06/05/2013, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

West Java, centinaia di estremisti attaccano case e una moschea ahmadi

di Mathias Hariyadi
L’assalto contro la minoranza musulmana è avvenuto ieri all’alba. La folla ha attaccato con bastoni, pietre e altre armi rudimentali. Polizia ed esercito presidiano la zona nel timore di nuove violenze. la comunità aveva da poco concluso una riunione di preghiera, con lettura di passi del Corano. Resta alta la tensione interconfessionale nella provincia.

Jakarta (AsiaNews) - Centinaia di persone armate di bastoni, pietre e altre armi rudimentali hanno assaltato una moschea e un gruppo di case appartenenti alla minoranza ahmadi, causando gravi danni agli edifici. Il raid è avvenuto nella prima mattinata di ieri a Tenjowaringing, nel sotto-distretto di Salawu, reggenza di Tasikmalaysa, nella provincia indonesiana di West Java. Ancora una volta l'area si conferma fra le più violente e intolleranti del Paese, come ha evidenziato una ricerca elaborata lo scorso anno. L'assalto contro la minoranza musulmana, ritenuta eretica perché non riconosce Maometto come ultimo profeta ed è spesso vittima di persecuzioni e abusi dall'ortodossia sunnita, si è consumato in un villaggio distante circa 80 km da Bandung, capoluogo provinciale.

L'assalto contro la minoranza ahmadi è avvenuto al termine di una riunione di preghiera, in cui erano programmate recite di passi del Corano, indetta nei giorni scorsi dalla comunità di Tenjowaringing. In un primo momento alcuni gruppi di persone - non indentificate - hanno lanciato minacce e avvertimenti contro i fedeli, intimando loro di interrompere le funzioni.

Al rifiuto opposto, si è formata una folla composta da centinaia di persone che ieri - alle prime luci dell'alba, quando le funzioni si erano già concluse - ha sferrato l'attacco contro le abitazioni private e una moschea ahmadi. Dalle prime ricostruzioni sembra che non vi siano feriti, ma la tensione resta alta e le autorità locali hanno schierato esercito e polizia per scongiurare ulteriori incidenti.

Da tempo la presenza della minoranza religiosa è fonte di controversia in Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo. Il clima di ostilità si è acuito dopo le dichiarazione dei più importanti gruppi islamici del Paese - fra cui il Fronte di difesa islamico (Fpi) e il Consiglio nazionale degli ulema (Mui) - secondo i quali essi non sarebbero legati a una visione "originale" e pura della fede. A gettare benzina sul fuoco hanno contribuito infine le parole del ministero per gli Affari religiosi che ha invitato la minoranza ahmadi a interrompere le funzioni e le pratiche religiose perché contrarie alla dottrina. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jakarta, musulmani moderati e attivisti in difesa degli ahmadi
05/03/2011
Indonesia, il Governo boccia la richiesta degli integralisti di bandire gli Ahmadi
12/08/2005
Condanne lievi per gli estremisti islamici autori dell’assalto agli ahmadi
29/07/2011
Indonesia, guerra agli ahmadi: per governo e leader islamici sono blasfemi
02/03/2011
Indonesia, musulmani in difesa degli ahmadi perseguitati
23/07/2005