14/05/2008, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Il premier Gilani rifiuta le dimissioni dei ministri della Lega musulmana

Scongiurata la crisi di governo grazie all’intervento del primo ministro, che chiede di pensare al bene del Paese ed invita il governo a fare un ultimo sforzo. L’ex presidente della Corte Suprema definisce “possibile” la messa in stato di accusa del presidente Musharraf.
Islamabad (AsiaNews) – Il primo ministro pakistano rifiuta le dimissioni dei nove ministri della Lega musulmana ed invita il governo, in carica da meno di sei settimane, a compiere “un ultimo sforzo” per salvare la coalizione. Yousaf Raza Gilani, entrato in carica alla fine di marzo, ha chiesto alla Lega ad al Partito popolare (di cui è vicepresidente) di “mettere da parte le incomprensioni ed agire per il bene del Paese”.
 
La crisi di governo è emersa lo scorso 12 maggio, quando i leader dei due maggiori Partiti che compongono la coalizione di governo – Asif Ali Zardari e Nawaz Sharif – non hanno trovato un accordo sul reintegro dei 60 giudici epurati da Musharraf lo scorso novembre, durante lo stato di emergenza. Secondo buona parte della popolazione, il mancato accordo si basa sul timore del leader popolare Zardari di nuove accuse di corruzione.
 
Nel frattempo, l’ex presidente della Corte Suprema – Iftikhar Chaudry, considerato dalla popolazione l’unica vera garanzia dell’indipendenza del potere giudiziario – si è detto “fiducioso” sul reintegro ed ha definito “fattibile” la messa in stato di accusa del presidente Musharraf per la proclamazione dello stato di emergenza e la repressione della dissidenza politica compiuti mentre era ancora capo supremo delle forze armate.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Lega musulmana ritira i ministri, crisi nel governo pakistano
13/05/2008
Niente accordo sui giudici, ombre di crisi sul governo pachistano
12/05/2008
Sharif ritira il partito dalla coalizione di governo a Islambad
25/08/2008
Gillani, nuovo primo ministro pakistano, libera i giudici arrestati da Musharraf
25/03/2008
Entro un mese il nuovo governo, il premier sarà Popolare
10/03/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”