31/01/2022, 12.12
HONG KONG-CINA
Invia ad un amico

Hong Kong, legge sulla sicurezza: cattolici e protestanti chiedono l’amnistia per i detenuti

Alcuni attendono il processo da più di un anno. P. Mella, missionario Pime: la leader cittadina Carrie Lam (una fedele cattolica) potrebbe premere sul governo centrale. La speranza che papa Francesco sottoscriva la petizione presentata alle autorità della città.

Hong Kong (AsiaNews) – Personalità cattoliche e protestanti hanno chiesto oggi alle autorità di concedere l’amnistia al magnate dell’editoria Jimmy Lai e ad altre figure democratiche. Sono tutti detenuti o in custodia cautelare con l’accusa di aver violato la draconiana legge sulla sicurezza nazionale, che prevede anche condanne all’ergastolo. Alcuni di loro attendono il processo da più di un anno.

Pechino ha imposto il provvedimento nel giugno 2020, in via ufficiale per riportare stabilità a Hong Kong dopo le massicce proteste filo-democratiche del 2019. Analisti, attivisti e governi occidentali lo ritengono invece un espediente per silenziare il movimento pro-democrazia. Dal suo varo, la polizia per la sicurezza nazionale ha arrestato più di 160 persone; in estate sono arrivate le prime condanne.

La petizione dei gruppi religiosi è stata consegnata a un funzionario governativo all'esterno della sede dell’esecutivo. Secondo p. Franco Mella, missionario del Pime e tra i promotori dell'iniziativa, la leader cittadina Carrie Lam – una fedele cattolica – potrebbe premere sul governo centrale per far cadere le accuse nei confronti degli imputati. Affiancato dal sacerdote anglicano Chi Wood Fung, un ex deputato del Parlamento locale (Legco), p. Mella ha detto di sperare che Lam risponda alla sua coscienza di devota cattolica e che più voci si possano levare a favore dell'amnistia.

Finora dagli uffici dell’esecutivo non è arrivata alcuna reazione. Diverse figure religiose in Gran Bretagna e Irlanda hanno sottoscritto la petizione. P. Mella spera che papa Francesco faccia lo stesso.

La comunità cattolica di Hong Kong conta figure governative e imprenditoriali legate a Pechino, come attivisti filo-democratici del calibro di Lai. Lo stesso discorso vale per i cristiani protestanti in città: uno tra i più noti, l'ex docente di diritto Benny Tai, è tra le 47 persone in carcere per aver organizzato o preso nell'estate 2020 alle primarie del fronte democratico.

Le consultazioni interne dovevano selezionare i candidati democratici alle legislative del successivo settembre (poi rinviate). Gli imputati sono alla sbarra con l'accusa di sovversione in base alla legge sulla sicurezza. Secondo l’accusa, mirando ad assicurare al campo democratico 35 o più seggi al Legco, gli organizzatori hanno “complottato” per rovesciare l’esecutivo.

Il 7 gennaio p. Mella ha dato vita a un sit-in davanti al carcere di Lai Chi Kok per offrire solidarietà agli attivisti detenuti. Come l'anno scorso per Lai e per altri prigionieri politici, egli ha pregato perché tutti possano tornare in famiglia prima del Capodanno lunare, che si celebra domani. P. Mella non è nuovo nell’impegno umanitario. Ogni anno, dal 1999, manifesta assieme ad altri per il diritto al ricongiungimento familiare di figli e mogli cinesi, legati a persone di Hong Kong.

 

(Foto Reuters)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Preghiera e sciopero della fame per liberare Jimmy Lai prima del Capodanno cinese
13/01/2021 12:18
Sul Lion Rock raggi laser per i 12 detenuti in Cina
13/10/2020 11:36
Legge sulla sicurezza: addio alla libertà di stampa (Video)
13/08/2020 12:28
Mong Kok, quasi 300 arresti nel giorno delle elezioni cancellate
07/09/2020 08:19
Hong Kong: processo ai 47 democratici è la fine del pluralismo politico
03/03/2021 15:11


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”