole della sua portavoce – in Siria ed Iran".

"La visita in Iran  - ha continuato la portavoce – è per assicurarsi che tutti coloro che hanno un'influenza nell'applicare la risoluzione 1701 usino tale influenza in modo positivo".

Nella comunità internazionale l'Iran è sospettato di armare gli Hezbollah attraverso la Siria e di finanziare anche la "ricostruzione parallela" del Libano, con milioni di dollari offerti dalla milizia sciita direttamente alle vittime dei bombardamenti,scavalcando lo stato libanese.

Tutte le nazioni europee, meno l'Italia, lesinano sul numero di truppe da dare alla forza Onu o preferiscono un impegno di tipo umanitario. Ad ogni modo, Javier Solana, responsabile della politica estera della Ue, ha assicurato di poter garantire per almeno 4 mila soldati.

Domani Kofi Annan offrirà ai membri Ue anche le nuove regole di ingaggio. Nei giorni scorsi molte discussioni vertevano su chi deve disarmare gli Hezbollah e sulla possibilità di sparare per le truppe. Un documento Onu sulle nuove regole – diffuso ufficiosamente da diverse agenzie – sembra dare il permesso ai soldati di sparare per legittima difesa, di usare la forza per proteggere civili, e di resistere a tentativi armati che interferiscono con il dovere delle truppe Onu. L'uso della forza "compresa la forza letale" è autorizzato per difendere i soldati libanesi, se vengono minacciati da gruppi o da persone armate.

Alla lentezza della comunità internazionale fanno da pendant le velate minacce da parte di alcuni degli attori della scena mediorientale. Ieri Bashar Assad ha avvertito che se le truppe Unifil si schiereranno sul confine siro-libanese [considerato il confine da cui gli Hezbollah ricevono armamenti - ndr], Damasco considererà questo "un atto ostile" e minaccia di chiudere la frontiera siro-libanese anche la commercio.

Ieri Ghaleb Abu Zeinab, membro della leadership di Hezbollah, ha avvertito che Toni Blair – in procinto di viaggiare in Medio oriente – "non è benvenuto in Libano". Parlando "non solo a nome degli Hezbollah, ma di tutto il popolo libanese", gli ha detto che i bombardamenti Israeliani di Beirut e del sud libano sono il frutto della politica del premier britannico.

Intanto prosegue il blocco navale israeliano su tutta la costa libanese. Israele ha riaffermato che il blocco continuerà fino a che l'Unifil non sarà totalmente dispiegata. Il blocco navale mira a prevenire rifornimenti in armi agli Hezbollah nel sud. A causa del blocco, almeno 18 mila container non sono arrivati a Beirut. Le industrie mancano di combustibile e manodopera e lavorano al 20% delle loro possibilità.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/09/2006 libano - onu
Cominciato lo sbarco delle truppe italiane nel sud Libano
04/09/2006 iran - onu
Successi e fallimenti di Annan a Teheran
10/08/2006 Libano – Medio Oriente
Da questa guerra inutile, una pace definitiva per il Medio Oriente?
di Samir Khalil Samir, sj
14/08/2006 Libano – Israele
Tiene per ora il cessate-il-fuoco fra Israele ed Hezbollah
12/08/2006 Israele – Libano – Nazioni Unite
Votata la risoluzione Onu, ma Israele ed Hezbollah si combattono ancora

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate