27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/12/2013, 00.00

    CINA

    Xinjiang, 6 donne costrette ad abortire: hanno violato la legge sul figlio unico



    Nonostante i grandi proclami di Pechino, continuano gli abusi perpetrati dalle autorità in nome della pianificazione familiare. Una donna è riuscita a fuggire, mentre le altre hanno subito il trattamento. Il racconto di un padre: "Mio figlio è nato e piangeva. È morto un'ora dopo il parto per il veleno che gli hanno iniettato". Il governo locale conferma tutto.

    Pechino (AsiaNews) - Le autorità della provincia nord-occidentale del Xinjiang hanno costretto un gruppo di sei donne di etnia uighura - di religione musulmana, maggioritaria nell'area - ad abortire i propri figli per "violazioni" alla legge sul figlio unico. Nonostante i proclami del governo centrale, che nei giorni scorsi ha confermato un alleggerimento della legge sulla pianificazione familiare, i medici della prefettura di Hotan hanno iniettato alle donne un farmaco per indurre il parto e al tempo stesso avvelenare il bambino. Una di loro è riuscita a scappare, mentre un'altra è ancora in ospedale.

    Eniver Momin, vice sindaco della cittadina di Arish, conferma tutto: "Avevamo pianificato l'aborto per sei donne. Quattro di loro lo hanno subito, una è fuggita e l'ultima sta aspettando di iniziare la procedura". Awat Han, capo del Dipartimento pianificazione familiare della zona, dice a Radio Free Asia che "i quattro interventi sono stati portati avanti come ordinato dalle autorità centrali".

    Lo scorso novembre, il Plenum del Partito comunista ha annunciato delle riforme nel campo della pianificazione familiare. Secondo il nuovo progetto, approvato formalmente dal Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo lo scorso 28 dicembre, sarà concesso alle coppie composte da figli unici di avere fino a un massimo di due bambini. Non cambia invece la politica riguardo le minoranze, che in alcuni casi sono esenti dal provvedimento e in altri casi possono avere due figli.

    Memettursun Kawul, marito di una delle donne costrette ad abortire, racconta: "Mia moglie ha dato alla luce nostro figlio, che però è morto un'ora dopo il parto. Io volevo tantissimo questo bambino: abbiamo tre figlie ma eravamo disposti a pagare la multa. Le autorità hanno rifiutato, quindi ci siamo nascosti a casa di un parente. La settimana scorsa è arrivata Awat Han con due poliziotti e ha portato via mia moglie. Quando è nato mio figlio piangeva: i dottori hanno provato a salvarlo ma non ce l'hanno fatta. Mi hanno detto che è morto per il veleno che gli hanno iniettato durante l'aborto".  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2012 CINA
    Chen Guangcheng: La Apple blocchi gli aborti forzati in Cina
    Il grande dissidente, fuggito negli Stati Uniti, si appella al colosso di Cupertino in occasione del lancio dell’ultimo modello di iPhone: “Date lavoro a migliaia di persone in Cina, avete una responsabilità enorme. Dovete cercare di fermare la legge sul figlio unico e gli aborti forzati”. Confermata la sua visita a Taiwan.

    04/09/2012 CINA
    Una coppia evita l’aborto forzato ma ora vive nel mirino del Partito
    Cao Ruyi e suo marito Li Fu sono riusciti a salvare la loro seconda gravidanza, ora giunta al settimo mese. Ma le autorità dell’Hunan hanno costretto il datore di lavoro del marito a licenziarlo e ora vogliono che la coppia paghi una multa da migliaia di dollari. La pressione internazionale e quella interna sempre più forti per evitare nuovi casi del genere.

    20/09/2005 CINA
    Il governo cinese ammette: "Avvenute sterilizzazioni ed aborti forzati"

    Dopo la denuncia di un attivista per i diritti umani il governo ammette "violazioni dei diritti umani nella provincia dello Shandong".



    11/09/2013 CINA
    Cina, denuncia la corruzione: prima la costringono ad abortire e poi l'arrestano
    Li Fengfei ha subito un aborto forzato alla 18ma settimana nella città di Bijie: il figlio è morto e lei è stata in pericolo di vita per circa un mese. Appena uscita dall'ospedale è stata fermata dalla Pubblica sicurezza. Un avvocato cristiano ne assume la difesa e denuncia: "Tutto nasce dopo che lei non ha voluto aiutare il suo capo a rubare soldi allo Stato".

    04/01/2013 CINA
    Cina, la legge sul figlio unico ha "lanciato" la compravendita dei neonati
    Il caso di una funzionaria della provincia del Fujian, addetta al controllo della pianificazione familiare, scuote il Paese: la donna ha comprato e rivenduto almeno 4 neonati, che a loro volta hanno subito un continuo passaggio di mano per guadagnare denaro. Sempre più necessaria la revoca della legge che ha ucciso 200 milioni di cinesi.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®