01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/07/2012, 00.00

    CINA

    Xinjiang, la polizia fa irruzione in un campo estivo cristiano. Arrestati sette insegnanti



    Il campo non era autorizzato. Fermati tutti i 70 studenti. Presidente di ChinaAid sottolinea le continue violazioni della libertà religiosa contro i cristiani protestanti. Nella regione a maggioranza musulmana chi ha meno di 18 anni non può praticare alcuna religione.

    Pechino (AsiaNews/ Agenzie) - Raid della polizia cinese in un campo estivo cristiano protestante nelle periferia di Urumqi in Xinjiang. Le autorità hanno arrestato sette insegnanti e fermato 70 studenti. Il fatto è avvenuto lo scorso 2 luglio, ma la notizia è stata diffusa solo ieri. Al momento sette educatori sono ancora agli arresti nel centro di detenzione di Xishan.

    Bob Fu, presidente dell'organizzazione ChinaAid, spiega che l'incidente è solo uno dei tanti avvenuti in questi ultimi mesi. Egli racconta di un vero e proprio accanimento contro le chiese domestiche o le scuole per bambini gestite da cristiani. Nei giorni scorsi la polizia ha attaccato la casa di un pastore del distretto di Shatain, sequestrando materiale e documenti, utilizzati per colpire i cristiani.

    In giugno un altro campo scuola è stato bloccato dalla polizia a Houcun. Gli agenti hanno fatto irruzione nella struttura minacciando gli insegnanti, che non erano autorizzati a insegnare materie religiose a ragazzi di età inferiore ai 18 anni. Nella regione a maggioranza musulmana, si può aderire e praticare una religione solo al raggiungimento della maggiore età.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/10/2015 CINA
    Pechino, tornano gli arresti contro i cristiani della chiesa di Shouwang
    La congregazione protestante è costretta da anni a incontrarsi e celebrare le proprie funzioni all’aperto. Il governo non vuole riconoscerla e impedisce loro l’affitto o l’acquisto di una struttura dove poter pregare. I quattro fedeli arrestati rimarranno in carcere per 10 giorni: hanno “disturbato l’ordine sociale”.

    23/05/2011 CINA
    Non cedono i cristiani di Shouwang: pregano in piazza, la polizia li arresta
    Per la settima domenica consecutiva la polizia arresta i fedeli, compresi vecchi e bambini di 2 anni. Esperti: le autorità potrebbero proibire il gruppo e incarcerare i leader. Pechino appare decisa a stroncare qualsiasi dissenso, specie religioso.

    14/12/2005 Cina
    Cina, arrestati 29 pastori di chiese domestiche

    Si erano riuniti nell'Henan per studiare i modi in cui la chiesa potrebbbe aiutare i contadini affetti da Aids della zona. Per la polizia si tratta di "riunione religiosa illegale".



    22/06/2011 CINA
    La polizia arresta i fedeli della Chiesa di Shouwang e ci discute di teologia
    Domenica fermati almeno altri 15 fedeli, decine già agli arresti domiciliari. Agli interrogatori ora partecipano anche membri della Chiesa ufficiale delle Tre autonomie, per convincere i fedeli ad aderire al loro gruppo. In atto in tutto il Paese una repressione contro le "chiese domestiche”.

    23/11/2009 CINA
    Shanghai, arrestati sei leader protestanti, mentre si valuta un parco biblico dei divertimenti
    La polizia ha fermato i vertici della chiesa protestante di Wanbang per bloccare una funzione religiosa, ma i fedeli si sono riuniti lo stesso in un parco per pregare. Nel frattempo, un industriale di Hong Kong progetta un parco divertimenti basato sulla Bibbia.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®