16/09/2022, 11.26
INDIAN MANDALA
Invia ad un amico

Il declino del Congress, un affare di famiglia

di Alessandra De Poli

Importanti esponenti politici di lungo corso continuano ad abbandonare le fila della formazione che ha dominato la politica indiana per mezzo secolo. Le ragioni sono da ricercare nel mancato rinnovo del partito, che, al contrario, ha accentrato sempre più il potere nelle mani della famiglia Gandhi. La marcia di Rahul per unire il Paese contro il Bjp difficilmente avrà successo.

Milano (AsiaNews) – È un indebolimento sempre più evidente quello del partito del Congress, il principale all’opposizione in India. A fine agosto Ghulam Nabi Azad, governatore della regione del Jammu e Kashmir tra il 2005 e il 2008 e più volte ministro durante vari governi indiani, ha lasciato il Congress con l’intenzione di creare un proprio schieramento e criticando Rahul Gandhi, figlio della leader partito, Sonia. Nel 2019 Rahul aveva rinunciato all’incarico di guidare la formazione politica, che negli anni ha perso sempre più sostenitori.

È per questo che a inizio mese Rahul Gandhi ha iniziato una marcia da sud a nord attraverso tutta l’India, a meno di due anni dalle prossime elezioni generali in cui il Congress si troverà a sfidare il Bharatiya Janata Party (Bjp) del primo ministro Narendra Modi. Dopo le dimissioni di Azad, un centinaio di politici, funzionari e deputati del Kashmir ha abbondato le fila del partito dei Gandhi per unirsi alla nuova formazione politica.

Il declino, per alcuni, è iniziato proprio del 2014, con la vittoria a livello nazionale del Bjp. Nel 2019 il Congress ha ottenuto alla Lok Sabha - la Camera bassa del governo indiana - solo 52 seggi su 542. Nel 2020 23 volti noti del partito hanno dato le loro dimissioni esprimendo a Sonia Gandhi, tramite una lettera, tutta la loro insoddisfazione nei confronti della leadership, che secondo loro non accetta le voci di dissenso.

Azad, rivolgendosi a Sonia Gandhi, ha affermato che Rahul “ha distrutto il meccanismo consultivo che esisteva in precedenza. Gli affari del partito sono stati presi in carico da una nuova cerchia di adulatori inesperti dopo che tutti i leader anziani e di lungo corso sono stati rimossi dalle loro posizioni”.

La prima divisione del partito risale in realtà al 1969, quando alla leadership c’era Indira Gandhi - figlia del primo ministro post-indipendenza Jawaharlal Nehru - poi assassinata nel 1984. Indira centralizzò il potere a New Delhi, emarginò l’opposizione interna provocando le dimissioni di diversi politici che cominciarono a formare partiti di sinistra regionali. Rajiv, il figlio di Indira che le successe dopo la sua morte, continuò sulla stessa linea e bloccò i tentativi di riforma.

Anche Rajiv venne assassinato e da metà degli anni ’90 la guida del partito è stata più o meno sempre mantenuta dalla moglie, Sonia. Appare quindi evidente come il potere sia andato concentrandosi nelle mani della famiglia Gandhi. Solo che all’accentramento di potere non è corrisposta l’elaborazione di un’ideologia alternativa a quella del Bjp. La frammentazione, soprattutto a livello regionale – come il Trinamool Congress e il National People’s Party - e la mancanza di un’ideologia che non sia solo di mera opposizione è un problema che non appartiene solo alla sinistra indiana, ma in India la mancanza di una pluralità rappresentativa di coloro che non si riconoscono nel Bjp rischia di minare il processo democratico.

È ancora lunga la strada per le prossime elezioni, ma quello che si sta delineando è uno scenario in cui le uniche alternative al Bjp rischiano di essere altri partiti populisti, come l’Aam Aadmi Pary (Aap), che governa Delhi e il Punjab, o il più estremista Shiv Sena, la cui base è radicata a Mumbai e nello Stato del Maharashtra.

È difficile immaginare che la marcia di Rahul Gandhi avrà successo. Denominata “Bharat Jodo Yatra”, una marcia per unire l’India, che richiama le precedenti marce sostenute fin dagli inizi dal partito – ricordiamo in particolare quelle del Mahatma Gandhi degli anni ’30 contro il dominio coloniale britannico - finora è servita a criticare il Bjp di dividere il Paese lungo linee settarie e religiose.

Il percorso è di 3.570 chilometri e verrà compiuto in 5 mesi. Il giorno della partenza, avvenuta nello Stato meridionale del Tamil Nadu, dove suo padre Rajiv Gandhi è stato assassinato nel 1991, Rahul ha twittato: “Ho perso mio padre a causa della politica dell'odio e della divisione. Non perderò per questo anche il mio amato Paese”. Ancora una volta, il discorso ruota intorno alla famiglia Gandhi e non ai problemi del Paese. È davvero lunga la strada che dovrebbe portare gli elettori indiani a ritrovare fiducia nel Congress.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Delhi: Mallikarjun Kharge è il nuovo presidente del Congress
19/10/2022 13:09
75 anni dalla partizione: India meno democratica, ma sempre più centrale
12/08/2022 12:15
Dopo stretta contro gli islamisti, a Delhi chiesta la sospensione dei radicali indù
30/09/2022 12:07
Una donna adivasi candidata alla presidenza: le mosse del Bjp in vista delle prossime elezioni
08/07/2022 12:17
Maharashtra, una marcia per la scuola cattolica devastata dagli indù
30/01/2019 12:15


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”