07/05/2021, 15.19
INDIA-TIBET
Invia ad un amico

Festeggiato il 32° compleanno del Panchen Lama, ostaggio di Pechino

Celebrato per la prima volta dalla comunità buddista indiana del Ladakh. Nuovi inviti per la sua liberazione. Rapito 26 anni insieme alla famiglia, le autorità cinesi lo tengono rinchiuso in un luogo sconosciuto.

Dharamsala (AsiaNews/Rfa) – Le comunità buddiste indiane del Ladakh e del monastero di Bylakuppe (Karnataka) si sono unite ai tibetani di tutto il mondo per festeggiare il 32° compleanno del Panchen Lama. Le celebrazioni, avvenute il 25 aprile, sono state accompagnate da nuove richieste al governo cinese per la sua liberazione.

È la prima volta che il compleanno del Panchen Lama è celebrato nel Ladakh. Per i fedeli buddisti del luogo è un segno di rinnovato interesse per il suo destino e per quello della causa tibetana.

Gedhun Choekyi Nyima è stato catturato con la sua famiglia dalle autorità cinesi il 17 maggio 1995, tre giorni dopo essere stato riconosciuto come Panchen Lama dall’attuale Dalai Lama Tenzin Gyatso: Pechino lo tiene rinchiuso in un luogo sconosciuto.

Il monaco, considerato il “numero 2” del buddismo tibetano, è importante fra le varie cose anche perché ha il compito di riconoscere la nuova rinascita del Dalai Lama, dopo la sua morte.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino vieta festa del Buddha a studenti e funzionari tibetani
27/05/2020 11:23
Tibet, il mondo chiede la liberazione del Panchen Lama
29/04/2020 10:55
Se davvero il Tibet è in pace, Pechino liberi il vero Panchen Lama
17/03/2009
Pechino, il falso Panchen Lama entra nel governo
03/03/2010
Ex prigioniero politico tibetano muore per le torture subite in carcere
09/05/2020 08:00