02/12/2023, 10.17
ASIA TODAY
Invia ad un amico

Anche Seoul lancia satellite spia, alta tensione con Pyongyang

Le notizie di oggi: secondo giorno di bombardamenti a Gaza dopo la tregua, già alto il numero di vittime. Rapporto onu: un abitante su cinque in Cina a rischio siccità con il cambiamento climatico. In Bhutan un partito nato lo scorso anno andrà al ballottaggio nelle elezioni scalzando il premier uscente. Ente statale vorrebbe "selfie point" con l'immagine di Modi nelle università indiane. 

COREA DEL SUD-COREA DEL NORD

La Corea del Sud ha lanciato con successo il suo primo satellite spia da una base militare americana in California. Lo ha annunciato il ministero della Difesa di Seoul. Il lancio del satellite su un razzo SpaceX Falcon 9 dalla base spaziale di Vandenberg è avvenuto dopo che Pyongyang aveva rivendicato il successo del proprio lancio di un satellite spia la scorsa settimana - una mossa che ha sottolineato la crescente tensione tra le due Coree. Da parte sua Pyongyang ha dichiarato che considererà qualsiasi interferenza con le sue operazioni satellitari come una dichiarazione di guerra.

ISRAELE-PALESTINA

Per il secondo giorno consecutivo dalla fine della tregua continuano intensi i bombardamenti israeliani a Gaza a cui Hamas risponde con lancio di missili. Fonti israeliani parlano di 400 obiettivi colpiti nella Striscia soprattutto nell’area di Khan Younis, mentre fonti palestinesi denunciano già 178 morti dalla ripresa dei combattimenti. Fonti siriane parlano anche di un raid che l’aviazione israeliana avrebbe effettuato contro obiettivi di Hezbollah nei pressi di Damasco.

CINA

Secondo il rapporto dell’Onu "Global Drought Snapshot", diffuso alla COP28 di Dubai, nel XXI secolo tra il 15 e il 20% della popolazione cinese dovrà far fronte a siccità più frequenti, con intensità da estreme a eccezionali. "Entro la fine del secolo, la durata delle siccità moderate, gravi ed eccezionali in alcune regioni della Cina raddoppierà e l'intensità della siccità aumenterà di oltre l'80%", si legge nel rapporto.

BHUTAN

In Bhutan una nuova formazione nata appena un anno fa ha scalzato il partito di governo ed è tra le due forze politiche scelte dalla popolazione per partecipare al ballottaggio delle quarte elezioni dall'instaurazione della democrazia, avvenuta 15 anni fa. Il Partito Democratico del Popolo – una forza politica di impronta liberale che guidò il Paese tra il 2013 e il 2018 - ha ricevuto il maggior numero di voti nel turno preliminare delle elezioni tenutosi giovedì, seguito dal Bhutan Tendrel Party (BTP), formato nel 2022 da Pema Chewang, un ex burocrate. Il ballottaggio si terrà il 9 gennaio.

PAKISTAN

Il Pakistan Tehreek-i-Insaaf (PTI) - il partito di Imran Khan - ha eletto l’avvocato Gohar Ali Khan come nuovo presidente nelle sue elezioni interne al partito tenutesi secondo le direttive della Commissione elettorale del Pakistan (ECP). Gohar era stato designato per il posto di vertice da Imran Khan stesso nei giorni scorsi ed era l’unico candidato. Ma la sua nomina ha suscitato forti divisioni all’interno del partito, non avendo mai Gohar rivestito alcun ruolo ed essendo guardata con sospetto la sua vicinanza a esponenti del Pakistan’s People Party.

INDIA

La University Grants Commission ha scritto ai college e alle università di tutta l’India chiedendo di allestire dei selfie point con il primo ministro Narendra Modi sullo sfondo. La richiesta, giunta mentre si avvicinano le elezioni generali del 2024, viene motivata con l’importanza di far crescere un senso di "orgoglio collettivo" sui "risultati ottenuti dall'India in vari campi".

RUSSIA

Il premier russo Mikhail Mišustin ha firmato il decreto di applicazione del programma Ipoteca estremo-orientale anche per la zona dell’Artico. In forza del provvedimento tutti gli abitanti delle città e paesi vicini e sopra al Circolo polare potranno ottenere crediti agevolati tramite le banche Dom.Rf, Btb e Sberbank per acquisizioni o nuove costruzioni immobiliari, e altre attività professionali.

ARMENIA-AZERBAIGIAN

Sulla tratta tra Idževan e Gazakh della frontiera tra Armenia e Azerbaigian è iniziata la trattativa tra i vice-premier di Erevan e Baku, Mger Grigoryan e Šakhin Mustafaev, per la demarcazione dei confini, come ha comunicato il governo armeno.

TAGs
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cina: quinto calo mensile del manifatturiero, politiche governative inefficaci
01/03/2024 08:55
Siria: droni turchi uccidono tre membri di una milizia cristiana nel nord-est
29/02/2024 09:00
Riyadh ha eseguito sette condanne a morte per ‘terrorismo’
28/02/2024 08:54
Teheran: centinaia di attivisti boicottano il voto sull’Assemblea degli esperti
27/02/2024 08:54
Lahore, indossa abito con parola araba: donna rischia il linciaggio
26/02/2024 08:54


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”