18/11/2022, 10.06
PAKISTAN
Invia ad un amico

Cristiano torturato in carcere per ‘confessare’ la propria blasfemia

di Shafique Khokhar

Imran Rehman si trova in carcere da due mesi per una denuncia contro di lui relativa a un post pubblicato su WhatsApp. La moglie: "Da quando lo hanno arrestato mia figlia non può andare a scuola". Sempre più spesso in Pakistan i social network vengono utilizzati per costruire accuse false di blasfemia contro famiglie appertenenti alle minoranze religiose.

Lahore (AsiaNews) - Imran Rehman, un cristiano di 32 anni padre di due bambine, è stato torturato nel carcere di Lahore dove si trova da due mesi con l’accusa di aver postato materiale blasfemo su un gruppo WhatsApp. A denunciarlo è la madre di Imran, Nargis Bibi, che lo ha visitato nei giorni scorsi. Alla donna il figlio ha raccontato di aver subito violenze per estorcere una confessione. È inoltre sottoposto a una forte pressione mentale essendo rinchiuso in una stanza del carcere dove quattro prigionieri su sei soffrono di ritardo mentale.

Contro Imran è stata presentata una denuncia il 14 settembre ed è stato subito arrestato dal dipartimento sui crimini informatici della Federal Investigation Agency. La moglie di Imran, Komal Mushtaq, ha dichiarato che Imran è innocente ed è accusato ingiustamente per blasfemia. “Da quando è stato arrestato - ha raccontato - mia figlia di quattro anni non ha potuto frequentare la scuola e dare da mangiare a mia figlia di due anni è diventato difficile, perché lui era l'unico a portare a casa il pane”.

L'avvocato Abdul Hameed Rana ha affermato che il caso contro Rehman è una palese violazione delle norme, in quanto non si può registrare un caso contro una persona senza emettere un avviso di garanzia e senza coinvolgere l'accusato nelle indagini, consentendogli di difendersi. 

Inoltre come sottolinea Ashiknaz Khokhar, attivista per i diritti umani, i media digitali e i social network in Pakistan sono diventati sempre di più una fonte per lanciare false accuse di blasfemia che prendono di mira le minoranze religiose. Le leggi sulla blasfemia e quella sulla prevenzione dei crimini elettronici del 2016 vengono usate impropriamente per limitare la libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, come dimostrano - oltre al caso di Imran Rehman - quelli di Shagufta Kiran e Zafar Bhatti. Quest’ultimo, ad esempio, è il condannato per blasfemia da più tempo accusato: si trova in carcere dal luglio 2012 ed è stato condannato a morte nel gennaio 2022. Le accuse - fondate su elementi non provati - hanno completamente rovinato la vita anche ai familiari degli accusati.

Joseph Jansen, presidente di Voice for Justice, ha commentato che le attuali leggi sulla blasfemia non garantiscono un processo equo e la libertà religiosa: l'accusatore gode dell'impunità nonostante la presentazione di prove e testimonianze false. Sono incompatibili con gli standard internazionali sui diritti umani. A questo si aggiunge poi il fatto che atti di violenza della folla con il pretesto dell'accusa di blasfemia vengano giustificati adducendo come ragione la debolezza del sistema giudiziario.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Lahore, una rock-band universitaria combatte il terrorismo a suon di musica (Foto e Video)
12/05/2017 11:08
Cristiani del Pakistan in preghiera per la liberazione di Asia Bibi (Video)
30/04/2018 12:45
Sherry Rehman, ambasciatrice pakistana, indagata perchè contraria alla blasfemia
22/02/2013
Giustizia e pace chiede al nuovo governo un Ministero per le minoranze
08/09/2018 08:30
Cristiano sequestrato e torturato: aveva denunciato la corruzione di un politico musulmano
21/09/2004


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”