18/06/2021, 08.56
USA-CINA
Invia ad un amico

Generale Milley: Pechino non ha ora le capacità e l’intenzione d'invadere Taiwan

Secondo il capo di Stato maggiore della Difesa Usa, nel breve e medio termine non vi è il pericolo di un attacco cinese contro l’isola. In marzo il capo delle forze statunitensi nell’Indo-Pacifico aveva detto che la Cina potrebbe tentare la riconquista entro sei anni. Biden sarebbe pronto a incontrare Xi Jinping.

Washington (AsiaNews/Agenzie) – La Cina non ha al momento le capacità militari e l’intenzione d’invadere Taiwan. Lo ha dichiarato ieri in un’udienza al Congresso il generale Mark Milley, capo di Stato maggiore della Difesa Usa. Secondo l’alto ufficiale, la riunificazione con l’isola rimane un interesse primario della leadership cinese; Pechino è però consapevole di non avere ancora un potenziale militare tale da occupare l’intero territorio taiwanese.

Milley sostiene che nel breve e medio termine non vi sia il pericolo d’invasione. Le sue parole stridono con quelle pronunciate in marzo dall’ammiraglio Phil Davidson, all’epoca alla guida del Comando Usa dell’Indo-Pacifico. Davidson aveva detto che i cinesi potrebbero tentare di riprendersi l’isola entro i prossimi sei anni.

Pechino considera Taiwan una “provincia ribelle”, e non ha mai escluso di riconquistarla con l’uso della forza. L’isola è di fatto indipendente dalla Cina dal 1949; all’epoca i nazionalisti di Chiang Kai-shek vi hanno trovato rifugio dopo aver perso la guerra civile sul continente contro i comunisti, facendola diventare l’erede della Repubblica di Cina fondata nel 1912.

Il Pentagono non sembra dunque troppo preoccupato dall’intensificarsi delle operazioni aeree cinesi nei cieli di Taiwan. Ieri sette velivoli militari di Pechino, compresi alcuni jet da combattimento, hanno violato il settore sud-occidentale della zona d’identificazione aerea di Taipei. Il 15 giugno le autorità taiwanesi ne avevano identificati 28: il raid più massiccio dallo scorso settembre, quando l’Esercito popolare di liberazione ha iniziato a moltiplicare le sue sortite aeree nello Stretto di Taiwan.

Pechino ha affermato che le sue missioni aeree vicino a Taiwan sono una risposta alle interferenze di Paesi straneri che cospirano con il governo di Tsai Ing-wen per l’indipendenza dell’isola

In base al Taiwan Relations Act, gli Stati Uniti sono impegnati a difendere l’isola. Adottato nel 1979 dopo il formale riconoscimento diplomatico della Cina comunista, il provvedimento non specifica l’effettiva natura dell’impegno di Washington: una “ambiguità strategica” che produce continue tensioni con Pechino.

Repubblicani e democratici al Congresso stanno mettendo appunto ulteriori misure per rafforzare il sostegno degli Stati Uniti a Taipei. Nel frattempo Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale di Joe Biden, ha detto ieri che la Casa Bianca considera la possibilità di organizzare un incontro fra il presidente e il suo omologo cinese Xi Jinping. Il vertice potrebbe avvenire per telefono, oppure ai margini della riunione del G20 in Italia a ottobre.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Taipei: Pechino potrebbe invaderci entro il 2025
06/10/2021 13:29
Taipei: le azioni militari di Pechino hanno allertato gli Usa e i suoi alleati
22/10/2021 13:11
Il Nicaragua rompe con Taipei e allaccia relazioni diplomatiche con Pechino
10/12/2021 12:25
La maggioranza dei taiwanesi rivuole Trump presidente
28/10/2020 09:07
P. Didonè, missionario camilliano: 'I taiwanesi non vogliono fare la fine di Hong Kong'
06/08/2022 11:11


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”