05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/02/2016, 12.31

    SIRIA

    Vicario di Aleppo: I siriani non vogliono più la guerra, sono gli stranieri a fomentarla



    L’esercito regolare avanza nella regione. Migliaia di civili e miliziani in fuga. Per mons. Georges Abou Khazen i migranti cristiani sono una risorsa “nel servizio pastorale ed ecclesiale”. Egli esorta a testimoniare il Vangelo ai musulmani, missione “nel segno dei tempi”. Dal dramma dei cristiani il miracolo dell’incontro fra Francesco e Kirill. La Quaresima occasione di ecumenismo del sangue. 

    Aleppo (AsiaNews) - L’esercito regolare siriano, con la collaborazione dei russi, "ha iniziato la campagna di liberazione della regione di Aleppo. Fra i civili in fuga, vi sono anche combattenti del fronte dei ribelli con le loro famiglie, la gente ha paura. Ma l’obiettivo dei militari è ripulire il territorio e far rientrare i civili; e in alcune aree questo è già successo”. È quanto riferisce ad AsiaNews il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, raccontando gli ultimi sviluppi della guerra nella “capitale del nord” della Siria. “L’obiettivo è liberare la zona dai miliziani estremisti - spiega il prelato - e permettere alle persone di rientrare nelle loro case. In alcune aree hanno riaperto le scuole ed è tornata parte della fornitura di luce e acqua”. 

    Secondo fonti Onu l’assedio dell’esercito ad Aleppo, un tempo hub commerciale e industriale della Siria, potrebbe privare fino a 300mila persone degli aiuti. Dal 2012 la città è divisa in due, con la zona ovest sotto il controllo di Damasco e il settore orientale ai ribelli. Le Nazioni Unite chiedono alla Turchia di aprire i confini e consentire l’ingresso di 30mila rifugiati, accampati alla frontiera. 

    In una situazione di tensione, mons. Georges Abou Khazen intravede spiragli positivi: “Molti dei combattenti locali, dei guerriglieri siriani, chiedono di mettere fine alla guerra, vogliono anch’essi la riconciliazione e il dialogo con esercito e governo. Dove invece - aggiunge - vi è una prevalenza di miliziani stranieri e jihadisti, legati a potenze straniere della regione e fuori dalla regione, vincono le armi. È un dato di fatto che i locali vogliano trovare una via per il dialogo, cercando di evitare altre battaglie sanguinose per città e villaggi”. 

    La guerra in Siria, divampata nel marzo 2011 come moto di protesta popolare contro il presidente Bashar al-Assad e trasformata in conflitto diffuso con derive estremiste islamiche e jihadiste, ha causato oltre 260mila morti. Essa ha originato una delle più gravi crisi umanitarie della storia, costringendo 4,6 milioni di siriani a cercare riparo all’esterno, soprattutto in Giordania, Libano, Turchia, Iraq ed Egitto. Altre centinaia di migliaia hanno provato a raggiungere l’Europa, pagando a volte al prezzo della vita la traversata del Mediterraneo.

    Sul tema dei rifugiati, il vicario apostolico vuole lanciare un messaggio non solo alle Chiese, ma ai governi e ai cittadini di un’Europa sempre meno unita, che parla di “emergenza” immigrazione e, in alcuni casi, persino “invasione” e per questo vuole chiudere le frontiere. “Voi avete un afflusso di profughi, parte dei quali sono cristiani. Il vostro compito - spiega il prelato - non è solo aiutarli, ma ‘approfittare’ di loro perché è gente di fede. Vivono con gioia il servizio pastorale ed ecclesiale, possono essere un piccolo lievito anche per la vostra Chiesa dell’Occidente”. Allargando il discorso a tutti i migranti, compresi i musulmani, il vicario esorta a “non avere paura e di testimoniare loro il Vangelo. Questo è un segno dei tempi, perché prima i missionari dal Vecchio Continente andavano in tutto il mondo. Adesso da tutte le parti del mondo vengono da voi, in Europa, ed è vostro compito annunciare la Buona Novella senza fare proselitismo. Si tratta di dare una testimonianza”. 

