2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/06/2012
CINA - RUSSIA
Vladimir Putin a Pechino, con in mente il commercio e l'Eurasia
di Wang Zhicheng
Nella sua prima visita di Stato, dopo la sua elezione a presidente, Putin firmerà 17 accordi economici per portare il volume degli scambi a 100 miliardi di dollari Usa nel 2015. La partecipazione alla Shanghai Cooperation Organization per rafforzare i legami di sicurezza e commerciali, e costruire una regione eurasiatica "sempre più influente" nella riforma del sistema monetario e finanziario mondiale.

Pechino (AsiaNews) - Il presidente cinese Hu Jintao ha incontrato quest'oggi Vladimir Putin, nella sua prima visita alla Cina dopo la rielezione a presidente della Russia. La visita di Stato durerà da oggi fino al 7 giugno. In essa è compresa anche la sua partecipazione al 12mo Incontro dei capi di Stato membri della Shanghai Cooperation Organization (Sco), che si tiene domani e dopodomani.

Il leader russo ha al suo seguito sei ministri insieme ai capi della Gazprom e altre aziende energetiche. Si prevede che Russia e Cina formeranno almeno 17 accordi commerciali portando - secondo le previsioni - il volume dei commerci fino a 100 miliardi di dollari Usa nel 2015 e 200 miliardi nel 2020.

Molti media internazionali sottolineano che il problema più importante di cui Putin e Hu hanno parlato è la tragica situazione della Siria. Ma senza escludere questo - Mosca e Pechino sono alleati nel prevenire ogni intervento militare esterno nel Paese del Medio Oriente - la visita ha un molto più grande valore geopolitico. Una maggiore alleanza economica fra Cina e Russia metterebbe insieme un Paese con un'alta crescita e assetato di energia con un Paese fra i più ricchi di energia.

Un editoriale della Xinhua di oggi sottolinea che questi passi potrebbero rendere "la regione dell'Eurasia una delle più dinamiche del mondo".

Uno strumento ancora più importante per raggiungere questo scopo è proprio la Sco. Fondata nel 2001, la Sco era conosciuta all'origine come lo "Shanghai 6", e comprendeva la Cina, la Russia e le quattro repubbliche ex sovietiche: Kazakistan, Tagikistan, Uzbekistan e Kirghizistan. All'inizio il suo scopo era di esercitare una comune vigilanza sulla sicurezza e contro il terrorismo (soprattutto islamico). Ma il gruppo è divenuto sempre più un luogo di scambio e di aiuto economico, a cui oggi partecipano anche l'India, l'Iran, la Mongolia e il Pakistan come osservatori, la Bielorussia e lo Sri Lanka come partner. Nell'incontro di domani si dovrebbero aggiungere anche l'Afghanistan, come osservatore, e la Turchia come partner nel dialogo. Il summit vuole anche spingere alla costruzione di una rete di trasporti transnazionali, oltre che a fondare una banca regionale.

L'editoriale della Xinhua spiega che grazie "a queste due ruote", l'economia e  la sicurezza, la Sco sta diventando un "sempre più influente gruppo regionale". Rafforzando i legami fra Cina e Russia, esso potrà far sentire la sua voce in una possibile riforma del sistema monetario e finanziario internazionale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/05/2012 ASIA CENTRALE- CINA
Il gruppo di Shanghai si evolve verso una nuova Via della Seta
di Wang Zhicheng
28/08/2008 RUSSIA - CINA - INDIA
Mosca cerca appoggi sulla Georgia, ma Cina e India temono il separatismo
12/06/2010 RUSSIA-CINA-ASIA CENTRALE
La Sco apre a India e Pakistan, ma non all’Iran
29/08/2008 RUSSIA – GEORGIA
Russia isolata; Putin accusa gli Usa di aver preparato il conflitto in Georgia
06/06/2012 CINA - RUSSIA
L'asse Mosca-Pechino per ridurre l'influenza Usa in Asia
di Wang Zhicheng

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate