06/09/2005, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Il Congresso respinge l'ultimo ricorso contro la Arroyo

Manila (AsiaNews/Agenzie) – Il tentativo di mettere in stato d'accusa la presidente delle Filippine, Gloria Macapagal Arroyo, è fallito oggi  in maniera definitiva.

I politici dello schieramento all'opposizione hanno abbandonato i tentativi di far decadere dalla carica la Arroyo dopo l'ultimo voto negativo del Congresso sul terzo ricorso – ricorso Lonzano – con cui si accusava la presidente di corruzione elettorale. I leader del movimento anti-Arroyo hanno confermato che la campagna continuerà nelle aule giudiziarie e nelle strade.

L'ex presidente del Paese, Corazon Aquino – salita al potere dopo la rivolta del "potere al popolo" che ha cacciato il dittatore Ferdinando Marcos – dice che si unirà ai dimostranti in una marcia contro la Arroyo verso il palazzo del Congresso.

Fino ad ora le proteste organizzate dall'opposizione non hanno visto grande affluenza popolare: alle 2 marce organizzate per sostenere l'ultimo voto hanno partecipato circa mille persone.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
No dei vescovi filippini ad un nuovo procedimento di impeachment contro la Arroyo
10/07/2006
Arroyo, si allontanano le dimissioni
02/09/2005
Vescovi filippini: "In Parlamento, la Arroyo ha dipinto un Paese che non c'è"
27/07/2006
"Cordiale colloquio" della Arroyo col Papa, mentre a Manila ne chiedono l'impeachment
26/06/2006
Filippine, una Commissione parlamentare studia accuse contro la Arroyo
24/08/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”