    Tornando ad Aleppo, mons. Georges riferisce che “dove infuria la battaglia la situazione resta drammatica”, ma sono scontri che “non durano a lungo, al massimo due o tre giorni. Noi siamo da cinque mesi senza rifornimento di elettricità e da un mese senz’acqua - aggiunge - perché l’impianto che rifornisce la zona è nelle mani dello Stato islamico”. Di contro, il cibo c’è “anche se molto caro”, perché arriva in città “da un varco aperto dall’esercito”. La corrente viene fornita dai generatori, che “le famiglie pagano a caro prezzo in base al consumo settimanale”. 

    Il problema principale resta l’acqua, ma finora “i pozzi che abbiamo realizzato e che sono presenti anche in tutte le moschee e chiese” di Aleppo riescono a fronteggiare l’emergenza, dando da bere “a cristiani e musulmani senza fare distinzioni”. Dal governo arrivano poi autocisterne che si piazzano in diversi punti della città e sono in fase di scavo nuovi pozzi. 

    Da ultimo, il prelato rivolge un pensiero alla Quaresima che - per le Chiese orientali - è iniziata l’8 febbraio. “È un periodo molto sentito dai fedeli, ad Aleppo, in Siria e in tutto il Medio oriente. Quest’anno desideriamo che diventi strumento per chiedere la pace”. Il dramma dei cristiani in Siria e Iraq, racconta mons. Georges, ha già prodotto “un primo miracolo: l’incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, alla cui base vi è la comune attenzione per la sofferenza dei cristiani della regione”. Questa, aggiunge, è una “fonte di consolazione, il segno che il nostro dolore ha dato un frutto inaspettato e ora continuiamo a sperare nella pace e nella misericordia”. In questo tempo quaresimale nelle chiese si terranno messe, prediche, ritiri, via crucis alle quali, conclude, cui “partecipano maroniti, latini, caldei, ortodossi… in fondo noi viviamo sul terreno e sperimentiamo già l’ecumenismo del sangue”.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/02/2016 09:07:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Il fronte “moderato” è come i jihadisti, bombarda civili e non vuole la pace

    Per mons. Georges Abou Khazen i civili in città sono “sotto continui bombardamenti”. Nei quartieri cristiani almeno quattro vittime e oltre 15 feriti. Case ed edifici danneggiati. Dietro le violenze vi sono i cosiddetti gruppi “di opposizione moderata”. Ankara bombarda postazioni curde in Siria e preme (con Riyadh) per l’intervento di terra.



    11/02/2016 08:57:00 SIRIA
    Croce rossa: Altri 50mila civili scappano dai combattimenti ad Aleppo

    L’escalation del conflitto ha acuito la crisi umanitaria. Gran parte della città è priva di acqua. L’esercito governativo avrebbe bloccato le vie di rifornimento alle zone sotto assedio, “pressione enorme” sui civili. Msf: sistema sanitario vicino “al collasso”. I combattenti curdi strappano una base aerea militare ai miliziani nella provincia. 



    19/08/2016 13:15:00 SIRIA
    Nunzio a Damasco: Gli occhi dei bambini, specchio delle atrocità commesse in Siria

    Da agosto non arrivano aiuti nelle aree sotto assedio. Chiesta la sospensione dei bombardamenti su Aleppo. Il volto di un bambino salvato dalle macerie è l’immagine del conflitto siriano. Mons. Zenari: “Non si vede la fine del tunnel”, fondamentale “l’accesso agli aiuti umanitari”. 



    27/10/2015 SIRIA
    Siria, Papa fonte di speranza di pace: la voce delle famiglie (cristiana e musulmana) di Aleppo
    AsiaNews ha incontrato due famiglie di Aleppo che raccontano la vita sotto la guerra e le speranze per il futuro. Nel Paese si combatte una guerra economica, alimentata dalla propaganda straniera. Musulmano siriano: la rivolta delle opposizioni è il “rancore di una banda di criminali”. Leader cristiano: una guerra per il profitto delle grandi nazioni. Francesco fonte di consolazione.

    20/10/2015 SIRIA
    Vicario di Aleppo: col sostegno russo, avanza l’esercito siriano. In città migliora la sicurezza
    Almeno 70mila persone in fuga dalla periferia sud della città; cresce la presenza militare russa e iraniana. Mons. Abou Khazen: Mosca più “efficace” degli Stati Uniti nella lotta ai jihadisti. Washington e sauditi “legittimano” estremisti come al Nusra. Il prelato auspica un “processo politico” per il futuro del Paese. Cristiani e musulmani ringraziano il papa per la vicinanza.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®