05/03/2004, 00.00
libano
Invia ad un amico

La chiesa maronita sull'esodo dei cristiani d'Oriente

Beirut (AsiaNews) –  Sono iniziati ieri 4 marzo, nella sede patriarcale di Bkerke,  i 3 giorni di riflessione dei vescovi maroniti  venuti da tutto il mondo. I temi messi in agenda che necessitano una rapida soluzione sono 4, tutti legati al problema  dell'inarrestabile esodo dei cristiani d'Oriente, e in particolare della comunità maronita.

I temi da analizzare sono: l'identità maronita nella diaspora; il lavoro pastorale ed apostolico in terre lontane dalla Patria; l'esigenza di nuove strutture all'estero; la strategia per rafforzare la presenza della chiesa maronita nel mondo.

La seduta inaugurale è stata caratterizzata dal discorso del Cardinale Patriarca Nasrallah Sfeir.  Il Patriarca ha parlato di una netta differenza fra "l'essenziale e l'accessorio". "L'identità maronita è un'identità composta, soprattutto con l'espansione dei fedeli della chiesa maronita nel mondo…" ha detto il Patriarca " è maronita colui che appartiene alla chiesa maronita, siriana, antiochena, cattolica". L'essenziale è che un maronita resti tale dal "punto di vista religioso, nella dottrina, nella propria etica e nella propria cultura".

Il problema che si dibatte con forza è se mantenere anche all'estero la lingua siriaca nella liturgia.  A favore del mantenimento della lingua antica, "che conferisce alla liturgia un sapore originale", il Patriarca Sfeir ha fatto l'esempio della chiesa armena. "Gli armeni, egli ha detto, hanno salvaguardato la loro lingua, in generale, e questo fatto li ha aiutati a non fondersi negli ambienti circostanti, pur conoscendo le altre lingue".

A differenza della chiesa armena, la chiesa maronita all'estero incontra grosse difficoltà a raccogliere insieme i suoi fedeli, a causa della grande diaspora causata dalla guerra libanese. Le distanze e la carenza numerica dei sacerdoti non facilitano il compito. "Non vi è un calo delle vocazioni fra i maroniti", ha detto il Patriarca,  ma nella diaspora tali vocazioni "vanno spesso ad allargare le file della chiesa latina".

Le conclusioni dell'incontro saranno resi noti in un documento finale atteso per sabato 6 marzo. Esse faranno parte del documento finale sulla "chiesa maronita ed il mondo dell'immigrazione", che verrà discusso e approvato dal sinodo patriarcale maronita il prossimo ottobre. (PB)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il patrirca Rai in Canada per incontrare la diaspora libanese
26/09/2018 14:32
Patriarca Sfeir : Gli attentati producono "inquietudine mortale" nei libanesi
27/09/2005
La pace in un Medio oriente che vive momenti difficili nelle omelie di Sfeir e Ignazio IV
03/01/2006
Libano, card. Sfeir: "Prima di votare, esaminate la vostra coscienza"
11/06/2005
Card. Sfeir: è ora che la Siria ci lasci divenire Paese sovrano
24/09/2004


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”