15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/09/2012, 00.00

    INDIA

    Violenze della polizia sui manifestanti antinucleare: due morti e una chiesa profanata

    Nirmala Carvalho

    Le vittime sono un pescatore di 44 anni e una bambina di 6. L’uomo è stato ucciso da un colpo esploso dalle forze dell’ordine; la piccola è stata travolta. Un sacerdote denuncia le “atrocità” commesse dagli agenti: aggressioni a manifestanti disarmati e nonviolenti; statue della Madonna distrutte e profanate.

    Mumbai (AsiaNews) - Due morti e una chiesa profanata; manifestanti pacifici trattati dalla polizia come criminali; poi aggrediti e insultati, anche su base religiosa, in modo "brutale e ingiustificato". È il quadro dipinto ad AsiaNews da p. X.D. Silvaraj, attivista sociale, sulle violenze esplose ieri a Idinthakari, epicentro delle proteste pacifiche contro l'impianto nucleare di Kudankalam (Tamil Nadu). La prima vittima è Anthony John, pescatore di 44 anni originario del distretto di Tuticurin. L'uomo è morto per un colpo esploso dalla polizia, che aveva aperto il fuoco per disperdere un gruppo di persone. La seconda è una bambina di 6 anni, travolta nella fuga generale. Al momento non v'è traccia dei genitori.

    "Le persone - racconta p. Silvaraj - avevano le mani libere, non portavano armi. Erano lì per una protesta nonviolenta. Molti di loro erano donne e bambini, ma la polizia li ha attaccati come fossero criminali. Alcuni agenti hanno insultato i manifestanti per la loro religione [la maggior parte è cattolica, ndr]. Altri si sono introdotti nella chiesa locale: hanno urinato vicino alla statua di Nostra Signora di Lourdes, poi l'hanno scaraventata a terra. Si sono accaniti anche su una piccola statua della Madonna, distruggendola e urinando sui resti".

    Come se non bastasse, alcuni poliziotti - spiega il sacerdote - "hanno gettato fango e sabbia nel cibo che le donne stavano cucinando per i manifestanti. Sono entrati nelle case, minacciando e terrorizzando le persone, dicendo che stavano cercando i leader della protesta". La gente, aggiunge p. Silvaraj, "chiede di aprire un'inchiesta giudiziaria sulle atrocità commesse dalla polizia".

    Le forze dell'ordine negano ogni coinvolgimento nell'incidente della chiesa. Secondo le autorità, ong straniere fomentano e finanziano le proteste degli attivisti antinucleare. Proprio sulla base di queste accuse, nel febbraio scorso il governo del Tamil Nadu ha congelato i conti bancari di quattro ong, comprese la Tuticurin Diocesan Association e la Tuticurin Multipurpose Social Service Society, guidate da mons. Yvon Ambroise, vescovo di Tuticurin.

    Firmato nel 1988 ma avviato solo nel 1997, il progetto dell'impianto nucleare russo di Kudankulam ha subito diversi rinvii, per ritardi nella fornitura di componenti e l'ostruzionismo della gente. L'11 settembre 2011, più di 127 persone del villaggio di Idinthakarai hanno iniziato a digiunare in segno di protesta. Dopo 12 giorni, la gente ha interrotto lo sciopero della fame per le promesse (non mantenute) di J. Jayalitha, chief minister dello Stato, che aveva garantito di fermare il progetto. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2012 INDIA
    Card. Gracias: La profanazione di Nostra Signora di Lourdes, gesto volgare e vergognoso
    Il presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci) condanna gli atti vandalici compiuti da poliziotti durante i disordini di Idinthakarai, esplosi dopo le proteste (pacifiche) antinucleare di Kudankulam. Gli agenti hanno distrutto due statue della Madonna e vi hanno urinato sopra.

    02/11/2012 INDIA
    Noam Chomsky: Con il nucleare di Kudankulam, l’India rischia una nuova Bhopal
    Il noto linguista americano firma una lettera di solidarietà per il popolo del Tamil Nadu, che da tempo si batte contro la costruzione dell’impianto atomico. Come lui, altri intellettuali e personalità nazionali e internazionali esprimono il loro sostegno alla gente di Kudankulam. Per diffondere la protesta, il movimento anti-nucleare lancia il sito CounterCurrents.

    09/03/2012 INDIA
    Vescovi del Tamil Nadu al governo: Basta tormentare i cristiani di Tuticorin
    Le autorità ancora non sbloccano i conti bancari di due ong diocesane guidate dal vescovo Yvon Ambroise, per presunti finanziamenti illeciti della protesta antinucleare. Portavoce delle organizzazioni: “Governo ridicolo, quei fondi servono per orfanotrofi e malati”. I servizi delle ong sono rivolti soprattutto a indù.

    21/03/2012 INDIA
    Tamil Nadu, protesta antinucleare: 200 arresti. Fermato anche un prete
    Manifestavano in modo pacifico contro l’impianto di Kudankulam. Il governo ha dato il via libera ai lavori. Secondo un gesuita, l’India ha bisogno dell’energia nucleare, “fondamentale nel garantire riserve energetiche all’India, ridurre l’inquinamento atmosferico e ottenere vantaggi economici. La gente deve solo essere educata”.

    22/10/2013 INDIA
    Tamil Nadu: è operativa la contestata centrale nucleare di Kudankulam
    L’impianto indo-russo è stato avviato proprio mentre è in corso a Mosca un summit tra il primo ministro indiano Singh e il presidente russo Putin. Per anni il progetto ha subito rinvii, soprattutto per le proteste della popolazione locale. Gli abitanti della zona temono che l’inquinamento prodotto dagli scarichi contaminerà la Baia del Bengala.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®