22/10/2011, 00.00
ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

È morto il principe ereditario saudita

Sultan Bin Abdul Aziz aveva 86 anni. È morto negli Stati Uniti dove era per cure. Ha modernizzato l’esercito e ha sempre sostenuto l’alleanza con Washington. Il nuovo principe ereditario, Nayef, ha 78 anni.
Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Il principe ereditario Sultan Bin Abdul Aziz è morto stamane all’alba, lasciando il posto al principe Nayef per la successione al trono dei Saud.

Il principe Sultan, 86 anni, è stato per quasi 50 anni ministro della difesa. A lui si deve la modernizzazione delle forze armate saudite, tanto da rendere il Paese uno dei più gradi compratori di armi al mondo. Sultan è stato anche uno dei più tenaci sostenitori del rapporto fra il regno e gli Stati Uniti. Egli è morto proprio negli States, dove si trovava da giugno per farci curare un cancro al colon.

I funerali di Sultan avranno luogo il 25 ottobre. Dal 2009, a causa della sua malattia, il principe è stato spesso assente dal regno, rendendo difficile la risposta del governo alle crescenti tensioni con l’Iran e con le diverse primavere arabe che stanno scuotendo il Medio oriente. In Arabia saudita, un accenno di primavera araba – ad opera della popolazione sciita - è stata subito fermata con le armi.

Il principe Nayef, che diviene ora principe ereditario, ha 78 anni. Il regnante Abdallah, 87 anni, è da mesi in un ospedale di Riyadh per diverse cure.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Convegno interreligioso a Madrid, voluto dal re saudita Abdallah
16/07/2008
Vicario apostolico d’Arabia: Fra il papa e il re saudita, affinità e convergenze
08/11/2007
Per gli arabi, il Papa e Abdallah hanno parlato soprattutto di libertà religiosa
07/11/2007
Brian O’Connor: speranze e dubbi sulla visita di re Abdallah al Papa
07/11/2007
Dialogo interreligioso e pace tra israeliani e palestinesi nell’incontro tra il Papa e re Abdallah
06/11/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”