23/07/2010, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Libera dopo 14 anni una "blasfema", in carcere senza processo

Zaibul Nisa è stata arrestata dopo una vaga accusa di blasfemia. Il giudice "dispiaciuto" per la lunga e immotivata detenzione. L’avvocato denuncia: "Buttata in carcere e dimenticata da tutti".

Lahore (AsiaNews/Agenzie) – L’Alta corte di Lahore ha ordinato ieri il rilascio, dopo 14 anni di galera, di una donna accusata di blasfemia. La rilasciata – la 60enne Zaibul Nisa – è stata rinchiusa senza processo nel braccio per malati mentali della prigione locale dal 1996. All’epoca, venne accusata di aver dissacrato il Corano e le autorit‡, senza prove, ne decise l’arresto.

Oggi il giudice a capo della Corte, Khawaja Mohammad Sharif, ha spiegato di "aver ordinato il rilascio della Nisa, contro la quale non sono state trovate prove". L’uomo ha espresso "dispiacere" per la lunga e ingiusta detenzione della donna.

Nisa venne arrestata nella cittadina di Rawat, vicino alla capitale Islamabad, dopo che un vicino di casa sostenne di averla vista dissacrare il Corano. Aftab Ahmad Bajwa, avvocato difensore, spiega che "nessuno, neanche i suoi familiari, hanno impugnato la decisione. È stata mandata in galera e dimenticata da tutti".

Gli agenti l’hanno arrestata ai sensi della famigerata legge sulla blasfemia. La norma è prevista alla sezione 295, comma B e C, del Codice penale pakistano e punisce con l’ergastolo chi offende il Corano; essa prevede anche la condanna a morte per chi insulta il profeta Maometto. Le accuse a carico dei presunti blasfemi sono spesso false o motivate da interessi meschini, generano scandali e spingono folle inferocite a farsi giustizia.

La scorsa settimana, alcuni sicari hanno ucciso due fratelli cristiani – uno dei due era un pastore protestante – che stavano uscendo dal tribunale. Accusati di blasfemia, stavano per essere scagionati proprio per mancanza di prove.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sindh: 25 anni di prigione a un preside indù accusato di blasfemia
11/02/2022 12:03
Scarcerata Martha Bibi, cristiana accusata senza prove di blasfemia
07/05/2007
Paura, violenze e ostracismo per i “blasfemi dell'Islam” riconosciuti innocenti
16/02/2007
Senza alcuna prova, è ancora in carcere la cristiana accusata di blasfemia
12/02/2007
Lahore: Commissione Usa chiede liberazione di un cristiano accusato di blasfemia
13/12/2021 10:43


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”