09/09/2013, 00.00
SIRIA - VATICANO
Invia ad un amico

Nunzio a Damasco: Siriani di ogni credo ed etnia pregano con il Papa in tutto il Paese

Per mons. Mario Zenari, la Giornata di preghiera per la Siria è stato un evento storico. Tutte le parrocchie di Damasco e delle varie diocesi del Paese hanno partecipato. Alla veglia nella cattedrale melchita erano presenti migliaia di musulmani, cristiani greco-ortodossi e protestanti. Sui media la popolazione di religione islamica commossa dal gesto del papa: "E' un fatto eccezionale che il capo dei cristiani desideri la pace per i musulmani, mentre i nostri vicini fomentano la guerra".

Damasco (AsiaNews) - Cristiani di tutte le parrocchie di Damasco, delle varie diocesi siriane e migliaia di musulmani hanno partecipato lo scorso 7 settembre alla veglia di preghiera per la pace in Siria e nel mondo indetta dal papa. Intervistato da AsiaNews mons. Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco, definisce la Giornata di preghiera un evento eccezionale che "ha dato un soffio di incoraggiamento e speranza a tutta la popolazione siriana, senza distinzione di credo, in questi giorni cupi e incerti". Il prelato racconta che tutti "i siriani si sono commossi per la partecipazione di tutto il mondo alle loro sofferenze. Alcuni musulmani mi hanno chiesto di ringraziare il papa per il suo gesto".  

Il prelato spiega che le veglie si sono tenute in tutte le parrocchie dell'area di Damasco, nelle diocesi interne e nelle aree non sotto assedio. Purtroppo non si hanno notizie da Aleppo, dove risiede una delle più importanti comunità della Siria. Secondo il vescovo, la città è isolata da almeno otto giorni a causa degli scontri fra ribelli ed esercito. Le celebrazioni più importanti sono avvenute nella cattedrale greco-cattolica di Damasco. Alla veglia, guidata dal patriarca melchita Gregorio III, hanno partecipato le autorità religiose cattoliche, ortodosse, protestanti e musulmane,  rappresentanti delle autorità governative, del parlamento e migliaia di persone di tutte le fedi.

"Si è pregato per la pace in tutto il Paese - spiega mons. Zenari - soprattutto per Maaloula, il villaggio invaso lo scorso 5 settembre dai ribelli simbolo della cristianità siriana".   

Per la prima volta dal 2001, anno della visita di Giovanni Paolo II in Siria, i media locali hanno dato ampio spazio al papa. Le foto di Francesco e di piazza S. Pietro gremita di persone sono state pubblicate in prima pagina sui quotidiani. Le televisioni hanno mandato immagini in diretta da Roma e da altre parti del mondo. Sui media molti intervistati di religione musulmana hanno espresso sorpresa per l'interesse del papa: "E' un fatto eccezionale che il capo dei cristiani si interessi si batta per la pace fra i musulmani, mentre i nostri vicini fomentano la guerra nel nostro Paese".  (S.C.)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Intellettuale musulmano: Pregheremo con il Papa per la pace in Siria
03/09/2013
Ginevra II: Regime siriano e opposizione si confrontano per la prima volta allo stesso tavolo
22/01/2014
Patriarca siro-cattolico di Antiochia: Stati Uniti, Europa e Paesi del Golfo fomentano l'odio in Siria
17/01/2013
Gregorio III Laham: "La missione dei cristiani in Siria è la riconciliazione fra i musulmani"
02/12/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”