02/01/2012, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Pechino conferma l’arresto di Gao Zhisheng, dissidente cristiano

Dopo 20 mesi di silenzio, il regime manda una lettera al fratello dell’avvocato per comunicare la sua detenzione in un carcere della remota provincia del Xinjiang. Per il 2012, gli attivisti temono un peggioramento della situazione dei diritti umani nel Paese.
 Pechino (AsiaNews) - Il regime comunista di Pechino ha confermato per la prima volta dopo 20 mesi che l’avvocato Gao Zhisheng si trova in un carcere della provincia occidentale dello Xinjiang. Gao è un cristiano che da tempo difende in maniera gratuita tutte le minoranze sociali e religiose della Cina: arrestato nel febbraio del 2009, era sparito nel nulla.

La conferma della sua detenzione è stata comunicata al fratello Gao Zhiyi: “Ho ricevuto questa mattina una lettera che mi informa che mio fratello è nella prigione di Shaya”. Tuttavia il carcere è irragiungibile per via telefonica, e un ufficiale dell’Ufficio di sicurezza pubblica della contea di Shaya dice di non sapere nulla di questo caso.

Lo scorso mese la Xinhua, l’agenzia di stampa ufficiale del regime di Pechino, aveva confermato un nuovo arresto per Gao colpevole di “aver violato i termini della sua libertà vigilata”. Ma non aveva fornito alcun altro particolare. La scelta del carcere è stata fatta nell’ottica di scongiurare possibili visite al detenuto: il Xinjiang è una provincia molto remota e difficile da raggiungere.

Gao Zhisheng è una delle figure più rispettate del mondo della dissidenza cinese. Dopo una brillante carriera forense – venne nominato uno dei “Dieci migliori avvocati di Cina” – si è convertito al cristianesimo e ha deciso di lavorare per difendere proprio in tribunale tutti coloro che venivano accusati in maniera strumentale per le loro richieste di democrazia e giustizia.

La conferma del suo arresto non conforta però la situazione. Secondo diversi attivisti, che vivono in Cina o espatriati, il 2012 potrebbe essere un anno ancora peggiore del precedente dal punto di vista del rispetto dei diritti umani. Secondo Hu Ping, direttore del Beijing Spring, “la situazione peggiora di anno in anno”.

Il caso di Gao “insieme a quello del Nobel Liu Xiaobo e dell’attivista cieco Chen Guangcheng hanno caratterizzato il 2011. Ma nulla lascia pensare a un miglioramento per il futuro. Il regime continua a privare di ogni diritto chiunque cerchi giustizia o democrazia”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Per le autorità cinesi Gao Zhisheng “si trova dove è giusto che sia”
22/01/2010
La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani
07/09/2006
Il governo cinese ammette di aver nuovamente arrestato Gao Zhisheng
17/12/2011
Gao Zhisheng ed il suo gruppo, "la speranza della Cina post-comunista"
02/03/2006
Gao: "La persecuzione contro i cristiani distrugge i nostri valori più puri"
21/02/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”