3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/09/2012
INDIA – USA
Volontari di multinazionali Usa in India, per imparare a vincere la crisi
È la strategia adottata dalla Dow Corning, che fornisce componenti in silicone per auto e paracaduti. L’azienda ha avviato progetti in cui gruppi di volontari forniscono competenze tecniche per aiutare a costruire macchinari e creare microimprese. In cambio, i dipendenti tornano con nuove idee e una maggiore conoscenza del mercato globale.

Mumbai (AsiaNews) - Rispondere alla crisi economica e dei mercati puntando su creatività, esperienza e sviluppo sostenibile, imparati da economie emergenti come quella dell'India. Lo ha fatto la multinazionale americana Dow Corning, che ha scelto di declinare e rinnovare la propria presenza sul mercato globale, inviando i propri dipendenti (tutti volontari) in realtà locali. Scopo del progetto Corporate Citizenship è di creare uno scambio bilaterale: da un lato, la società mette a disposizione della popolazione risorse e competenze tecniche; da un altro, l'immersione in una cultura diversa stimola le idee e l'invenzione di nuove strategie di mercato.

La Dow Corning fornisce componenti in silicone, usati nella produzione di vari articoli, dalle automobili ai paracadute. L'ultimo progetto lanciato in India è stato l'Ujire Project (2011, Karnataka): in collaborazione con l'SDM College, 10 volontari hanno lavorato insieme ai contadini di noci areca (v. foto), per aiutarli a costruire nuovi macchinari e trovare nuovi metodi per pelare tali frutti. Il gruppo ha anche aiutato le donne ad avviare microimprese, per favorire la loro emancipazione economica.

"Il programma - spiega Laura Asiala, direttore del Corporate Citizenship - si è rivelato una fonte davvero ricca e inesauribile di nuove idee". Terminato il progetto infatti, i volontari tornano con un bagaglio d'esperienza raddoppiato; una comprensione più attenta di quei mercati emergenti; la capacità di individuare possibili nuove opportunità di investimento e collaboratori.

Quella intrapresa dalla Dow Corning è una strada non solo percorribile, ma fruttuosa: lo confermano anche compagnie come la tedesca Sap Ag (Sap, software) e l'americana International Business Machines Corp. (Ibm, computer), che negli ultimi anni hanno avviato iniziative analoghe. La prima si è concentrata su Brasile, India e Sudafrica; la seconda su Cambogia e Nigeria. Su questa nuova frontiera si è espressa di recente anche la George Washington University, che in uno studio del 2012 ha detto: "Molte aziende ritengono che l'esperienza di volontariato internazionale d'impresa possa stimolare nuove idee e [favorire] l'apprendimento dei loro migliori dipendenti, in un modo che i tradizionali programmi di sviluppo della leadership non possono fare". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/10/2013 INDONESIA
Jakarta, 46 Ong contro l’Apec: no a globalizzazione e colonizzazione economica
di Mathias Hariyadi
02/07/2009 INDIA
Troppe regole frenano lo sviluppo economico dell’India
di CT Nilesh
11/01/2012 ASIA
Costruire grattacieli è segno di crisi economica
10/06/2009 CINA - RUSSIA - INDIA
I leader dei Paesi emergenti per una valuta alternativa al dollaro
10/06/2005 COREA DEL SUD
Vescovo sud-coreano: "anche a tavola cultura della vita"
di Theresa Kim Hwa-young

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate