11/05/2022, 08.51
ASIA TODAY
Invia ad un amico

Jenin, uccisa giornalista palestinese di al Jazeera

Le altre notizie del giorno: a Colombo il governo ordina all'esercito di sparare a vista; in Laos peggiora la crisi del carburante, mentre l'India non riesce a procurare treni per il trasporto di carbone nel Paese; il lockdown di Shanghai sta provocando seri danni all'economia; menzione speciale al Pulitzer per i giornalisti ucraini.

ISRAELE

Questa mattina in Cisgiordania è stata uccisa la giornalista palestinese di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, ha comunicato il ministero della Salute palestinese. Stava coprendo i raid israeliani contro la città di Jenin quando è stata colpita alla testa da un proiettile e portata d’urgenza in ospedale. Secondo i colleghi indossava il giubbotto con la scritta “Press”.

SRI LANKA

Seconda notte in cui sono state bruciate proprietà in Sri Lanka: i manifestanti hanno dato fuoco a un hotel del figlio del dimissionario primo ministro Mahinda Rjapaksa. Mentre il presidente ha dato l’ordine di sparare a vista contro chi viola la legge, continuano le pressioni per un nuovo governo provvisorio.

LAOS

Il Laos potrebbe fare la stessa fine dello Sri Lanka: dal Paese arrivano immagini di lunghe code alle stazioni di servizio per ottenere carburante. Da settembre il valore della moneta locale ha cominciato a scendere e le riserve di valuta estera si stanno prosciugando. Il Paese comunista starebbe cercando di procurare petrolio a buon mercato dalla Russia.

MYANMAR

Per i gruppi anti-golpe i pericoli e i rischi di morte sono in aumento nelle aree urbane del Myanmar a causa della presenza sempre più capillare di milizie fedeli alla giunta militare birmana. A fine aprile almeno otto membri della Lega nazionale per la democrazia (il partito di Aung San Suu Kyi) sono stati assassinati a Mandalay. Nella ragione di Magway, dal colpo di Stato dei militari, sono state bruciate 2.100 case, uccise almeno 155 civili e arrestate 683 persone.

CINA

Si irrigidiscono ancora le misure di contenimento della pandemia a Shanghai: vietate le consegne di cibo e gli accessi in ospedale, ad esclusione delle emergenze, dovranno essere approvati. La città è alla settima settimana di lockdown. Intanto la Toyota ha annunciato di trovarsi costretta a tagliare la produzione a causa delle misure prese a Shanghai che stanno bloccando l’economia.

INDIA

Da oltre un anno l’India non riesce a procurare un numero sufficiente di treni per trasportare il carbone. Il problema si sta facendo più pressante ora a causa della crisi energetica. Ad aprile le ferrovie statali hanno fornito a Coal India 261 treni al giorno, il dato più basso negli ultimi tre mesi. Le scorte di carbone delle centrali elettriche il mese scorso sono scese del 13% nonostante un aumento della produzione da parte di Coal India di oltre il 27%.

UCRAINA

I giornalisti dell’Ucraina hanno ricevuto una menzione speciale per il Premio Pultzer 2022. Il comitato organizzatore li ha ringraziati per “la dedizione alla professione, il coraggio, la fermezza nel raccontare la verità durante la tragica invasione di Vladimir Putin nel loro Paese e la sua guerra di propaganda in Russia e in tutto il mondo.

RUSSIA

Il metropolita Ilarion (Alfeev) ha dichiarato al canale TV Rossija-24 che le eventuali sanzioni europee non impediranno l'attività del patriarca Kirill, “diretta al consolidamento della società russa e al servizio del gregge multimilionario della Chiesa ortodossa russa, per raggiungere la pace tra i popoli slavi fratelli”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping a Hong Kong per le celebrazioni del primo luglio
25/06/2022 08:54
Iraq, il Parlamento sostituisce i deputati di al Sadr
24/06/2022 08:52
Spostato in carcere il processo contro Aung San Suu Kyi
23/06/2022 09:03
Terremoto in Afghanistan: centinaia di morti
22/06/2022 08:55
Israele verso nuove elezioni a ottobre
21/06/2022 08:24


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”