20/07/2022, 12.10
SRI LANKA
Invia ad un amico

Colombo: il premier uscente Wickremesinghe è il nuovo presidente

di Arundathie Abeysinghe

Eletto dal Parlamento questa mattina con 134 voti. Politico di lungo corso, non è apprezzato dalla popolazione per la vicinanza alla famiglia Rajapaksa. Il candidato dell'opposizione, Dullas Alahapperume, ha ottenuto solo 82 preferenze.

Colombo (AsiaNews) - Il Parlamento nazionale ha eletto Ranil Wickremesinghe come nuovo presidente, l'8° nella storia del Paese. 

I parlamentari si sono riuniti questa mattina per eleggere il successore di Gotabaya Rajapaksa, che dopo mesi di proteste ha lasciato la nazione e formalizzato le dimissioni il 14 luglio. Wickremesinghe, già primo ministro, era stato nominato presidente ad interim perché la Costituzione prevede che la carica non possa restare vacante.

L’ex premier, eletto con con 134 voti, si è confrontato con Dullas Alahapperume, il candidato dell'opposizione fermatosi a 82 preferenze, e Anura Kumara Dissanayake, leader del National People's Power, votato da 3 deputati.

Tra i 225 membri del Parlamento ci sono state due astensioni e 4 voti considerati non validi. Alahapperuma ha ricevuto il sostegno del Samagi Jana Balawegaya, il principale partito all’opposizione, della Tamil National Alliance, dello Sri Lanka Freedom Party e di diversi deputati indipendenti. Anche una fazione del partito di maggioranza, lo Sri Lanka Podujana Peramuna, che aveva dichiarato il proprio sostegno a Wickremesinghe, ha scelto di votare per Alahapperuma.

In un primo momento la corsa presidenziale doveva essere a quattro, ma il leader dell'opposizione Sajith Premadasa ha ritirato la propria candidatura dichiarando il proprio sostegno ad Alahapperuma.

Wickremesinghe ha iniziato l’attività politica a metà degli anni '70 come rappresentante del Partito nazionale unito (Unp), di cui è stato leader dal 1994. Entrato in Parlamento nel 1977, è stato nominato vice ministro degli Affari esteri dallo zio e primo presidente dello Sri Lanka, J. R. Jayewardene. Ha poi presieduto il dicastero della Gioventù e dell'Occupazione, diventando il più giovane ministro della nazione.

Il 73enne ha inoltre ricoperto la carica di primo ministro per sei volte, anche se non ha mai completato un mandato. L'ultimo è stato il più breve: il presidente Rajapaksa lo aveva chiamato al governo a maggio di quest’anno dopo le dimissioni del fratello Mahinda, che aveva lasciato l’incarico nel tentativo di placare l’agitazione popolare. I cittadini dello Sri Lanka hanno accusato la famiglia Rajapaksa di corruzione e di essere responsabile della drammatica situazione economica in cui verte il Paese.

Lo Sri Lanka è di fatto in default finanziario, con un’insolvenza sul debito che ammonta a più di 50 miliardi di dollari. Da mesi il Paese non riesce a importare carburante e l’inflazione ha superato il 54% impedendo ai cittadini di comprare i beni di prima necessità, in particolare cibo e medicine. Le proteste della popolazione contro il carovita sono culminate il 9 luglio con l’occupazione del palazzo presidenziale e la cacciata di Gotabaya Rajapaksa.

Wickremesinghe, che è inviso alla popolazione per la sua vicinanza alla famiglia Rajapaksa, dovrebbe restare in carica fino al 2024 completando il mandato dell’ex presidente e cercando di traghettare il Paese fuori dalla crisi economica. Nei giorni scorsi l’ex primo ministro aveva annunciato che i negoziati con il Fondo monetario internazionale erano prossimi a una conclusione. Nell’ultimo anno lo Sri Lanka si è rivolto in cerca di aiuto finanziario anche alla Cina e all’India.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Colombo: l'opposizione propone governo di unità nazionale
11/07/2022 11:25
Caos a Colombo: il Parlamento nomina il premier presidente ad interim
13/07/2022 12:22
Colombo: accettate le dimissioni di Rajapaksa, si va verso un nuovo governo
15/07/2022 13:05
Crisi politica, il presidente del Parlamento giura di far rispettare la democrazia
07/11/2018 15:20
Crisi politica: in Parlamento scoppia la rissa tra i deputati
15/11/2018 16:14


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”