23 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 09/03/2017, 15.12

    CINA

    Wei Jinsheng: “Da liberale, Xi è divenuto un dittatore”



    L’atteggiamento di Xi porterà al collasso del regime comunista. Egli pensa di essere più forte di Mao Zedong, ma oggi come oggi, per Xi è del tutto impossibile ingannare i cinesi con il Marxismo-Leninismo. Una valutazione dei primi cinque anni di governo di Xi ad opera del grande dissidente.

    Pechino (AsiaNews) – Nella capitale si stanno tenendo le “due conferenze” annuali. Quest’anno l’Assemblea nazionale del popolo e la Conferenza politica consultiva del popolo cinese segnano la fine degli ultimi cinque anni di governo di Xi jinping e determinano il prossimo mandato dell’amministrazione Xi. Esse sono anche le fasi preliminari per il 19mo Congresso del Partito comunista cinese (Pcc). I media cinesi e stranieri, come anche diversi analisti sono molto preoccupati per queste “due sessioni”. Le analisi occidentali hanno stilato una scheda di valutazione per il primo termine di governo di Xi Jinping, in essa si evidenzia che a) la realtà della Cina deve essere riformata perché “la sua economia è forte, ma con un grave spreco”; b) l’audace giuramento che Xi Jinping ha fatto nella scena internazionale non corrisponde alle sue performance degli ultimi cinque anni; e c) la combinazione di potere e benessere in Cina sta accrescendo la disparità fra ricchezza e povertà. Quindi, l’ecologia politica e l’ambiente sociale cinesi stanno progredendo oppure durante gli ultimi cinque anni di governo di Xi Jinping sono regrediti? Da dove arriva il rischio più grande per il regime di Xi? Dov’è la “società legale” che Xi ha promesso di stabilire?

    Wei Jinsheng afferma che le parole “Xi cuore della leadership” sono state menzionate più volte dai funzionari del Pcc, ciò mostra che non tutte le voci all’interno della leadership comunista sono convinte; questo motiva la necessità di ripetere la frase [di continuo]. Dopo l’era di Mao Zedong, la parola “leader” era menzionata di rado poiché in cinese questo termine è associato ai dittatori. Ora però questa parola è riapparsa di nuovo e indica che Xi Jinping potrebbe voler instaurare una dittatura. Così, tutti sono obbligati a riferirsi a lui come leader, su sua richiesta.

     

    Wei Jinsheng cita il detto: “La posizione delle tue idee è indicata da dove poggi il sedere”. Una volta Xi Jinping ha detto che avrebbe imparato da Chiang Ching-kuo (della Repubblica di Cina) ad aprire il Paese alla libertà d’espressione e a revocare il divieto di formare partiti politici, ma i risultati – dopo la sua entrata in carica – si sono allontanati sempre più da quanto aveva affermato. Per Wei jinsheng il sistema comunista è diverso dal sistema democratico, perché necessita una leadership dittatoriale per riunire le persone. Dunque, questo tipo di sistema non sarà poi molto diverso dall’era di Mao Zedong. Wei jinsheng sostiene che quando Xi Jinping è salito al potere, egli era adulato da molti e per questo motivo ha perso la testa ed è cambiato. Quando una persona siede sulla sedia di un dittatore, egli diventerà un dittatore senza saperlo. Mao Zedong ne è stato un esempio. Anche Xi Jinping sembra essere stato corrotto dal potere che possiede nelle proprie mani. Questo sistema decide ogni cosa, mentre le “due sessioni” sono come vasi carini e delle veline e non danno alcuna restrizione alla funzione di Xi, anzi al contrario lo elogiano. Durante i primi anni dopo la fondazione del Partito, molti giovani si sono uniti ad esso per cercare i valori di democrazia e libertà. Ma il Partito comunista è diventato un autocratico regime dittatoriale e ciò ha portato molti anziani membri comunisti ad affermare che esso è peggio del Kuomintang (Kmt). Dopo essere salito al potere, Xi Jinping non solo ha offeso i cinesi e aumentato le disparità fra ricchi e poveri, ma ha anche creato molti nemici all’interno del Partito e scatenato un disastro diplomatico – queste sono le ragioni dell’instabilità politica cinese. Wei jinsheng afferma: “Xi vuole utilizzare il potere per fare grandi cose. Ma noi abbiamo visto quali sono le grandi cose che sta facendo. Ora Xi Jinping riduce sempre di più la libertà di parola, per non menzionare il fatto che non ha ancora eliminato la norma che proibisce la nascita di nuovi partiti politici. Egli ha anche arrestato molte persone tra gli avvocati per i diritti umani, considerandoli come organizzazioni proibite. Questo modo di fare prova che Xi non è affatto come Chiang Ching-kuo. Inoltre quali sarebbero le grandi cose che ha intenzione di fare? Diventerà un dittatore sempre più autoritario e le persone vivranno sempre peggio. Questo condurrà a nient’altro che al crollo del regime comunista”.

