23/09/2016, 12.36
INDIA – FILIPPINE
Invia ad un amico

“Coppie per Cristo”, dalle Filippine all’Orissa per dare forza alle famiglie cattoliche

di p. Purushottam Nayak*

A Bhubaneshwar si è svolto un ritiro per l’arricchimento del matrimonio. A guidarlo, cinque membri delle “Coppie per Cristo” provenienti dalle Filippine e due da Bangalore, nel Karnataka. Il movimento laico è nato a Manila nel 1981; nel 2005 ha ottenuto dal Vaticano il riconoscimento come Associazione internazionale privata di fedeli.

Cuttack-Bhubaneshwar (AsiaNews) – Evangelizzazione, rinnovamento delle famiglie e cura dei poveri. È la missione di un gruppo del movimento laicale “Coppie per Cristo” proveniente dalle Filippine che ha visitato l’Orissa dal 13 al 18 settembre.

Il gruppo era composto da fratel Steven Maningat, sorella Natividad Minerva, coordinatrice nazionale, fratel Bernard Piedad, direttore dell’area provinciale di Isabella, sorella Belinda Piedad, fratel Luis Dela Cruz, capo dell’area provinciale di Capiz, tutti provenienti dalle Filippine; fratel Hector Poppen, capo nazionale dell’India, e sorella Garnet Poppen, da Bangalore (Karnataka).

“Coppie per Cristo” (Cfc) è un movimento laico cattolico che si occupa di famiglia. È stato fondato a Manila nel giugno 1981 e oggi è presente in più di 100 Paesi. Anche se all’inizio il movimento è stato creato per rafforzare il legame di coppia, in seguito è emersa la necessità di coinvolgere tutti i membri della famiglia per creare dei forti contesti familiari. Nel 1993 è stato lanciato il ministero delle famiglie. Questo comprende “Bambini per Cristo” (Kfc, dai 4 ai 12 anni), “Giovani per Cristo” (Yfc, da 13 a 21 anni), “Single per Cristo” (Sfc, da 21 a 40 anni), “Servi del Signore” (Sold, uomini single al di sopra dei 40 anni) e “Serve del Signore” (Hold, donne single con più di 40 anni).

In quanto vera missione cristiana, “Coppie per Cristo” si è trasformato da movimento per il rinnovamento familiare a forza per il rinnovamento della società. Ha dato vita a “Risposta al pianto dei poveri” (Ancop), con ministri sociali che tentano di raggiungere i vari settori della società tramite programmi su educazione, salute, autosufficienza abitativa e alimentare.

Nel 1995 la Conferenza episcopale delle Filippine (Cbcp) ha dichiarato il Cfc una associazione nazionale privata di fedeli laici. Nel 2000 ha ricevuto l’approvazione temporanea della Santa Sede e nel 2005 ha ottenuto l’approvazione permanente come Associazione internazionale privata di fedeli secondo il Diritto canonico.

In India esistono due rami di “Coppie per Cristo”: il primo opera in prevalenza nelle aree metropolitane, il secondo in quelle rurali. Il movimento Cfc è entrato nello Stato dell’Orissa nel novembre 2012, iniziando ad operare a Bhubaneshwar; nel 2013 si è diffuso nella regione di Kandhamal, che ha un numero maggiore di cattolici.

I membri di Cfc Canada hanno svolto i programmi introduttivi diretti a instaurare una relazione più stretta nella coppia stessa e tra essa e Dio. In seguito i gruppi di Cfc di Manila e altre parti dell’India hanno condotto programmi per creare forti vincoli matrimoniali, la [consapevolezza] del ruolo che Dio ha dato al marito e alla moglie cristiani, la genitorialità responsabile e il rafforzamento della coppia, in modo da arrivare ad una vita spirituale e ad evangelizzare altre coppie.

È motivo di grande orgoglio il fatto che grazie alla benedizione e al generoso sostegno di mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar, le “Coppie per Cristo” dell’Orissa oggi siano composte da più di 350 coppie, 300 Servi del Signore e 200 Serve del Signore, e la maggior parte di essi si trova nella regione di Kandhamal.

Anche se la lingua rappresenta una barriera, dato che la maggior parte dei membri di Kandhamal parla solo il proprio dialetto tribale nativo, essa è stata superata con l’aiuto di membri bilingue, che parlano sia inglese che la lingua nativa. Inoltre è in corso il processo di traduzione degli insegnamenti dall’inglese alla lingua odiya, e in questo modo il programma potrà essere esteso alle parti più remote.

A giugno 2016 l’arcivescovo Barwa, p. Prasan Kumar Pradhan e p. Mukund hanno partecipato al 35mo anniversario di Cfc a Manila e hanno conosciuto nel dettaglio il funzionamento di questo movimento diffuso in tutto il mondo. Ora stanno dando tutto il loro sostegno affinchè si rafforzi in Orissa il movimento e si ricostruiscano forti famiglie incentrate su Cristo.

Il 17 e 18 settembre il gruppo di cinque filippini e due indiani ha tenuto un ritiro per l’arricchimento del matrimonio (Mer) alla procattedrale di san Vincenzo de’ Paoli di Bhubaneshwar. Vi hanno partecipato otto coppie. Il programma è stato sviluppato in insegnamenti e momenti di condivisione personale tra le coppie. Tutti i partecipanti hanno apprezzato molto il ritiro, che ha dato loro una vera prospettiva di matrimonio cristiano e ha trasmesso sulle spalle di coppie e genitori la grande responsabilità di costruire forti famiglie cristiane. Nelle prossime settimane i due rappresentanti di Bangalore svolgeranno altri ritiri matrimoniali nella regione di Kandhamal, in particolare a Baliguda, Raikia e Daringbadi.

In Orissa si sta introducendo anche l’aspetto sociale del movimento, con sostegno all’educazione per 240 studenti, finanziato da Cfc Canada. Il numero degli studenti finanziati con borse di studio aumenterà in modo graduale nei prossimi anni.

*segretario di mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Manila, oltre 50mila cattolici celebrano il 36mo anno di ‘Coppie per Cristo’
29/06/2017 14:32
Nuovo dicastero per Laici, famiglia e Vita. I vescovi potranno essere rimossi se “negligenti” nei casi di abusi sessuali
04/06/2016 13:04
I 14 anni di “Coppie per Cristo” in Nepal: una festa insieme ai figli
03/05/2017 13:28
Kathmandu, i 32 anni di “Coppie per Cristo”: la famiglia ha successo se fondata sulla fede
08/08/2016 11:18
Kandhamal, tre cristiani battezzati: siamo disposti a morire per la fede
12/04/2017 12:05


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”