29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/06/2012, 00.00

    CINA - RUSSIA

    Vladimir Putin a Pechino, con in mente il commercio e l'Eurasia

    Wang Zhicheng

    Nella sua prima visita di Stato, dopo la sua elezione a presidente, Putin firmerà 17 accordi economici per portare il volume degli scambi a 100 miliardi di dollari Usa nel 2015. La partecipazione alla Shanghai Cooperation Organization per rafforzare i legami di sicurezza e commerciali, e costruire una regione eurasiatica "sempre più influente" nella riforma del sistema monetario e finanziario mondiale.

    Pechino (AsiaNews) - Il presidente cinese Hu Jintao ha incontrato quest'oggi Vladimir Putin, nella sua prima visita alla Cina dopo la rielezione a presidente della Russia. La visita di Stato durerà da oggi fino al 7 giugno. In essa è compresa anche la sua partecipazione al 12mo Incontro dei capi di Stato membri della Shanghai Cooperation Organization (Sco), che si tiene domani e dopodomani.

    Il leader russo ha al suo seguito sei ministri insieme ai capi della Gazprom e altre aziende energetiche. Si prevede che Russia e Cina formeranno almeno 17 accordi commerciali portando - secondo le previsioni - il volume dei commerci fino a 100 miliardi di dollari Usa nel 2015 e 200 miliardi nel 2020.

    Molti media internazionali sottolineano che il problema più importante di cui Putin e Hu hanno parlato è la tragica situazione della Siria. Ma senza escludere questo - Mosca e Pechino sono alleati nel prevenire ogni intervento militare esterno nel Paese del Medio Oriente - la visita ha un molto più grande valore geopolitico. Una maggiore alleanza economica fra Cina e Russia metterebbe insieme un Paese con un'alta crescita e assetato di energia con un Paese fra i più ricchi di energia.

    Un editoriale della Xinhua di oggi sottolinea che questi passi potrebbero rendere "la regione dell'Eurasia una delle più dinamiche del mondo".

    Uno strumento ancora più importante per raggiungere questo scopo è proprio la Sco. Fondata nel 2001, la Sco era conosciuta all'origine come lo "Shanghai 6", e comprendeva la Cina, la Russia e le quattro repubbliche ex sovietiche: Kazakistan, Tagikistan, Uzbekistan e Kirghizistan. All'inizio il suo scopo era di esercitare una comune vigilanza sulla sicurezza e contro il terrorismo (soprattutto islamico). Ma il gruppo è divenuto sempre più un luogo di scambio e di aiuto economico, a cui oggi partecipano anche l'India, l'Iran, la Mongolia e il Pakistan come osservatori, la Bielorussia e lo Sri Lanka come partner. Nell'incontro di domani si dovrebbero aggiungere anche l'Afghanistan, come osservatore, e la Turchia come partner nel dialogo. Il summit vuole anche spingere alla costruzione di una rete di trasporti transnazionali, oltre che a fondare una banca regionale.

    L'editoriale della Xinhua spiega che grazie "a queste due ruote", l'economia e  la sicurezza, la Sco sta diventando un "sempre più influente gruppo regionale". Rafforzando i legami fra Cina e Russia, esso potrà far sentire la sua voce in una possibile riforma del sistema monetario e finanziario internazionale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2012 ASIA CENTRALE- CINA
    Il gruppo di Shanghai si evolve verso una nuova Via della Seta
    All'incontro del prossimo giugno, entrano anche l'Afghanistan e la Turchia. A tema il potenziamento di vie di comunicazione e la fondazione di una banca regionale. La competizione economica e militare con i piani Usa per l'area Asia-Pacifico. È urgente una maggiore collaborazione fra i popoli e le culture della regione.

    22/06/2016 10:17:00 RUSSIA - CINA
    Vladimir Putin vola a Pechino. In agenda: energia, trasporti e commercio

    Il presidente russo è atteso da Xi Jinping il 25 giugno. L’agenda dell’incontro non è ancora nota ma le diplomazie hanno anticipato la possibile firma di una trentina di accordi. Cinesi potrebbero partecipare alla privatizzazione di Rosneft.



    28/08/2008 RUSSIA - CINA - INDIA
    Mosca cerca appoggi sulla Georgia, ma Cina e India temono il separatismo
    Il presidente russo cerca sostegno alla decisione di riconoscere l’indipendenza alle due regioni della Georgia, la Sud Ossezia e l’Abkhazia. Ma sia Pechino che New Delhi hanno problemi interni di separatismo. Dare l’ok all’indipendenza, significa rischio sbriciolamento per i due giganti asiatici.

    12/06/2010 RUSSIA-CINA-ASIA CENTRALE
    La Sco apre a India e Pakistan, ma non all’Iran
    Il summit della Shanghai Cooperation Organization, conclusosi ieri in Uzbekistan, per la prima volta ha previsto la partecipazione di nuovi membri. Divieto di ingresso per chi è sottoposto a sanzioni Onu. Per evitare proteste durante il summit, la polizia uzbeka mette gli attivisti pro-diritti agli arresti domiciliari.

    29/08/2008 RUSSIA – GEORGIA
    Russia isolata; Putin accusa gli Usa di aver preparato il conflitto in Georgia
    In un’intervista alla Cnn, il leader russo si scaglia contro i “vantaggi elettorali” degli Stati Uniti, alla base di un loro presunto intervento in Georgia. Fallisce la ricerca di appoggi all’indipendenza delle regioni separatiste da parte di Cina e repubbliche dell’Asia centrale. Tensione montante con Usa e Ue.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®