Skin ADV
13 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/12/2011, 00.00

    INDONESIA

    West Java: musulmani moderati difendono il Natale della Yasmin Church

    Mathias Hariyadi

    Centinaia di membri del Banser, un gruppo paramilitare moderato, hanno protetto le celebrazioni natalizie della Gki Yasmin Church a Bogor contro le minacce dei radicali islamici. La loro presenza è stata notata anche nella zona centrale di Giava, per proteggere le chiese.
    Bogor (AsiaNews) – Centinaia di Banser, il gruppo paramilitare musulmano che risponde agli ordini dell’organizzazione dei Nahdalatul Ulama (Nu), la più grande associazione islamica del Paese, di carattere moderato, hanno cooperato con l’organizzazione della Chiesa di Bogor per assicurare il tranquillo svolgimento delle feste di Natale. La necessità della partecipazione dei Banser è divenuta evidente quando a Bogor sono cominciate a circolare voci secondo cui decine di elementi radicali islamici locali non avrebbero esitato a “smantellare” ogni celebrazione organizzata per Natale dalla Gki, Yasmin Church, sul sito di proprietà della Gki e dove la costruzione di una chiesa è osteggiata dal sindaco. (23/12/2011 West Java: gruppi estremisti islamici minacciano i cattolici, celebrazioni natalizie a rischio).

    Dalle prime ore della vigilia di Natale però l’acceso al sito della Yasmin Church è stato bloccato da centinaia di agenti di polizia e altri funzionari del servizio civile di Bogor. Così non è c’è stato altro da fare per i fedeli della Gki che spostare le celebrazioni di Natale altrove, e cioè nella residenza di uno dei fedeli. Tuttavia la presenza di decine di Banser è stata fornita anche nel nuovo luogo, per garantire che la celebrazione si svolgesse senza problemi.

    La loro presenza è stata ufficialmente decisa da Rome, segretario generale dei Banser,  che ha dichiarato: “Siamo qui per bloccare ogni disturbo imprevisto delle cerimonie da parte di chiunque”. Rome ha dichiarato che una quarantina di elementi “di gruppi radicali locali” sono venuti a discutere del problema. “Ci hanno chiesto di andare via, ma abbiamo rifiutato la loro richiesta”. E oltre alla presenza di decine di Banser sul posto, un altro migliaio sono stati tenuti pronti a intervenire se la situazione fosse improvvisamente diventata pericolosa.

    Nonostante che le celebrazioni natalizie della Gki Yasmin Church si siano svolte senza incidenti di rilievo, come era previsto, il Sinodo delle Chiese protestanti indonesiane (Pgi) presenterà una lamentela ufficiale al presidente del Paese, Susilo Bambang Yudhoyono. Il segretario generale del Pgi, il pastore Gomar Gulton, ha dichiarato: “Il presidente ha affermato chiaramente che in Indonesia non sarebbe permesso a nessun gruppo radicale di opporsi alla nostra piattaforma nazionale, detta Pancasila”. “Se qualche ministro sfida l’ordine del presidente ci sarà allora un serio motivo di lagnanza”.

    La presenza di membri del Banser è stata notata anche a Solo, nella regione centrale di Giava, dove centinaia di loro hanno assicurato la tranquillità all’esterno delle chiese durante le celebrazioni natalizie. “Siamo qui, come da accordi con l’organizzazione delle Chiese”, ha dichiarato Nurkholis, il rappresentante di un gruppo giovanile dei Banser, i Gp Ansor. Alle celebrazioni del Gki Yasmin Church c’erano anche Inayah Wahid la figlia del defunto presidente Abdurrahman Wahid, e sua zia, Lily Wahid, una politica del National Awakening Party (Pkb).
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2012 INDONESIA
    Yasmin Church: I radicali islamici attaccano due parlamentari durante la celebrazione domenicale
    Due membri del partito islamico Pkb e del partito democratico Pdi-P che partecipavano a una cerimonia domenicale con la congregazione della Yasmin Church sono stati insultati e aggrediti verbalmente. La congregazione ha dovuto interrompere la liturgia, e spostarsi altrove, ma anche lì i radicali hanno impedito la celebrazione. L’inerzia del governo centrale e la complicità del sindaco.

    24/08/2010 INDONESIA
    West Java, cristiani celebrano in strada per chiedere la libertà religiosa
    Il servizio domenicale della Yasmin Church si è svolto a Bogor. Gli estremisti islamici hanno fatto pressione sull’autorità civile che ha chiuso il loro luogo di culto, anche se legale. I servizi liturgici si svolgono in strada dal 10 aprile scorso.

    30/01/2012 INDONESIA
    La Yasmin Church ha celebrato la domenica davanti al palazzo presidenziale a Jakarta
    Centinaia di membri della congregazione a cui viene impedito di costruire la propria chiesa a Bogor hanno manifestato ieri nella capitale per chiedere che il capo dello Stato intervenga per far rispettare la legge. Denunciamo ripetute intimidazioni da parte dei radicali islamici, appoggiati dal sindaco di Bogor, Diani Budiarto.

    13/12/2011 INDONESIA
    Bogor: l’offerta di spostare la chiesa può essere “una trappola fatale”
    Il Consiglio della Yasmin Church rifiusta l’offerta del ministero dell’Interno di trovare tre siti alternativi per la costruzione della chiesa osteggiata dal sindaco di Bogor. Dopo la sentenza della Corte suprema, favorevole alla Yasmins Church, “Il ministero degli Interni deve applicare la legge, non il contrario”.

    17/11/2011 INDONESIA
    West Java: i musulmani moderati appoggiano la Yasmin Church contro i fondamentalisti
    Non è ancora risolto il caso della costruzione di una chiesa protestante di cui il sindaco nega il permesso, a dispetto della sentenza della Suprema corte. Entrambe le parti cercano sostegno presso differenti organizzazioni musulmane.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Sergei Chapnin: La Chiesa russo-ortodossa nel 2016. L’incomprensione e la sfiducia del popolo. Terza parte

    Sergei Chapnin

    L’attento analista russo mostra alcune contraddizioni in cui vive il Patriarcato, incapace a suo dire di comprendere la situazione dei poveri e della società russa. Un altro problema: la tradizionale “sinodalità” ha lasciato il posto a una gestione verticistica.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®