03/10/2022, 12.17
INDIA
Invia ad un amico

Alla ‘Santa Maria Maggiore’ del Tamil Nadu la preghiera per la pace

di Nirmala Carvalho

Il card. Anthony Poola, arcivescovo di Hyderabad, ha presieduto al santuario di Periyanayagi Madha a Konankuppam la festa per il bicentenario del grande campanile. "Preghiamo per la pace nel mondo, ma anche nelle nostre famiglie e nei nostri villaggi, imparando dalla Madonna a la via dell'unità".

Konankuppam (AsiaNews) – Nel distretto di Cuddlore, nel Tamil Nadu, la celebrazione della festa del santuario mariano di Konankuppam nei giorni scorsi è stata l’occasione per alcune migliaia di pellegrini indiani per unirsi alla preghiera invocata da papa Francesco per la pace nel mondo. A rendere particolarmente solenne la celebrazione quest’anno era la ricorrenza del bicentenario della costruzione del campanile del santuario, che è stato ricordando collocando alla sua base una statua della Regina della pace che vuole ricordare il legame tra questo luogo e la basilica romana di Santa Maria Maggiore. Fu infatti il missionario gesuita italiano p. Costanzo Giuseppe Beschi (1680-1747) a volere questo santuario che chiamò in lingua tamil "Peiryanayagi Madha", che significa appunto Santa Maria Maggiore.

A presiedere il rito – insieme all’arcivescovo di Pondicherry-Cuddalore mons. Francis Kalist e ad altri sacerdoti - a Konankuppam è giunto il neo-cardinale Anthony Poola, arcivescovo di Hyderabad. “Konankuppam - racconta ad AsiaNews p. Z. M. Devasagayaraj, il rettore del santuario - è la dimora di 200-220 famiglie e la maggior parte sono dalit; ma questo non impedisce a persone di ogni casta e religione di visitare il santuario. Questo luogo è famoso non solo per le grazie che qui i fedeli sperimentano, ma anche per il rapporto interreligioso unico e amichevole che esiste qui, dal momento che a edificarlo insieme a p. Beschi tre secoli fu un indù ancora praticante a cui la Madonna era apparsa in sogno".

Nella sua omelia il card. Poola ha ricordato come Maria non sia mai sorda a coloro che la pregano, come testimoniano le migliaia di pellegrini che affollano Lourdes, Fatima, Veilankanni e anche Konankuppam. La “seconda Eva”, ha “trasformato la maledizione dell'umanità in una benedizione dicendo Sì alla volontà di Dio. Ed è con questa fiducia e convinzione che veniamo a supplicarla di intercedere per noi, ma accogliendo l’invito di papa Francesco la preghiamo per la pace nel mondo, specialmente nell'Ucraina e nella Russia dilaniate dalla guerra”. “Ma siamo chiamati - ha aggiunto ancora - a pregare per la pace tra di noi, nelle nostre famiglie, nei nostri villaggi, nella nostra arcidiocesi e nel nostro Paese, poiché noi stessi siamo divisi. Lei è modello dell'amore, dell'obbedienza e dell'unità e anche noi siamo chiamati a imitarla, perché è questo ciò che Dio desidera da noi”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Elezioni 2019, Chiesa ai partiti: Posti riservati ai dalit cristiani nei programmi
01/03/2019 12:02
Mumbai, dottoressa dalit morta: non si è suicidata, è stata uccisa
30/05/2019 08:52
Mumbai, dottoressa si suicida: discriminata dalle colleghe perché dalit
28/05/2019 12:02
L’Andhra Pradesh approva le quote riservate anche per i dalit cristiani
08/02/2019 11:11
Vescovi indiani: ‘molto preoccupati' per le quote alle caste alte
12/01/2019 11:28


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”