02/08/2010, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Orissa: la suora violentata durante i pogrom del 2008 riconosce un altro dei suoi stupratori

di Santosh Digal
Suor Meena ha riconosciuto il violentatore tra un gruppo di 30 persone. Di questi tre erano reali sospettati. L’identificazione è avvenuta lo scorso 31 luglio. A tutt’oggi la religiosa ha individuato quattro dei dieci estremisti che l’avevano picchiata e violentata durante i pogrom del 2008. A causa delle continue minacce subite dai cristiani il suo caso è stato spostato nel 2009 dal tribunale distrettuale di Kandhamal a quello di Cuttack.

Cuttack (AsiaNews) – Continua nonostante le difficoltà, il processo contro gli estremisti indù autori dei pogrom anti-cristiani scoppiati nel distretto di Kandhamal (Orissa) nell’estate del 2008. Lo scorso 31 luglio, suor Meena, la religiosa  picchiata e violentata durante le violenze, ha riconosciuto il quarto dei suoi 10 stupratori, consentendo la prosecuzione delle indagini. La religiosa ha indentificato il violentatore tra un gruppo di 30 persone. Di questi tre erano reali sospettati. Nelle due precedenti sfilate, avvenute il 5 gennaio 2009 e il 23 giugno 2010, la religiosa aveva individuato altri tre violentatori.

Sr Meena Barwa, dell’ordine religioso delle Servitrici, era impegnata al Centro pastorale Divyajyoti a K Nuagaon, nel distretto di Kandhamal, insieme a un sacerdote, p. Thomas Chellan. La suora è nata nel distretto di Sambalpur e ha preso i voti definitivi lo scorso aprile. Il 25 agosto del 2008, insieme al sacerdote col quale lavorava al Centro, è stata presa, picchiata, denudata e fatta girare per il villaggio. Ad un certo punto i fondamentalisti volevano perfino bruciarla viva assieme al prete. Invece l’hanno violentata. Solo alla fine, in tarda serata, mentre continuavano ad essere ingiuriati e malmenati, sono stati liberati dalla polizia (Cfr.: AsiaNews.it, 25/10/2008 Io, Sr Meena, violentata dagli indù, mentre la polizia stava a guardare).  

P. Dibakar Parichha, sacerdote responsabile delle indagini per conto dell’arcidiocesi di Cuttack - Bubaneswar, si augura che grazie a questo nuovo tassello “suor Meena potrà avere giustizia e che i colpevoli  saranno ufficialmente iscritti nel registro degli indagati”.

Nel 2009, il caso di sr Menna è stato spostato per motivi di sicurezza dal tribunale distrettuale di Kandhamal a quello di Cuttack. A tutt’oggi il clima di intolleranza presente a Kandhamal non permette il regolare andamento delle indagini e diversi testimoni delle violenze sono stati minacciati fuori dai tribunali.  A fronte di 12 casi di omicidio schedati nella corte distrettuale di Phulbani, la più importante di Kandhamal, solo tre si sono risolti con delle condanne.    

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Commissione indiana indaga sul pogrom contro i cristiani in Orissa
13/11/2008
Suor Meena, vittima dell'Orissa: 'La nostra sofferenza non è stata vana'
23/08/2021 13:58
Orissa, la sentenza sulla suora stuprata "mostra la connivenza tra Stato ed estremisti indù"
15/03/2014
Orissa: la suora violentata durante i pogrom riconosce il suo principale aguzzino
03/11/2010
Orissa: suora violentata dagli estremisti indù riconosce uno dei suo assalitori
24/06/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”