    La cosiddetta “anticorruzione” di Xi è solo un accentramento del potere nelle sue mani. Egli non ha arrestato famosi funzionari corrotti; al contrario ha arrestato i suoi oppositori politici e incarcerato i funzionari che gli disobbedivano. Il popolo cinese ha osservato queste azioni ed è contrariato dalla sua “anti-corruzione”.

    Wei jinsheng sostiene che la crescente restrizione della libertà d’espressione sotto Xi Jinping sta per diventare ancora più dura di quella che c’era durante la Rivoluzione culturale. Xi Jinping impedisce spesso alla gente di usare media creati dai cittadini, ed essi non possono dire nulla a riguardo. Nell’ideologia del Partito comunista, lo stato di diritto è visto come un’arma da utilizzare contro i propri nemici, e secondo il regime questa è l’essenza stessa della legge. Ciò è ciò che tutti dovrebbero riconoscere.

    In una società sana, che segue uno stato di diritto, le persone supervisionano il governo, rendendo difficile la corruzione fra i funzionari. Ma in Cina, le persone sono represse quando presentano petizioni contro i funzionari che commettono irregolarità. Lo stato di diritto è diventato per Xi Jinping lo strumento con cui punire i dissidenti che non sono d’accordo con lui. Egli aveva affermato che avrebbe “governato il Paese con la legge”, ma lo stesso Partito comunista non è tenuto a rispettare la legge, come ad esempio dare ai cittadini la libertà d’espressione che pure è garantita dalla legge cinese. La legge è solo un’arma che il regime comunista cinese usa contro il popolo.

    Wei Jinsheng afferma che da quando è al potere, Xi Jinping continua a “svoltare a sinistra”, mentre lo stato di diritto in Cina è regredito al livello in cui era durante il periodo della Rivoluzione culturale. In passato, quando Deng Xiaoping “ha svoltato a destra mentre segnalava la svolta a sinistra”, la Cina poteva ancora essere mantenuta in un progresso economico. Ma Xi Jinping vuole riesumare l’era di Mao attraverso la repressione, che sfocerà senza dubbio nel collasso definitivo del regime comunista. Xi Jinping potrebbe pensare di essere più forte di Mao Zedong, ma oggi come oggi, per Xi è del tutto impossibile ingannare i cinesi con il Marxismo-Leninismo.

    Tratto da VOA: https://www.youtube.com/watch?v=cE9_naPUl_E&feature=youtu.be

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/02/2007 TAIWAN
    Presidente Chen: Chiang Kai-shek, non un eroe ma un assassino
    Chen Shuibian lo accusa di essere “il principale responsabile” del massacro di decine di migliaia di civili uccisi dopo l’Incidente 228 e negli anni seguenti. In atto una revisione storica, mentre l’opposizione parla di propaganda pre-elettorale. Esperti: le giovani democrazie debbono rivedere il passato, ma a Pechino non è permesso.

    16/05/2016 12:59:00 CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.



    19/05/2006 Cina
    La Cina non commemora la Rivoluzione Culturale ma ne applica i metodi

    Una donna sorpresa a rubare pantaloni in un centro commerciale è stata fermata dalla sicurezza, che le ha tagliato i capelli, scritto in faccia "sono una ladra" ed obbligata a rimanere davanti alla porta centrale con un cartello appeso al collo.



    11/02/2016 14:38:00 CINA
    Xi Jinping usa la “cultura tradizionale” per lanciare un nuova Rivoluzione culturale

    Nel 50mo anniversario dell’inizio della disastrosa campagna ideologica lanciata da Mao Zedong, il suo successore accumula potere, costruisce un culto della personalità che non ha precedenti in epoca moderna, mette nel mirino ogni “influenza straniera” che possa “destabilizzare” la Cina. La feroce persecuzione dei cristiani ne è una prova lampante. E l’ossequio dei suoi sottoposti non fa ben sperare per il futuro. Un’analisi del grande esperto di Cina, per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.



    03/10/2005 CINA
    Pechino chiude una mostra su Mao




    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®