11/11/2013, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

L'opposizione siriana parteciperà a Ginevra II, ma solo se Assad lascerà il potere

La Coalizione nazionale siriana annuncia la sua presenza a Ginevra, ma chiede un governo di transizione senza Assad e altri membri del regime. Le aperture dell'opposizione riaprono le possibilità di una conferenza di pace entro fine anno.

Damasco (AsiaNews/ Agenzie) - La Coalizione nazionale siriana (Snc) parteciperà ai colloqui di Ginevra a patto di un futuro della Siria senza Bashar al-Assad. I leader dell'opposizione hanno anche richiesto come condizioni il libero accesso di agenzie umanitarie nei territori di guerra e il rilascio di tutti i prigionieri politici. La Snc ha raggiunto l'accordo dopo due giorni discussioni fra i suoi membri, compresi alcuni leader dell'Esercito libero siriano. Finora il regime ha respinto qualsiasi precondizione da parte dei ribelli, definiti "terroristi" da Bashar al-Assad.

In un comunicato diffuso questa notte, Monzer Azbik, responsabile delle relazioni per la Snc, sottolinea che "il gruppo chiede al presidente Assad di lasciare il potere e di non far parte di alcun governo di transizione".

Le dichiarazioni di Azbik giungono a un giorno dall'accordo stipulato fra gli anziani del sobborgo di Qudsaya (Damasco) per interrompere in via temporanea il blocco dell'esercito e consentire la distribuzione di generi alimentari nella zona in parte controllata dai ribelli e sotto assedio da oltre un mese.  

Nelle scorse settimane Ahmed Jarba, leader della Coalizione nazionale siriana, aveva già espresso l'intenzione di partecipare a Ginevra, ma era stato criticato da diversi gruppi di combattenti contrari a scendere a patti con il regime.

Onu, Stati Uniti e Russia hanno tentato in questi mesi di convocare una riunione a Ginevra per la fine di novembre, ma sono stati costretti a rimandare la sessione di trattativa a data da destinarsi a causa delle divergenze fra ribelli e opposizione.

Lakdhar Brahimi, inviato speciale di Onu e Lega Araba in Siria, ha sottolineato la scorsa settimana che tutti i Paesi impegnati nei colloqui stanno "lottando" per organizzare un summit entro la fine dell'anno. Il 25 novembre Brahimi incontrerà i diplomatici di Stati Uniti e Russia per creare un nuovo piano per spingere le parti a fermare le violenze e iniziare una prima sessione di dialoghi.

Iniziata nel marzo 2011 sull'onda della Primavera araba, la guerra civile siriana ha fatto oltre 100mila vittime e 9 milioni fra sfollati e rifugiati.  Secondo le agenzie umanitarie oltre metà della popolazione necessita di aiuti umanitari per superare l'inverno. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ginevra II: Negoziati a rischio fallimento
24/01/2014
Siria, le minacce di Arabia Saudita e ribelli islamici non fermano Ginevra II
18/12/2013
Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
28/01/2014
Siria, i ribelli "pronti all'offensiva di primavera" per il controllo di Damasco
19/02/2014
I ribelli conquistano una base militare vicino a Deraa
10/06/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”