31/07/2007, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Marcia di solidarietà per la libertà religiosa

di Qaiser Felix
L’All Pakistan Minorities Alliance ha indetto per l’11 agosto una manifestazione per richiamare l’attenzione sulle violenze e le discriminazioni contro le minoranze. Prevista la partecipazione di oltre 100 mila fedeli cristiani e di altre confessioni religiose.

Lahore (AsiaNews) – L’All Pakistan Minorities Alliance (Apma) ha indetto una “marcia nazionale per la solidarietà” in programma il prossimo 11 agosto a Lahore: alla manifestazione parteciperanno esponenti di tutte le minoranze religiose fra cui cristiani, indù, sikh, buddisti e parsi. Secondo gli organizzatori saranno presenti circa 100mila persone provenienti da tutto il Pakistan per chiedere a gran voce “l’abolizione delle leggi discriminatorie” come quella sulla blasfemia, “parità di diritti per tutti e libertà religiosa”.

Il presidente dell’Apma, Shahbaz Bhatti, cita le parole del padre fondatore della nazione, Quaid -e-Azam Mohammad Ali Jinnah il quale, nel celebre discorso all’Assemblea costituente dell’11 agosto 1947, stabiliva il principio della “libertà”. “Siete liberi di andare nei templi – questo le parole pronunciate da Ali Jinnah – nelle moschee e in tutti i luoghi di culto del Paese. La fede è una questione personale e non un affare di Stato: siamo tutti cittadini e apparteniamo tutti a un’unica nazione”. A dispetto della volontà del fondatore (che vedeva nel Pakistan uno stato moderno e laico in cui i religiosi islamici non giocassero un ruolo pubblico) i successori hanno sconfessato i suoi propositi usando la religione per accentrare il potere e creare divisioni interne, introducendo “un sistema legislativo disumano e norme atte a perseguitare le minoranze”.

“Oggi – ricorda il presidente dell’Apma – fedeli cristiani e non devono affrontare sfide su diversi fronti: privazione dei diritti di base e mancanza di libertà religiosa. Essi sono perseguitati, vittime di soprusi e di odio a causa della loro fede. La blasfemia e altre leggi discriminatorie, in totale violazione dei diritti umani, sono una vera e propria spada di Damocle che pende sulle loro teste. Per questo è assolutamente necessario promuovere l’unità fra i cristiani e le altre minoranze, perché uniti sarà più facile combattere estremismi, terrorismi e atteggiamenti di intolleranza di vario genere”.

A tal fine l’All Pakistan Minorities Alliance organizza da tempo con successo seminari, incontri di discussione, conferenze e manifestazioni pubbliche in diverse città del Paese, focalizzando l’attenzione sul tema delle persecuzioni e delle atrocità commesse contro cristiani e fedeli di altre minoranze religiose.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pakistan: minoranze religiose perseguitate ed emarginate
10/12/2004
Lahore, si dimette una giornalista cristiana, perseguitata al lavoro
15/11/2019 09:01
Va portata a livello politico la violenza della polizia contro i cristiani
13/09/2004
Il Partito Bharatiya Janata discrimina i cristiani e i Dalit
20/02/2007
Il Vaticano ribadisce che non è lecito benedire le unioni tra persone omosessuali
15/03/2021 13:21


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”