06/02/2019, 15.55
CINA
Invia ad un amico

Wang Dan: Imparare dal Venezuela. Un cambio di regime solo con le persone in piazza

di Wang Dan

L'ex leader di Tiananmen, ora esule negli Stati Uniti, riflette sugli avvenimenti del Venezuela. Forse facendo il paragone con la situazione cinese. Dalla rivista ChinaChange.

Washington (AsiaNews) – Il 2 febbraio, decine di migliaia di venezuelani sono scesi di nuovo in strada, per chiedere un cambiamento. Scritto da Wang Dan (王丹), leader delle proteste studentesche di Tiananmen del 1989, questo articolo è stato pubblicato in cinese da Radio Free Asia il 25 gennaio. Dopo aver insegnato per anni a Taiwan, Wang Dan ora vive nell'area di Washington (Usa) e dirige il nuovo think tank Dialogue China. - Gli editori di China Change.

Il 23 gennaio, decine di migliaia di manifestanti si sono riversati nelle strade della capitale venezuelana per protestare contro il partito di governo e il presidente (Nicolás) Maduro. Di fronte a una folla esultante, che agitava le braccia in segno di sostegno, il trentacinquenne leader dell'opposizione (Juan Guaidó) si è proclamato “presidente ad interim” e subito ha ricevuto il riconoscimento dei Paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti e dai vicini dell'America Latina. L'attuale amministrazione venezuelana si trova di fronte a gravi sfide e, con molta probabilità, l’alternanza di regime troverà compimento in modo pacifico. Quanto successo in Venezuela, ancora una volta ci dice una cosa: è solo quando le persone scendono in piazza che il cambio di regime è possibile.

Perché, potresti chiedere? Semplicemente perché nei Paesi con dittature autoritarie, come la Cina e la Corea del Nord, non vi è alcun meccanismo che consenta alle persone di cambiare il regime attraverso elezioni e altri strumenti all'interno del sistema. Anche nei Paesi democratici, le persone che scendono in piazza sono il modo più efficace e diretto per attuare un cambiamento nel potere politico.

Il Venezuela non è uno Stato del tutto autoritario. Da tempo ha una democrazia costituzionale. Ma un sistema democratico non può garantire che un regime corrotto, di per sé, corregga i propri errori. Durante i quattro mandati della presidenza Chavez e quello del suo successore, Maduro, non è che l'opposizione non abbia tentato di rovesciare il loro dominio attraverso le elezioni, ma non ha potuto scuotere il potere radicato. Ciò era dovuto in parte alle scelte irrazionali degli elettori venezuelani, in parte al fatto che l'opposizione non poteva riunirsi e concordare congiuntamente un leader da proporre. Ma negli ultimi anni il partito di opposizione venezuelano ha continuato ad esplorare modi per risolvere i problemi all'interno del sistema, e la maggioranza dell'opinione pubblica ha sostenuto l'opposizione.

Nelle elezioni parlamentari del dicembre 2015, l'opposizione ha vinto 112 dei 167 seggi e assunto il controllo dell'Assemblea nazionale. Il mondo esterno pensava che ciò avrebbe esercitato un efficace controllo sul comportamento antidemocratico dell'attuale governo. Tuttavia, il 18 agosto 2017, Maduro ha anche utilizzato un metodo all'interno del sistema per annunciare l'istituzione dell'Assemblea costituente. Questa Assemblea costituente, con potere legislativo diretto, ha fatto sì che l'Assemblea nazionale fosse privata dei suoi principali poteri, rendendo impossibile per la volontà della gente di trovare espressione all’interno del sistema. Attraverso la manipolazione del governo, il sistema giudiziario – un altro meccanismo integrato di controllo e bilanciamento – era, allo stesso modo, incapace di svolgere il suo ruolo. La Corte Suprema si è opposta all'esercizio, da parte dell'Assemblea Nazionale, del suo diritto ad effettuare cambiamenti nel potere politico.

Le persone hanno agito solo quando tutti i mezzi all'interno del sistema erano esauriti e non vi erano altri modi per costringere alle dimissioni un regime che aveva perso il sostegno popolare. Accettando la chiamata del partito di opposizione, decine di migliaia di persone sono scese in piazza. E questo ha portato alla commovente testimoniata scena di cui tutto il mondo è stato testimone: l'auto-proclamazione di una presa di potere da parte del giovane leader dell'opposizione.

Resta da vedere se l'alternanza del potere politico in Venezuela si realizzerà senza intoppi. Oltre al fattore cruciale relativo alla possibilità che il sostegno dei militari all'attuale governo possa cambiare, è cruciale anche l'atteggiamento degli Stati Uniti e dei vicini latinoamericani, ovvero se intraprenderanno azioni belliche, così come la loro influenza. A prescindere da ciò, al momento possiamo già vedere che c'è speranza di risolvere lo stallo politico che ha a lungo tormentato il Venezuela.

Perdendo il riconoscimento della comunità internazionale e trovandosi di fronte a proteste di strada su larga scala, le prospettive future per il presidente Maduro non sembrano buone. Anche se riuscirà a tenersi aggrappato al suo mandato, è improbabile che il suo governo proceda senza intoppi. Tutto ciò che è accaduto si basa sulla gente che scende in piazza numerosa e mostra in modo pacifico il suo desiderio di cambiamento.

Si dice spesso che le manifestazioni di strada sono una forma radicale di protesta, che può con facilità portare a diffusi conflitti violenti e minare il processo democratico. Ma in effetti, nel corso dei secoli, la grande maggioranza dei cambi di regime ha avuto luogo quando le persone sono scese in strada. Senza la pressione delle persone che scendono in piazza, pochi governanti prenderanno l'iniziativa di dimettersi da soli. Allo stesso tempo, abbiamo anche visto che, senza il supporto delle manifestazioni di strada, il meccanismo all'interno del sistema può facilmente essere sconfitto da tutti gli strumenti di manipolazione politica. Sebbene le persone che scendono in strada possano portare a conflitti violenti su larga scala, vi sono molti esempi di manifestazioni pacifiche che hanno costretto a un cambiamento pacifico nel regime. La resistenza in strada, che si verifica all'esterno del sistema, fornirà un'opportunità per il partito di opposizione all'interno del sistema, ed è solo una tale opportunità che può portare al successo l'opposizione all'interno del sistema. Questa è la causa principale del perché le dimostrazioni di strada sono l'unico metodo per cambiare un regime, e quanto successo in Venezuela lo dimostra ancora una volta.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Venezuela è un banco di prova per le ambizioni globali della Cina
11/03/2019 09:56
Crisi in Venezuela, il presidente turco sostiene Maduro: ‘Fratello, siamo con te’
24/01/2019 08:43
Fang Lizhi, lo scienziato che fece germogliare il movimento di Tiananmen
10/04/2012
Ex studente di Tiananmen: "La storia è dalla nostra parte"
04/06/2005
Papa: sul clima “l’uomo è uno stupido, un testardo che non vede”
11/09/2017 17:32