02/09/2008, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

I cattolici vietnamiti scrivono a Bush per lamentare la repressione che stanno subendo

di Nguyen Hung
Le autorità hanno di mira soprattutto i responsabili dei gruppi di preghiera che hanno chiesto al governo la restituzione del terreno di proprietà delle parrocchie o della Chiesa.
Hanoi (AsiaNews) – Hanno scritto a Bush, al primo ministro inglese ed a quello australiano i laici cattolici di Hanoi, per lamentare la repressione che il governo sta mettendo in atto nei loro confronti. Sperano di rendere evidente, in tal modo, come il governo non rispetta ancora i diritti umani e la libertà religiosa dei cattolici.
 
Negli ultimi giorni, le autorità comuniste di Hanoi hanno messo in atto una dura repressione contro i laici cattolici che si riuniscono per pregare la Madonna nelle loro parrocchie. Normalmente, i cattolici vietnamiti si rivolgono alla Madre Maria quando si trovano di fronte a difficoltà nella loro vita o in quella delle famiglie o della parrocchia. La gente non se la prende con la nazione, la loro patria, ma pregano solo perché la loro famiglia, comunità e patria abbiano giustizia e libertà di religione.
 
“E’ preoccupante – commenta un giovane ad AsiaNews – quando la polizie viene a casa e ti consegna un ‘avviso’, se tu sei il responsabile di un gruppo di preghiera. Da studente nella università statale, mi guardo dal criticare la politica o da rivolgere eccessive censure al governo. Attraverso i media cattolici ho visto che la polizia ha picchiato i laici con i bastoni elettrici, usando violenza contro la gente. Non posso pensare a quattro agenti che portano al loro comando una donna che non sa nulla oltre al fatto che lei e il suo gruppo pregano ogni giorno la Madonna nella loro parrocchia”.
 
Ora le autorità cercano alcuni responsabili di gruppi di preghiera che hanno chiesto al governo la restituzione del terreno delle parrocchie e della Chiesa del Vietnam. Così alcuni cattolici hanno scritto una lettera indirizzata a George W. Bush, presidente degli Stati Uniti, a Gordon Brown, primo ministro inglese, e Kevin Rudd, premier australiano. Sperano che il mondo capisca la reale situazione e dia il suo appoggio per la giustizia e a libertà di religione in Vietnam. A mezzogiorno del 28 agosto, la gente ha applaudito quando Chirstian Marchant, dell’ambasciata americana è andato alla parrocchia di Thai Ha per ascoltare e vedere con i suoi occhi la repressione del governo contro persone innocenti. Tornato nel suo ufficio, presenterà la questione al governo americano. Gli Stati Uniti vedranno chiaramente che il governo ancora non ha rispetto per i diritti umani e la giustizia per i cattolici vietnamiti.
 
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dialogo e non repressione, lo chiede al governo il card. Pham Minh Man
03/09/2008
I Redentoristi di Hanoi tornano a chiedere la restituzione dei loro terreni
22/08/2008
Vescovi a Thai Ha per portare solidarietà, mentre è caccia a chi parla ai media
11/09/2008
Il 5 dicembre comincia il processo contro otto cattolici di Thai Ha
25/11/2008
Ora Hanoi cerca di mettere i buddisti contro i cattolici
03/10/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”