01/04/2022, 12.39
CINA
Invia ad un amico

Indo-Pacifico, ‘offensiva’ militare di Pechino all’ombra della crisi ucraina

di Emanuele Scimia

Siglata intesa militare con la Cambogia. Concluso un discusso accordo di sicurezza con le Isole Salomone. Australia: la Cina ha stabilito 20 punti di presenza militare nel Mar Cinese meridionale, potrebbe fare lo stesso nel Sud Pacifico. Pechino ha militarizzato anche aree contese sul confine himalayano.

Roma (AsiaNews) – All’ombra dell’invasione russa dell’Ucraina, la Cina ha lanciato una “offensiva” militare nell’Indo-Pacifico. Ieri le autorità militari cinesi e quelle cambogiane hanno firmato un memorandum d’intesa. Secondo molti osservatori è un’ulteriore mossa del gigante asiatico per rafforzare la sua posizione nel sud-est asiatico di fronte alla crescente competizione geopolitica con gli Stati Uniti.

Il generale Liu Zhenli, comandante delle forze terrestri dell’Esercito popolare di liberazione (Pla), ha siglato l'accordo con Hun Manet, vice capo dell’esercito cambogiano e figlio del premier Hun Sen (e suo probabile successore). Le due parti non hanno rivelato il contenuto del documento; il ministero cinese della Difesa ha sottolineato però che negli ultimi anni Pechino e Phnom Penh hanno ampliato la loro cooperazione militare in ambiti come esercitazioni e addestramenti congiunti, comunicazione strategica e scambi di personale.

In larga parte la Cambogia dipende economicamente dalla Cina. I rapporti tra il governo cambogiano e gli Usa si sono deteriorati in modo evidente dopo che nel 2019 resoconti di stampa hanno rivelato l’esistenza di un patto segreto tra Pechino e Phnom Penh. Esso darebbe alla Marina cinese l’uso esclusivo di parti della base navale cambogiana di Ream, sul Golfo di Thailandia. I cinesi negano, ma Washington ha imposto poi un embargo sulla vendita di armi alla Cambogia.

L’intesa sino-cambogiana arriva quasi in contemporanea con l’annuncio della conclusione di una bozza di accordo di sicurezza tra Pechino e le Isole Salomone. Anche in questo caso i termini precisi del documento devono essere ancora rivelati. Esso assicurerebbe alle navi da guerra cinesi il diritto di effettuare scali e operazioni di rifornimento nei porti dell’arcipelago.

Il premier delle Salomone, Manasseh Sogavare, ha voluto oggi precisare che il patto non prevede la concessione a Pechino di una base navale nella nazione del Sud Pacifico. Australia, Nuova Zelanda e Usa hanno espresso preoccupazione per la decisione di Honiara, sottolineando che essa avrà un impatto sulla sicurezza regionale.

Peter Dutton, ministro australiano della Difesa, ha ricordato che la Cina ha stabilito 20 punti di presenza militare nel Mar Cinese meridionale, malgrado la sua assicurazione che non avrebbe militarizzato la regione. Canberra teme che Pechino voglia fare lo stesso nelle isole del Pacifico meridionale.

Nei giorni scorsi l’ammiraglio John C. Aquilino, comandante del Comando Usa nell’Indo-Pacifico, ha dichiarato che i cinesi hanno trasformato tre banchi coralliferi nel Mar Cinese meridionale (Mischief, Subi e Fiery Cross) in veri e propri avamposti militari. Pechino ha pretese territoriali su quasi tutto lo specchio d’acqua, una posizione respinta – con il sostegno di Washington – da Vietnam, Malaysia, Filippine, Taiwan, Brunei e in parte Indonesia, e giudicata senza fondamento da un tribunale internazionale.

La pressione militare di Pechino cresce anche sul continente. Fonti governative cinesi hanno riferito che lo scorso mese il Pla ha completato la costruzione di 624 villaggi in aree contese o conquistate sul confine himalayano. Secondo l’analista strategico indiano Brahma Chellaney, la militarizzazione di centri abitati in territori rivendicati da India, Bhutan e Nepal è l’equivalente terrestre di quanto i cinesi fanno nel Mar Cinese meridionale.

TAGs
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo di Gizo: 'Non delegare il diritto all'autodifesa delle Salomone'
03/05/2022 11:46
Vescovo di Gizo: 'Non abbiamo bisogno di giochi di guerra'
29/03/2022 13:01
Pechino lancia una grande esercitazione militare nel Mar Cinese meridionale
02/07/2020 12:24
Difficile vedere Hanoi nella ‘coalizione’ anti-Pechino di Washington
22/11/2021 13:09
Le Isole Salomone scelgono la Cina: Taiwan rompe le relazioni con Honiara
16/09/2019 15:06


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”