14/07/2022, 11.48
LANTERNE ROSSE
Invia ad un amico

Hong Kong, missionario Pime in sciopero della fame chiede libertà per i detenuti politici

P. Mella inizia una tre giorni di protesta davanti la prigione di Shek Pik. Incita gli attivisti imprigionati a non perdere la speranza. A gennaio aveva manifestato invocando il rilascio del magnate cattolico Jimmy Lai. Dall’imposizione della legge sulla sicurezza, la polizia ha arrestato quasi 200 persone; 113 quelle finite a processo.

Hong Kong (AsiaNews) – Ha iniziato oggi una protesta davanti alla prigione di Shek Pik chiedendo il rilascio degli attivisti e degli esponenti democratici detenuti in base alla draconiana legge sulla sicurezza nazionale. P. Franco Mella, missionario del Pime, ha dichiarato ai media presenti che farà lo sciopero della fame per tre giorni, nonostante il caldo torrido di questi giorni.

Il 74enne religioso non è nuovo a proteste di questo tipo. Lo scorso gennaio, insieme a personalità cattoliche e protestanti, p. Mella ha invocato l’amnistia per il magnate cattolico dell’editoria Jimmy Lai e per altre figure democratiche. Sono tutti detenuti o in custodia cautelare con l’accusa di aver violato il provvedimento sulla sicurezza, che prevede anche condanne all’ergastolo. Alcuni di loro attendono il processo da più di un anno.

 Dal 1999 p. Mella manifesta ogni anno assieme ad altri per il diritto al ricongiungimento familiare di figli e mogli cinesi, legati a persone di Hong Kong. Come riporta la Reuters, nel 2019 egli ha partecipato alle manifestazioni pro-democrazia che hanno scatenato il giro di vite di Pechino.

Sottolineando la grande calura, p. Mella parla della sofferenza di chi si trova in carcere e lancia loro un messaggio: “Siamo con voi, non perdete la speranza. Continueremo a combattere per la libertà di tutti”. Il missionario ha aggiunto che gli abitanti della città avrebbero più fiducia nel futuro se le autorità liberassero le personalità filo-democratiche imprigionate.

Imposta dal governo centrale cinese due anni fa, la legge sulla sicurezza nazionale ha portato all’arresto di quasi 200 persone; quelle incriminate sono 113 – molte di loro hanno però più di una accusa. Oltre agli arresti, con l’introduzione del provvedimento diversi partiti e gruppi pro-democrazia si sono sciolti, molti media indipendenti hanno chiuso i battenti o si sono spostati all’estero, mentre migliaia di persone hanno abbandonato la città.

A maggio la polizia per la sicurezza nazionale aveva arrestato anche il card. Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito della città e noto sostenitore del movimento democratico. L’accusa iniziale era grave: “collusione” con forze straniere. Un tribunale ha poi rinviato a giudizio il card. Zen e cinque noti esponenti del fronte democratico per l’imputazione meno grave di non aver registrato correttamente un fondo umanitario di cui erano amministratori fiduciari. Il processo nei suoi confronti inizierà il 19 settembre.

 

LANTERNE ROSSE" È LA NEWSLETTER DI ASIANEWS DEDICATA ALLA CINA
VUOI RICEVERLA OGNI GIOVEDI’ SULLA TUA MAIL? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER A QUESTO LINK

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tibetani vittime di una ‘seconda’ Rivoluzione culturale
26/01/2023 12:10
‘Rivoluzione dei fogli bianchi’: decine di manifestanti cinesi in prigione
19/01/2023 12:13
Emergenza Covid: in pericolo 200 milioni di anziani cinesi
12/01/2023 12:06
Marcos jr da Xi: 22,8 miliardi di dollari per ‘pacifica’ gestione delle dispute nel Mar Cinese
05/01/2023 12:03
Morto a 94 anni l’arcivescovo emerito di Taipei Joseph Ti-Kang
29/12/2022 09:22


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”