26/01/2021, 12.36
BANGLADESH
Invia ad un amico

​I cristiani tribali protestano per i loro diritti sulla terra

di Sumon Corraya

Una grande manifestazione, ieri. I tribali Garo e Koch vivono nell'area della foresta Madhupur di Tangail da più di centinaia di anni. Ma nel 1962, il governo annunciò che la foresta era di proprietà pubblica e il dipartimento forestale li vuole sfrattare.

Tangail (AsiaNews) - Oltre mille tribali Garo e Koch, la maggior parte dei quali cristiani, hanno protestato ieri contro l’espulsione da parte del dipartimento forestale e hanno rivendicato la loro terra, alla fermata dell'autobus Madhupur a Tangail.

Migliaia di tribali Garo e Koch vivono nell'area della foresta Madhupur di Tangail nella diocesi di Mymensingh. Da più di centinaia di anni vivono in questa zona che non ha documenti di proprietà.

Tempo fa hanno preso il terreno dal proprietario locale. Ma nel 1962, il governo annunciò che la foresta era di proprietà pubblica e l’ha chiamata Madhupur National Park. Del parco si prende cura il dipartimento forestale del governo. I Garos producono ananas, zenzero, banana, riso, papaia, ecc. Nella foresta, ma spesso il personale del dipartimento forestale emana l’ordine ddi lasciare la terra. L'anno scorso, il 14 settembre, 500 banani sono stati tagliati dal personale del dipartimento forestale come parte dello sfratto.

Tuttavia, ieri, portavoce del programma di protesta hanno affermato che il dipartimento forestale ha emesso l’ordinanza di lasciare nuovamente la terra a Garo e Koch.

Eugene Nokrek, cristiano tribale di Garo, presidente di Joanshahi Adabashi Unnoyon Parishad, un'organizzazione per i diritti dei tribali, ha detto durante la manifestazione: “Il dipartimento forestale emette spesso ordinanze di sfratto. Ma noi non obbediamo all'avviso. Da centinaia di anni viviamo in questa terra, se lasciamo questa terra, dove andremo? Questa terra è come nostra madre".

Alla manifestazione di protesta erano presenti anche donne tribali Garo e Koch. Portavano striscioni e cartelli dove era scritto: "La nostra terra nostra madre", "Stop alla cospirazione dello sfratto", "Questa terra è mia madre, non ce la faremo prendere".

Secondo l'anziano leader dei Garo Ajoy Mree, vicepresidente del Bangladesh Indigenous Forum, sembra che ci sia una cospirazione per cacciarli. “Esprimo ferma condanna per il dipartimento forestale. Prima dell'istituzione del dipartimento, abbiamo vissuto qui, quindi senza confronto non è possibile sfrattarci". Chiede che siano i tribali a prendersi cura della foresta poiché ci vivono qui da lungo tempo. La foresta sarà al sicuro sotto la loro cura e amore.

Il leader studentesco dei Garo Alik Mree ha detto che innumerevoli casi sono stati sollevati contro persone della comunità Garo e Koch riguardo alla questione della terra. Un leader tribale è stato ucciso durante la controversia per il diritto alla terra. "Piren Slal è stato ucciso per i diritti sulla terra, ma non abbiamo ancora ottenuto giustizia per la sua uccisione. Siamo perseguitati. Invece di ottenere giustizia, centinaia di azioni legali sono state intentate contro di noi per rivendicare diritti sulla terra".

I manifestanti hanno annunciato che organizzeranno una grande manifestazione il 31 gennaio, se il governo non interromperà lo sfratto dei tribali.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mymensingh, 11 cristiani eletti alle elezioni amministrative
14/07/2017 12:12
Protestano i giovani Garo per la distruzione della foresta di Madhupur
10/05/2021 13:20
​Ordinato il primo sacerdote della comunità tribale Koch
30/12/2020 12:03
La protesta dei Garo contro l' 'ecoturismo' sulle loro terre
27/04/2022 13:06
Artigianato con i Garo: premiata un'imprenditrice cattolica
11/03/2022 13:59


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”