23/02/2008, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Ho Chi Minh City, cattolici al lavoro contro Aids e prostituzione

di JB Vu
La Commissione diocesana per la pastorale e le attività sociali ha organizzato un incontro per fare il punto sulle attività sociali della Chiesa: la prima sfida è contro l’Aids, la prostituzione ed il dramma dei bambini di strada.
Ho Chi Minh City (AsiaNews) – I bambini di strada, la piaga dell’Aids, il dramma della prostituzione: sono questi i temi al centro dell’opera sociale dell’arcidiocesi di Ho Chi Minh City, che nei giorni scorsi si è riunita per fare il punto della situazione dei vari progetti sostenuti dalla Chiesa.
 
L’incontro è stato organizzato da p. Giuseppe Dinh Huy Huong, presidente della Commissione per la pastorale e le attività sociali dell’arcidiocesi. Erano presenti 9 sacerdoti, 11 religiosi in rappresentanza delle loro congregazioni e 60 fedeli della parrocchia di Duc Tin. Insieme a questi, i membri di 10 gruppi civici che operano nel campo sociale.
 
Do Thi Thanh Nga lavora per il Gruppo di azione sociale di Tien Chi da 10 anni, composto da membri di diverse religioni: “Abbiamo uno scopo unico, e cioè andare dai poveri, malati, anziani e bambini di strada per dare il nostro aiuto. Prestiamo particolare attenzione alle aree rurali del Paese, dove abbiamo creato 18 ‘campi umanitari’ per bambini disabili”.
 
Nel Gruppo vi sono 18 medici cattolici e 32 volontari di altre fedi: “Lavoriamo insieme senza alcuna discriminazione. Tuttavia incontriamo alcuni ostacoli, perché non avendo alcun protettore politico spesso non otteniamo il permesso di operare”.
 
Un’altra grave piaga della zona è l’Aids: il 40 % dei malati di Ho Chi Minh City sono bambini. Uno di loro, di 10 anni, dice ad AsiaNews: “Per me sarebbe un sogno poter andare a scuola, ma non posso. Le persone mi vedono e mi evitano, perché sanno della mia malattia. Vorrei avere degli amici con cui giocare”.
 
Duong Thi Ban, infermiera in pensione e parrocchiana di Tan Viet, cerca di aiutare questi bambini, che hanno contratto già nell’utero materno il virus dell’Hiv. Insieme a suor Mai Thi Puong, religiosa delle Figlie di Maria, ha accudito nel 2007 oltre 300 bambini malati del distretto di Tan Binh.
 
Pham Thi Loan, vice presidente delle Madri cattoliche di Ho Chi Minh City, opera invece con le prostitute : “Cerchiamo di portarle via dalla strada dando aiuto psicologico, lavoro e conforto. E’ difficile, ma facciamo tutto il possibile”.
 
I cattolici, dice p. Dinh, “operano in diversi ambiti sociali: lavoriamo in silenzio, basandoci sullo spirito biblico. Lo scorso anno, la Commissione ha cercato di aiutare gruppi e singoli fedeli con un progetto sociale, e speriamo di poter continuare a farlo. Vogliamo fare il possibile per aiutare lo sviluppo della nostra nazione”.  
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ho Chi Minh City: l’amore dei parrocchiani di Thanh Đa per Madre Teresa
22/08/2016 11:31
Seminaristi di Saigon: tra gli ultimi, ispirati dall’Evangelii Gaudium
28/07/2018 12:33
Ho Chi Minh City: cure gratuite per poveri e disabili
19/11/2020 08:16
Missionarie della carità in Vietnam: Lo spirito di Madre Teresa con i fratelli poveri
29/02/2016 11:31
Speranze e timori nei cattolici vietnamiti per la visita di Triet al Papa
10/12/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”