24/01/2022, 08.58
RUSSIA-KAZAKISTAN
Invia ad un amico

Mosca, Nur-Sultan e le criptovalute

di Vladimir Rozanskij

I russi vogliono proibire le transazioni con le valute digitali, difficilmente tracciabili dalle autorità. Usate dalle organizzazioni criminali, ma anche da quelle umanitarie per sfuggire ai controlli del Cremlino. In Kazakistan il traffico di criptovalute ha avuto un ruolo nei recenti tumulti.

Mosca (AsiaNews) – La Banca centrale di Russia ha proposto di proibire ogni tipo di operazione con le criptovalute, per non diffonderne l’uso nel Paese. Secondo fonti di Bloomberg, la presidente della Banca Elvira Nabiullina avrebbe preso tale iniziativa sotto le pressioni dell’Fsb, il servizio di sicurezza nazionale, soprattutto dopo i recenti eventi in Kazakistan, considerata una nazione molto pericolosa dal punto di vista finanziario.

Le criptovalute al mondo sono molto diffuse e diverse tra loro per volatilità, popolarità e soprattutto per livello di privacy. Spesso i trasferimenti in criptovaluta sono impossibili da tracciare perfino per i servizi speciali dei vari Stati. L’analista finanziario Vladimir Levčenko commenta al proposito su Currentime.tv che “si sa che le criptovalute si usano anzitutto per il commercio delle armi, della droga e per articoli simili legati alla criminalità organizzata, ma si utilizzano anche in tantissimi altri casi; molte persone vi fanno ricorso per far fruttare i propri risparmi, senza commettere nulla di illegale, come un utile strumento d’investimento”.

Sette anni fa la criptovaluta più popolare, il bitcoin, costava circa 250 dollari l’una, ora è arrivata a circa 40mila, con picchi vicini ai 70mila; l’11% al mondo di queste criptovalute viene realizzato in Russia. Non è chiaro chi siano gli operatori di questo nuovo tipo di mercato finanziario. Quando la scorsa estate le autorità hanno dichiarato il Fondo anti-corruzione di Naval’nyj “organizzazione estremista”, il suo leader Leonid Volkov ha invitato tutti gli aderenti a fare trasferimenti al Fondo proprio in criptovaluta, perché “non è soggetta al controllo delle Banche centrali e dei governi”.

Il Fondo di Naval’nyj sopravvive all’estero dopo lo scioglimento in Russia e pubblica le entrate ricevute: a oggi avrebbe incassato 666 bitcoin, ma è assai difficile tradurre questa cifra in dollari, euro o rubli, senza sapere le date dei trasferimenti e delle operazioni, e soprattutto è impossibile conoscere l’identità dei donatori, ciò che fa impazzire i membri dell’Fsb. Questo infatti è lo scopo del cripto-sistema, secondo Volkov: “Siccome lo Stato fa pressioni su chi opera bonifici tradizionali del sistema bancario, dobbiamo con pazienza imparare ad usare un sistema più libero”.

In generale, stanno cercando di usare le criptovalute tutte le organizzazioni russe inserite nella lista nera degli “agenti stranieri”, anche se è impossibile quantificarle. Il problema spesso è che chi opera con questo sistema si sottomette alle regole di chi le propone, senza possibilità di controllo non solo da parte delle autorità competenti, ma anche degli stessi investitori. Il divieto a questo tipo di operazioni, del resto, è assai poco realistico, a meno di chiudere completamente l’accesso a internet.

Le criptovalute sono necessarie al potere non meno che alle opposizioni, per muovere i mezzi finanziari al di là di ogni confine, soprattutto in presenza di sanzioni internazionali. Dopo che la Cina ha bandito le criptovalute lo scorso autunno, il Kazakistan è balzato al secondo posto a livello mondiale in questo campo, e per molti questo è stato un fattore non secondario nelle contese che hanno poi portato anche agli scontri di piazza di Almaty di inizio gennaio. Secondo le ricerche dell’università di Cambridge, il Kazakistan è impegnato nel mercato delle criptovalute per una fetta del 18%; in vetta ci sono gli Usa con il 35,4%.

In Kazakistan il “mining” (validazione di transazioni in criptovalute) è favorito dai bassi costi dell’energia, proprio il fattore che ha provocato gli scontri di piazza per la prevalenza delle logiche di mercato sulla vita dei cittadini, oltre alla tassazione molto “amichevole”. I vantaggi andrebbero tutti alla casta al potere, da cui le rivolte contro il “clan Nazarbaev” e il sostegno della Russia al presidente Tokaev, anche per difendere i propri interessi: la criptovaluta è un’ancora di salvezza dall’emarginazione dei mercati mondiali, e i russi non hanno intenzione di assicurarla a nessuno, né in patria né all’estero, e neppure ai “Paesi fratelli”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Amicizia e rancori tra Mosca e Nur-Sultan
11/11/2021 08:51
Putin e i kazaki d’accordo sull’ecologia, ma litigano sulle tigri
07/10/2021 08:41
Nur-Sultan, presidente Tokaev: affrontare crisi economica e linguistica
03/09/2021 08:39
Nur-Sultan, attivisti scendono in piazza per i diritti degli invalidi
07/12/2021 09:01
Nur-Sultan, si moltiplicano i conflitti interetnici
24/11/2021 08:45


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”