29/01/2021, 14.40
ASIA
Invia ad un amico

Intelligenza artificiale: ‘Serve un accordo mondiale contro i pericoli’

Per l’esperto vietnamita Nguyen Anh Tuan è necessario adottare standard per scongiurare gli abusi. Minacce alla privacy e all’occupazione. La Cina usa l’intelligenza artificiale per controllare la popolazione. Preoccupazioni per armi ancora più letali. L’uso delle nuove tecnologie si deve fondare sul rispetto di valori democratici.

Hong Kong (AsiaNews) – Serve un accordo internazionale per prevenire le minacce e i pericoli che derivano dall’uso dell’intelligenza artificiale. È l’auspicio espresso da Nguyen Anh Tuan sul delicato tema – etico e pratico – dell’applicazione di quella che è considerata la tecnologia del futuro. Tuan è direttore del  Michael Dukakis Institute for Leadership and Innovation e amministratore delegato del Boston Global Forum; per il suo lavoro sull’intelligenza artificiale, nel 2018 la televisione nazionale vietnamita lo ha nominato persona dell’anno.

Gli entusiasti dell’intelligenza artificiale sostengono che il suo sviluppo aiuterà ad accrescere le capacità intellettuali dell’uomo, migliorandone la produttività in molti settori. Questa tecnologia, essi dicono, offre anche delle soluzioni per problemi di ordine socio-politico, come il suo utilizzo per individuare le fake news.

Ai vantaggi si sovrappongono però i problemi. Ad esempio l’imposizione di stringenti regole anti-pandemia ha trasformato l’Asia nella regione con la privacy più sorvegliata al mondo. Nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale e i big data, favoriscono l’intrusione delle autorità nella vita privata delle persone. Poi vi è la questione del lavoro umano, dato che l’intelligenza artificiale permetterà alle aziende di risparmiare sulla manodopera.

Secondo Tuan è positivo che si sia aperto un dibattito pubblico su questi temi, soprattutto perché molte persone si dicono preoccupate per gli sviluppi futuri. Per ridurre gli effetti negativi, egli sostiene che ogni individuo deve essere messo nelle condizioni di accedere alle nuove tecnologie su una base di uguaglianza.

La Cina usa l’intelligenza artificiale per controllare la popolazione attraverso sistemi di riconoscimento facciale e la raccolta dati. Per diversi osservatori, ciò dimostra che l’applicazione di questa tecnologia rappresenta un pericolo ineliminabile per l’umanità. Tuan invoca l’adozione di determinati standard per scongiurare l’abuso dell’intelligenza artificiale e dei sistemi digitali.

Un altro pericolo “strutturale” è quello del ricorso all’intelligenza artificiale per aumentare la letalità delle armi moderne, come ad esempio i missili ipersonici e i droni armati: un fattore che accresce le probabilità di un conflitto in Asia orientale e nel sud-est asiatico. Secondo Tuan, l’unica soluzione per evitare queste situazioni è quella di cooperare a livello mondiale per regolare l’uso dell’intelligenza artificiale. “Le nazioni – egli dice – possono avere culture diverse, ma nell’era dell’intelligenza artificiale abbiamo bisogno di un consenso generale sui valori da rispettare, ispirato a principi democratici”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Asia è la regione con la privacy più sorvegliata al mondo
02/10/2020 14:22
Delhi testa missile balistico che può colpire quasi tutto il territorio cinese
28/10/2021 12:39
Chiese ufficiali e religioni celebrano i 70 anni del regime comunista cinese (Video)
23/09/2019 08:44
La politica religiosa in Cina prima e dopo l’accordo sino-vaticano
12/09/2019 07:47
Colloquio cattolico Europa-Cina: l’intelligenza artificiale e la fede
29/08/2019 12:40