10/08/2009, 00.00
ASIA CENTRALE
Invia ad un amico

La corruzione rischia di soffocare le università dell’Asia centrale

Studenti e famiglie denunciano la pratica diffusa in Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan di chiedere “bustarelle” anche elevate per l’accesso all’università, o per passare gli esami. Così molti giovani meritevoli, ma poveri rimangono esclusi, mentre si deprime il valore della laurea. Il parere di esperti.

Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – Nei Paesi in via di sviluppo dell’Asia centrale, andare all’università e laurearsi può spesso assicurare un ottimo lavoro. Ma sono frequenti le denuncie di episodi di corruzione per ottenere l’accesso ai corsi o il superamento di un esame. Diversi professori sono finiti sotto accusa, ma analisti commentano che qualche processo e condanna non basterà a debellare il fenomeno.

A luglio sono stati accusati di corruzione il capo della facoltà di Lingue dell’Università di Ashgabat (Turkmenistan), un capo dipartimento della facoltà di Medicina all’università di Khujand (Tagikistan) e due professori universitari a Bishkek e a Osh (Kirghizistan), tutti per avere accettato “bustarelle” dagli studenti.

In questi tre Paesi gli studenti e le loro famiglie hanno denunciato a Radio Free Asia che occorre pagare per essere ammessi all’università. Per esempio, un giovane ha dovuto pagare 1.000 dollari Usa per avere la certezza di superare l’esame di ammissione al corso di studi fiscali dell’università delle Finanze, in Tagikistan.

Costo peraltro contenuto, se si pensa che in Turkmenistan il costo di “accesso” per le facoltà più ambite, come quelle di diritto, può arrivare a 40mila dollari. Nel Paese il fenomeno è talmente diffuso da avere un particolare soprannome: elaklyk, che vuol dire “dare in ringraziamento”.

In Kirghizistan molti denunciano che ci sono vere e proprie tariffe per superare esami senza studiare.

Il sistema rischia di avere effetti disastrosi sul futuro di questi Paesi. Oltre ad impedire l’accesso all’istruzione superiore a giovani capaci, ma poveri (i quali spesso possono solo cercare lavoro all’estero come migranti), la corruzione rischia di consentire la laurea a tanti ragazzi ricchi che non studiano, con evidente detrimento del valore del titolo di studio.

L’analista tagiko Faridun Rahnavard commenta che il problema non potrà risolversi solo con alcuni processi, perché è troppo diffuso. Egli osserva che professori di scuole superiori e università in questi Paesi hanno paghe basse, da 70 a 400 dollari al mese, e ritiene che sarebbe anzitutto opportuno aumentarle.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
In Asia centrale si estorce denaro per comprare da mangiare
13/09/2007
Nell’Asia Centrale scuole, strade, ospedali e centrali energetiche stanno scomparendo
16/02/2011
Schiavi-bambini: niente scuola, solo lavoro "per comprare il pane"
13/06/2008
Uzbekistan e Turkmenistan innalzano il prezzo del gas in pieno inverno
16/01/2008
Giovani dell’Asia centrale: divisi tra gli idoli del materialismo e la fede
21/09/2007