26/04/2013, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Da Saigon agli altipiani centrali, 10 anni di testimonianza di Cristo e del Vangelo

di Nguyen Hung
Nell’Anno della Fede, la parrocchia di Vườn Xoài celebra la missione fra i Montagnards. Un viaggio lungo 800 km per portare la Parola di Dio e celebrare la messa “ogni due settimane”. I fedeli chiedono la nascita di una comunità stabile e la presenza di preti. Un desiderio “coltivato a lungo”.

Kontum (AsiaNews) - Dieci anni di evangelizzazione fra le popolazioni degli altipiani centrali del Vietnam "sono un traguardo magnifico", oltre che segno del "cammino missionario" della comunità cattolica vietnamita. L'opera di annuncio del Vangelo "deve restare il compito più importante" per ogni fedele, soprattutto "fra le minoranze, che sono parte del nostro popolo, che ancora oggi aspetta il nostro contributo e la nostra testimonianza". È quanto raccontano ad AsiaNews alcuni fedeli della parrocchia di Vườn Xoài, arcidiocesi di Ho Chi Minh City, nel sud del Paese, che celebrano i "10 anni di missione" fra i Montagnards delle aree centrali. "La sensazione di un viaggio pastorale e sociale - aggiungono - è estremamente importante, perché segno del conforto e dell'aiuto dello Spirito [Santo] nella nostra testimonianza di vita, in particolare in questo Anno della Fede".

Dal 2003 una parrocchia dell'arcidiocesi di Saigon ha avviato un programma missionario nelle zone più remote e impervie al centro del Vietnam. Attraverso un percorso lungo più di 800 km, i fedeli del sud portano conforto, assistenza materiale e spirituale a una realtà spesso ai margini della vita economica e sociale della nazione e della Chiesa stessa. Da tempo, infatti, i cattolici dell'area attendono che la comunità venga riconosciuta come parrocchia della diocesi di Kontum. "È un desiderio - raccontano alcuni fedeli della zona - e un'aspettativa coltivata a lungo".  

La comunità è formata da circa 3.600 fedeli, sparsi per 14 villaggi suddivisi in tre grandi aree missionarie: Daktut, sei villaggi e circa 2mila fedeli; Dakchung con cinque villaggi e 500 fedeli; Dakchong, con tre villaggi e un migliaio di fedeli. Le condizioni di vita sono difficili e scarse le risorse a disposizione della popolazione locale, che per sopravvivere sfrutta quanto offre la foresta.

"Ancora oggi la missione presenta molte difficoltà" sottolinea il signor Nguyen, uno dei capi del comitato pastorale della parrocchia di Vườn Xoài, soprattutto quando piove ed emerge con forza la "mancanza di cibo" e altri beni primari. Tuttavia restano grandi la fede e il desiderio di partecipazione alla vita della Chiesa e della comunità cattolica.

A causa della lunga distanza, i sacerdoti riescono a celebrare messa solo ogni due settimane. Ed è proprio questa assenza di un pastore stabile il cruccio maggiore dei fedeli. "Sarebbe bello andare a messa tutte le settimane - confida la giovane Maria, della missione di Dakchong - e non ci preoccupa affatto la mancanza di cibo, perché sappiamo che possiamo confidare nella Provvidenza di Dio". Le fa eco il giovane Gabriel A Jun, che invita i cattolici vietnamiti a vivere l'esperienza della missione nell'area: "È motivo di gioia e felicità - aggiunge - e fonte di benedizione per tutti".

La zona degli altipiani centrali del Vietnam comprende le diocesi di Kontum, Pleiku, Ban Me Thuot, Qui Nhon e Da Lat. I pochi preti sufficienti a coprire un territorio così vasto devono spesso subire discriminazioni e ostacoli da parte del governo, nonostante gli sforzi profusi per portare aiuti concreti e un conforto spirituale a persone che vivono in condizioni di estrema povertà. Nell'area è presente la minoranza Montagnards, in gran parte cristiana, che da tempo rivendica in modo pacifico il diritto alla libertà religiosa e al possesso della terra. Dalle autorità sono sovente accusati di opposizione al governo e separatismo: durante la guerra del Vietnam infatti, i Montagnards, nel tentativo di creare uno stato autonomo, si schierarono al fianco degli Stati Uniti.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’impegno dei laici cattolici tra i montagnard vietnamiti
20/04/2010
Vescovo di Ban Me Thuot: rinnovare la missione fra i Montagnards
13/05/2009
Thanh Hóa, la missione fra i tribali H’Mông al tempo del Covid
25/01/2021 12:53
Phnom Penh deporta 36 montagnard vietnamiti, in fuga dalle persecuzioni
03/03/2015
Continua la fuga dei montagnards cristiani in Cambogia, ma scarseggiano scorte e viveri

27/02/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”