30 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/06/2012
INDONESIA
Yogyakarta: leader musulmano applaude al Congresso eucaristico diocesano
di Mathias Hariyadi
Nell’arcidiocesi di Semarang migliaia di fedeli hanno partecipato all’iniziativa, all’insegna del motto “Cristo in mezzo a noi, per diventare suoi frutti”. Il governatore locale ha inviato un messaggio di auguri, in cui invita i cristiani a “contribuire a migliorare” la società. E aggiunge: siate promotori di “amore e dialogo”.

Jakarta (AsiaNews) - Usando parole e frasi caratteristiche del linguaggio occidentale e cattolico, la massima autorità islamica della provincia di Yogyakarta - in Indonesia - ha fornito il proprio sostegno al Congresso eucaristico, indetto la scorsa settimana dall'arcidiocesi di Semarang (Kas). Un evento significativo, nel Paese musulmano più popoloso al mondo, spesso teatro di attacchi ed episodi di persecuzione contro le minoranze religiose e in particolare quella cristiana. In occasione della tre giorni di incontri, all'insegna del motto "Lasciamo che Cristo sia in mezzo a noi, per diventare suoi frutti", il sultano Hamengku Buwono X - governatore della Provincia speciale autonoma di Yogyakarta - ha diffuso un messaggio personale in cui conferma l'adesione alla manifestazione pubblica, svolta all'aperto e senza incidenti in numerose parrocchie della zona.

La prima conferenza eucaristica a Yogyakarta si è tenuta nel luglio 1939, in occasione del 25mo anniversario dalla fondazione di una missione cattolica straniera nel sultanato. A seguire, il 25 giugno 1940, veniva festeggiata l'erezione del vicariato di Semarang dopo anni di attesa dei fedeli. L'ultima conferenza sull'Eucaristia nell'arcidiocesi si è svolta quattro anni fa, al santuario della Madonna di Gua Kerep, ad Ambarawa.

Per la tre giorni di incontri (22 - 24 giugno) della scorsa settimana, cui hanno partecipato oltre 1500 fedeli di tutte le parrocchie, erano presenti tre vescovi fra cui il nunzio apostolico. Nel suo messaggio ai cattolici, il leader musulmano Hamengku Buwono X ha sottolineato che le parole "congresso" ed "Eucaristia" derivano dal greco e dal latino; egli ha aggiungo che "è tempo di unità fra i movimenti e le congregazioni dell'arcidiocesi, per contribuire a migliorare" la società. Il sultano e guida politica della provincia ha inoltre auspicato che "questa conferenza sull'Eucaristia vi porti a diffondere la cultura di amore e di dialogo".

L'arcivescovo di Semarang mons. Johannes Pujasumarta Sj ha ricordato ai fedeli l'impegno dei cattolici nel "rafforzare l'educazione civica per il bene della nazione e della Chiesa", all'insegna dei motti latini 'pro ecclesia et patria' e 'ad maiorem Dei Gloriam'. Ricordando il messaggio del leader musulmani, il prelato ha inoltre auspicato che eventi di questo tipo possano "far fiorire lo spirito di umanità" e contribuire a rendere più presente "Cristo nel mondo" attraverso "il mistero dell'Eucaristia".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
22/06/2011 INDONESIA
Borneo occidentale: minacce di attentati a una chiesa, cattolici nel mirino dei terroristi
di Mathias Hariyadi
08/02/2010 INDONESIA
Bekasi, continuano le persecuzioni anticristiane. Colpita una chiesa protestante
di Mathias Hariyadi
05/01/2010 INDONESIA
West Java: estremisti islamici contro i cristiani. Bloccate le funzioni religiose
di Mathias Hariyadi
23/10/2009 INDONESIA
Vescovo del West Java: dialogo sulla chiesa di Santa Maria. Oppure azioni legali
di Mathias Hariyadi
20/10/2009 INDONESIA
West Java, bloccata la costruzione della chiesa cattolica di Santa Maria

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate