02/04/2006, 00.00
vaticano - iraq
Invia ad un amico

Due giorni di digiuno e preghiera per la pace e la concordia in Iraq

Benedetto XVI fa suo un appello dei vescovi irakeni.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Benedetto XVI aderisce e rilancia a tutto il mondo l'appello del patriarca caldeo di Baghdad, Sua Beatitudine Emmanuel III Delly. Il patriarca e tutti i vescovi irakeni hanno proposto per il 3 e il 4 aprile due giorni di preghiera e digiuno "per chiedere a Dio il dono della pace e della concordia in Iraq e nel mondo intero". Parlando dalla finestra del suo studio, alla fine della preghiera dell'Angelus di oggi, Benedetto XVI ha detto: "Invito tutti ad aderire all'iniziativa dei nostri fratelli di quel martoriato Paese, affidando tale intenzione all'intercessione di Maria Santissima, Regina della Pace". L'appello, nelle intenzioni del papa e del patriarca, è rivolto "ai fedeli, ai credenti e agli uomini di buona volontà". "È un appello importante, rivolto al nostro cuore – ha aggiunto il papa – e invito anche da parte mia".

Da diverse settimane l'Iraq è segnato da attentati a carattere etnico-religioso: uccisione di sciiti e sunniti, attacchi esplosivi a moschee e santuari. Le violenze a carattere religioso coincidono con la difficoltà a creare il nuovo governo e con le pressioni alle dimissioni di Ibrahim al-Jafaari, legato all'integralismo sciita che le altri componenti – sunniti, curdi e sciiti laici – vedono come un pericolo per il nuovo Iraq. La situazione è resa instabile dalla presenza di terroristi stranieri, legati ad al Qaeda e all'Iran.

L'inquietudine e la mancanza di sicurezza hanno una ricaduta anche fra i cristiani, tentati di emigrare. Alcune settimane fa, lo stesso patriarca Delly ha confermato ad AsiaNews che molti cristiani "cercano riparo in Giordania, Turchia, Libano, altri raggiungono i parenti negli Usa, in Europa". "Tutti vogliono avere un posto più sicuro", ha aggiunto, anche se "quasi nessuno vuole lasciare la sua patria in modo definitivo".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Studioso musulmano indiano: Un dovere accogliere l’appello del papa per la Siria
04/09/2013
Patriarca caldeo: grazie al papa per condividere "sofferenze e angosce" dell'Iraq
02/04/2006
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007
Da Hong Kong una preghiera per la pace in Siria
05/09/2013
Patriarca Sako: Il dramma della guerra unisce Iraq e Siria, digiuno e preghiere per la pace
06/09/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”