6 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/12/2011
INDONESIA
West Java: musulmani moderati difendono il Natale della Yasmin Church
di Mathias Hariyadi
Centinaia di membri del Banser, un gruppo paramilitare moderato, hanno protetto le celebrazioni natalizie della Gki Yasmin Church a Bogor contro le minacce dei radicali islamici. La loro presenza è stata notata anche nella zona centrale di Giava, per proteggere le chiese.

Bogor (AsiaNews) – Centinaia di Banser, il gruppo paramilitare musulmano che risponde agli ordini dell’organizzazione dei Nahdalatul Ulama (Nu), la più grande associazione islamica del Paese, di carattere moderato, hanno cooperato con l’organizzazione della Chiesa di Bogor per assicurare il tranquillo svolgimento delle feste di Natale. La necessità della partecipazione dei Banser è divenuta evidente quando a Bogor sono cominciate a circolare voci secondo cui decine di elementi radicali islamici locali non avrebbero esitato a “smantellare” ogni celebrazione organizzata per Natale dalla Gki, Yasmin Church, sul sito di proprietà della Gki e dove la costruzione di una chiesa è osteggiata dal sindaco. (23/12/2011 West Java: gruppi estremisti islamici minacciano i cattolici, celebrazioni natalizie a rischio).

Dalle prime ore della vigilia di Natale però l’acceso al sito della Yasmin Church è stato bloccato da centinaia di agenti di polizia e altri funzionari del servizio civile di Bogor. Così non è c’è stato altro da fare per i fedeli della Gki che spostare le celebrazioni di Natale altrove, e cioè nella residenza di uno dei fedeli. Tuttavia la presenza di decine di Banser è stata fornita anche nel nuovo luogo, per garantire che la celebrazione si svolgesse senza problemi.

La loro presenza è stata ufficialmente decisa da Rome, segretario generale dei Banser,  che ha dichiarato: “Siamo qui per bloccare ogni disturbo imprevisto delle cerimonie da parte di chiunque”. Rome ha dichiarato che una quarantina di elementi “di gruppi radicali locali” sono venuti a discutere del problema. “Ci hanno chiesto di andare via, ma abbiamo rifiutato la loro richiesta”. E oltre alla presenza di decine di Banser sul posto, un altro migliaio sono stati tenuti pronti a intervenire se la situazione fosse improvvisamente diventata pericolosa.

Nonostante che le celebrazioni natalizie della Gki Yasmin Church si siano svolte senza incidenti di rilievo, come era previsto, il Sinodo delle Chiese protestanti indonesiane (Pgi) presenterà una lamentela ufficiale al presidente del Paese, Susilo Bambang Yudhoyono. Il segretario generale del Pgi, il pastore Gomar Gulton, ha dichiarato: “Il presidente ha affermato chiaramente che in Indonesia non sarebbe permesso a nessun gruppo radicale di opporsi alla nostra piattaforma nazionale, detta Pancasila”. “Se qualche ministro sfida l’ordine del presidente ci sarà allora un serio motivo di lagnanza”.

La presenza di membri del Banser è stata notata anche a Solo, nella regione centrale di Giava, dove centinaia di loro hanno assicurato la tranquillità all’esterno delle chiese durante le celebrazioni natalizie. “Siamo qui, come da accordi con l’organizzazione delle Chiese”, ha dichiarato Nurkholis, il rappresentante di un gruppo giovanile dei Banser, i Gp Ansor. Alle celebrazioni del Gki Yasmin Church c’erano anche Inayah Wahid la figlia del defunto presidente Abdurrahman Wahid, e sua zia, Lily Wahid, una politica del National Awakening Party (Pkb).

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2012 INDONESIA
Yasmin Church: I radicali islamici attaccano due parlamentari durante la celebrazione domenicale
24/08/2010 INDONESIA
West Java, cristiani celebrano in strada per chiedere la libertà religiosa
di Mathias Hariyadi
30/01/2012 INDONESIA
La Yasmin Church ha celebrato la domenica davanti al palazzo presidenziale a Jakarta
13/12/2011 INDONESIA
Bogor: l’offerta di spostare la chiesa può essere “una trappola fatale”
di Mathias Hariyadi
17/11/2011 INDONESIA
West Java: i musulmani moderati appoggiano la Yasmin Church contro i fondamentalisti
di Mathias Hariyadi

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate