30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/01/2016, 16.30

    EMIRATI ARABI UNITI – INDIA

    Vicario dell’Arabia meridionale: Anche nei Paesi musulmani nascono vocazioni



    Mons. Paul Hinder ha presieduto la cerimonia di ordinazione di p. Darick Paul D’Souza e di p. Arun Raj Manuel. I sacerdoti sono figli di emigrati indiani, per i quali la Chiesa rappresenta “il domicilio spirituale”. “Chi vive all’estero vede nella comunità cristiana la propria casa, all’interno di una marea culturale diversa dalle proprie tradizioni”. La miglior prova di convivenza tra religioni diverse “si basa sulla testimonianza quotidiana della vita cristiana”.

    Abu Dhabi (AsiaNews) – Anche se negli Stati del Golfo il cristianesimo è una religione di minoranza, “continua a esserci fertilità vocazionale. Lo testimoniano le ordinazioni di due sacerdoti di origine indiana: p. Darick Paul D’Souza (del Karnataka) e p. Arun Raj Manuel (del Kerala)”. Lo dice ad AsiaNews mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale, che gioisce per “le prime ordinazioni cristiane mai avvenute nella storia degli Emirati Arabi Uniti. Esse sono state una vera festa per tutta la comunità”.

    L’ordinazione dei due sacerdoti cappuccini è avvenuta lo scorso 8 gennaio, festa del Battesimo del Signore. Mons. Hinder riferisce che erano presenti oltre 4mila fedeli, entusiasti di “partecipare ad un evento straordinario”.

    I due sacerdoti sono nati in India, ma si sono trasferiti negli Emirati quando erano molto piccoli, al seguito dei genitori immigrati per lavoro. “Qui l’80% della popolazione proviene dall’estero – riferisce il vicario – in cerca di un futuro migliore per la propria famiglia e i propri figli”. La Chiesa rappresenta per queste persone “il domicilio spirituale, e la comunità cristiana una casa all’interno di una marea culturale diversa dalla propria tradizione”.

    P. Darick e p. Arun appartengono a due famiglie cattoliche dell’India. La molla che ha fatto scattare “la loro vocazione è stato con ogni probabilità quando io sono stato ordinato vescovo. Per entrambi quello è stato un momento davvero importante, qualcosa di inaspettato”.

    Il vicario apostolico racconta come in seguito alla sua nomina i due cattolici si siano avvicinati a lui e gli abbiano chiesto di aiutarli a “riconoscere la loro vocazione e a indirizzarli nel cammino della missione cristiana. Ma io non potevo garantire la loro presenza qui nel Vicariato, a causa delle leggi civili di questo Paese”. Alla fine i due giovani hanno scelto di ritornare nella diocesi di origine dei loro genitori ed entrare a far parte dell’Ordine dei Frati minori cappuccini. “Qui hanno svolto la loro formazione sacerdotale”.

    Per la cerimonia di ordinazione però, mons. Hinder ha chiesto ai superiori provinciali di poter organizzare l’evento ad Abu Dhabi. “I superiori hanno accettato – continua – e quindi la cerimonia si è svolta qui. I due giovani erano contentissimi di essere ordinati dove sono cresciuti e dove è nata la loro vocazione. Per i cattolici poi la loro celebrazione è stata una vera e propria gioia e a migliaia hanno voluto partecipare”.

    Al termine della messa i sacerdoti hanno ringraziato la comunità, da “cui hanno avuto il sostegno per far crescere la loro vocazione”. In questo momento hanno già fatto ritorno in India “dove domenica prossima (24 gennaio) li attende un’altra cerimonia nelle rispettive parrocchie e poi un periodo di apostolato nelle comunità. Ma non è detto che in futuro non ritornino negli Stati del Golfo”.

    Per quanto riguarda la convivenza della comunità cristiana in un’area a maggioranza musulmana, conclude il vescovo, “la cosa più importante è la testimonianza della fede sul luogo di lavoro, tra i vicini, nella vita di tutti i giorni. Quello che conta è essere onesti e testimoniare con il proprio atteggiamento la dottrina cristiana”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/02/2016 12:44:00 INDIA - EMIRATI ARABI UNITI
    Sacerdote indiano in Arabia: Ad Abu Dhabi tanti non cattolici adorano Cristo!

    P. Arun Raj Manuel proviene da una famiglia originaria del Kerala. È stato ordinato sacerdote da mons. Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale. “Tutti i miei amici, cristiani e musulmani, mi hanno incoraggiato a seguire la vocazione”. Gli amici musulmani erano presenti alla cerimonia dell’ordinazione “e ho visto che erano felici”. Ad Abu Dhabi le persone dicono che “noi cattolici siamo speciali”. Per testimoniare il Vangelo “non serve fare i coraggiosi, ma vivere in Cristo”.



    30/10/2007 EMIRATI ARABI UNITI
    Espulsi a Dubai 4mila operai che hanno scioperato
    Nel Paese l’astensione dal lavoro è vietata. A manifestare chiedendo un trattamento migliore, persone in gran parte provenienti da India, Pakistan e Bangladesh, per lo più impegnate nella costruzione del più alto grattacielo del mondo.

    02/11/2007 EMIRATI ARABI UNITI
    A Dubai, dopo lo sciopero la polizia controllerà il rispetto dei diritti dei lavoratori
    Marcia indietro delle autorità, che dopo aver minacciato l’espulsione dei manifestanti, annunciano severe misure contro gli imprenditori che non rispettano le disposizioni in materia di lavoro.

    03/11/2012 INDIA – EMIRATI ARABI UNITI
    Abu Dhabi: pakistano uccide un medico indiano cristiano. L'ombra del fondamentalismo
    Il presunto colpevole, Mohamed Abdul Jamil, ha inferto otto coltellate al dr. Rajan Daniel. Ancora ignoto il motivo del gesto. Il Global Council of Indian Christians (Gcic) critica il silenzio del governo indiano e denuncia il crescente radicalismo - indù e islamico - in India.

    05/11/2012 INDIA – EMIRATI ARABI UNITI
    Medico cristiano ucciso ad Abu Dhabi: nessuna novità, nemmeno dall’India
    Il primario di urologia all’Ahalia Hospital descrive l’ucciso, il dr. Rajan Daniel, un “gentiluomo molto religioso”. Poche ore prima della sua morte, la vittima ha voluto leggere la Bibbia. A ucciderlo sarebbe stato un uomo di nazionalità pakistana, forse un suo paziente.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®