04/06/2021, 10.43
BANGLADESH
Invia ad un amico

Nel ricordo dell'attacco alla chiesa di Banirchor, i cattolici chiedono giustizia

di Sumon Corraya

Il 3 giugno è stato il 20mo anniversario dell'attentato dinamitardo alla chiesa del Santissimo Redentore che fece 10 vittime e oltre 50 feriti. "Sono passati 20 anni, ma non abbiamo ottenuto giustizia. Esprimiamo rabbia, insoddisfazione e ansia”.

Gopalgonj (AsiaNews) - Il 3 giugno è stato il 20mo anniversario dell'attentato dinamitardo allaMost Holy Redeemer Church nella parrocchia di Baniarchor a Gopalgonj, nel sud del Bangladesh. Nell’occasione, centinaia di fedeli di Baniarchor hanno assistito alla commemorazione e alla preghiera in chiesa. Vent'anni fa, in quel giorno, mentre i cattolici prendevano parte alla messa domenicale all'improvviso si verificò una forte esplosione che fece 10 vittime e oltre 50 feriti.

La polizia fece sapere che il gruppo islamista Harkat-ul-Jihad-al-Islami Bangladesh aveva compiuto l'attacco, ma non ha presentato un fascicolo di denuncia. Inoltre, 22 agenti investigativi sono stati cambiati in questa causa.

Il missionario saveriano italiano p. Mimmo Dominico Pietanza era il parroco, il suo caso è stato archiviato dopo che era stato ucciso. Il leader laico locale Peter Boiragi ha intentato una causa.

Ieri p. Jerom Rinku Gomes, sacerdote locale della diocesi di Barisal che copre l'area, ha detto ad AsiaNews che su questa vicenda la polizia non è ancora in grado di completare le indagini e fornire capi d’accusa. Ciò crea la preoccupazione ai fedeli della minoranza che in questo Paese non otterranno giustizia. "Chiediamo al governo di giudicare rapidamente in questo caso", ha detto. Anche esponenti laici hanno chiesto giustizia nel peggior attacco alla Chiesa del Paese. "Sono passati 20 anni, ma non abbiamo ottenuto giustizia. Esprimiamo rabbia, insoddisfazione e ansia. Chiediamo con forza di avere giustizia per l'attacco alla chiesa di Banirchor", ha affermato Nirmol Rozario.

Le famiglie delle vittime non hanno ancora dimenticato l'attacco e hanno chiesto giustizia. Uno degli Shuk, Ranjan Haldar, ha perso il suo giovane figlio Sumon Haldar. "Il 3 giugno 2001, durante la messa, abbiamo sentito il boato della bomba; sono andato avanti e ho visto il corpo insanguinato del mio amato figlio. Era morto sul colpo. Conto i giorni per avere giustizia. Ancora non ho ottenuto giustizia", ​​ha spiegato Shuk Ranjan Haldar.

Arup Biswas ha perso suo padre Sotis Biswas nell'attacco. Con tristezza ha ricordato: "Quando ero bambino, ho perso mio padre. Ora non riusco a ricordarlo. Senza padre, cresco in povertà. Voglio che nessuno perda i genitori durante l'infanzia come me". Ha anche chiesto giustizia per l’uccisione di suo padre.

Il Bangladesh è un paese a maggioranza musulmana con 166 milioni di persone, lo 0,4% sono cristiani. La minoranza spesso è perseguitata dalla maggioranza.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangladesh, condannati a morte 8 islamisti per la strage di Capodanno
23/06/2014
Gruppi islamisti cercano reclute nelle comunità transgender
12/03/2021 10:38
Militanti attaccano il furgone carcerario per liberare il leader islamista Abdul Hannan
07/03/2017 12:35
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Il Dalai Lama guida la preghiera di 20mila per commemorare le vittime del tifone
01/09/2009