25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/12/2011
INDONESIA
West Java: musulmani moderati difendono il Natale della Yasmin Church
di Mathias Hariyadi
Centinaia di membri del Banser, un gruppo paramilitare moderato, hanno protetto le celebrazioni natalizie della Gki Yasmin Church a Bogor contro le minacce dei radicali islamici. La loro presenza è stata notata anche nella zona centrale di Giava, per proteggere le chiese.

Bogor (AsiaNews) – Centinaia di Banser, il gruppo paramilitare musulmano che risponde agli ordini dell’organizzazione dei Nahdalatul Ulama (Nu), la più grande associazione islamica del Paese, di carattere moderato, hanno cooperato con l’organizzazione della Chiesa di Bogor per assicurare il tranquillo svolgimento delle feste di Natale. La necessità della partecipazione dei Banser è divenuta evidente quando a Bogor sono cominciate a circolare voci secondo cui decine di elementi radicali islamici locali non avrebbero esitato a “smantellare” ogni celebrazione organizzata per Natale dalla Gki, Yasmin Church, sul sito di proprietà della Gki e dove la costruzione di una chiesa è osteggiata dal sindaco. (23/12/2011 West Java: gruppi estremisti islamici minacciano i cattolici, celebrazioni natalizie a rischio).

Dalle prime ore della vigilia di Natale però l’acceso al sito della Yasmin Church è stato bloccato da centinaia di agenti di polizia e altri funzionari del servizio civile di Bogor. Così non è c’è stato altro da fare per i fedeli della Gki che spostare le celebrazioni di Natale altrove, e cioè nella residenza di uno dei fedeli. Tuttavia la presenza di decine di Banser è stata fornita anche nel nuovo luogo, per garantire che la celebrazione si svolgesse senza problemi.

La loro presenza è stata ufficialmente decisa da Rome, segretario generale dei Banser,  che ha dichiarato: “Siamo qui per bloccare ogni disturbo imprevisto delle cerimonie da parte di chiunque”. Rome ha dichiarato che una quarantina di elementi “di gruppi radicali locali” sono venuti a discutere del problema. “Ci hanno chiesto di andare via, ma abbiamo rifiutato la loro richiesta”. E oltre alla presenza di decine di Banser sul posto, un altro migliaio sono stati tenuti pronti a intervenire se la situazione fosse improvvisamente diventata pericolosa.

Nonostante che le celebrazioni natalizie della Gki Yasmin Church si siano svolte senza incidenti di rilievo, come era previsto, il Sinodo delle Chiese protestanti indonesiane (Pgi) presenterà una lamentela ufficiale al presidente del Paese, Susilo Bambang Yudhoyono. Il segretario generale del Pgi, il pastore Gomar Gulton, ha dichiarato: “Il presidente ha affermato chiaramente che in Indonesia non sarebbe permesso a nessun gruppo radicale di opporsi alla nostra piattaforma nazionale, detta Pancasila”. “Se qualche ministro sfida l’ordine del presidente ci sarà allora un serio motivo di lagnanza”.

La presenza di membri del Banser è stata notata anche a Solo, nella regione centrale di Giava, dove centinaia di loro hanno assicurato la tranquillità all’esterno delle chiese durante le celebrazioni natalizie. “Siamo qui, come da accordi con l’organizzazione delle Chiese”, ha dichiarato Nurkholis, il rappresentante di un gruppo giovanile dei Banser, i Gp Ansor. Alle celebrazioni del Gki Yasmin Church c’erano anche Inayah Wahid la figlia del defunto presidente Abdurrahman Wahid, e sua zia, Lily Wahid, una politica del National Awakening Party (Pkb).

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2012 INDONESIA
Yasmin Church: I radicali islamici attaccano due parlamentari durante la celebrazione domenicale
24/08/2010 INDONESIA
West Java, cristiani celebrano in strada per chiedere la libertà religiosa
di Mathias Hariyadi
30/01/2012 INDONESIA
La Yasmin Church ha celebrato la domenica davanti al palazzo presidenziale a Jakarta
13/12/2011 INDONESIA
Bogor: l’offerta di spostare la chiesa può essere “una trappola fatale”
di Mathias Hariyadi
17/11/2011 INDONESIA
West Java: i musulmani moderati appoggiano la Yasmin Church contro i fondamentalisti
di Mathias Hariyadi

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate