19/05/2008, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Arrestato per corruzione il leader del più grande partito islamico

di Nozrul Islam
Nizami, religioso a capo del Jamaat-e-Islami, era ministro nel governo della Zia. È l’ultimo di una serie di arresti eccellenti tra quelli che erano i maggiori protagonisti della scena politica del Paese.

Dhaka (AsiaNews) – La capillare campagna anti-corruzione, sferrata dal governo ad interim del Bangladesh oltre un anno fa, ha portato all’arresto di un altro politico di spicco. Si tratta di  Motiur Rahman Nizami, capo della più grande formazione islamica del Paese, il Jamaat-e-Islami. Il religioso conservatore avrebbe beneficiato dei proventi di alcuni contratti di affari ottenuti illegalmente quando era ministro nel precedente esecutivo del premier Khaleda Zia, leader del Partito nazionalista del Bangladesh (Bnp). La Zia ora è in carcere con le stesse accuse di corruzione, insieme ad oltre 100 tra parlamentari ed ex ministri un tempo protagonisti della scena politica del Paese. Tra di loro anche l’altra ex premier Sheik Hasina, guida del partito d’opposizione Awami League. Tutti si dicono innocenti. Nizami sostiene che le accuse contro di lui sono una mossa politica.

Dal gennaio 2007 il Bangladesh è retto dal governo provvisorio di Fakhruddin Ahmed, sostenuto dall’esercito. La nuova amministrazione ha preso il potere imponendo lo stato d’emergenza e promettendo elezioni democratiche entro dicembre 2008. Da allora ha portato avanti una vera e propria campagna per “ripulire e riformare dall’interno” i corrotti quadri delle due maggiori formazioni politiche del Paese - la Al e il Bnp -  ma senza ottenere gli sperati consensi tra la popolazione. Finora il Jamaat-e-Islami, che ha un forte seguito tra le frange più estremiste, non era stato toccato. Gli analisti guardano con sospetto alle promesse del governo Ahmed. Si chiedono, ad esempio, come si potranno organizzare vere elezioni generali tra sei mesi se tutti i maggiori rappresentanti dei partiti politici sono in prigione.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dhaka, impiccato per genocidio un leader del Partito islamico
13/04/2015
Bangladesh, condannato a morte il capo del partito fondamentalista islamico
30/01/2014
Bangladesh: in migliaia contro l’uso politico della religione (e il partito islamico)
26/02/2013
Dhaka, leader islamici accusati di blasfemia: proteste e più di 100 arresti
01/07/2010
Bangladesh, impiccato un altro leader del partito islamico Jamaat
05/09/2016 08:47


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”