21/12/2021, 15.11
CINA
Invia ad un amico

Pechino: attività religiose online vietate senza il via libera del governo

Pubblicate le nuove misure che entreranno in vigore il primo marzo 2022. Le regole valgono per messe, sermoni, formazione e tutti i servizi d’informazione religiosa. È il controllo “democratico” sulle religioni voluto da Xi. Imposti divieti alle celebrazioni natalizie, una minaccia “occidentale” alla cultura cinese.

Roma (AsiaNews) – Senza autorizzazione governativa in Cina non sarà più possibile svolgere attività religiose sul web. L’annuncio è arrivato ieri dall’Amministrazione statale degli affari religiosi. L’organo del Consiglio di Stato cinese – il governo centrale – ha reso noto di aver approvato il 3 dicembre le “ Misure amministrative per i servizi d’informazione religiosa su internet”. Adottate in concorso con il ministero statale della Sicurezza e altri dicasteri, le nuove regole entreranno in vigore il primo marzo 2022.

La nuova stretta sulla libertà di culto riflette le direttive di Xi Jinping. Durante i lavori di una conferenza religiosa nazionale tenutasi a inizio dicembre, il presidente cinese e segretario generale del Partito comunista (Pcc) aveva annunciato il proposito di migliorare il controllo “democratico” sulle religioni. Tradotto: inasprire la repressione religiosa da parte del regime.

Xi aveva messo in chiaro che le religioni si devono adattare al fatto che la Cina è un Paese socialista. Secondo il leader supremo, “nucleo” del Pcc, le masse dei credenti devono unirsi attorno al Partito e al governo, e respingere ogni influenza straniera.

Organizzazioni e individui che vogliono fare informazione religiosa su internet devono presentare domanda al Dipartimento provinciale degli affari religiosi. Sermoni, prediche, cerimonie e attività di formazione gestiti da enti religiosi, monasteri, chiese e persone singole possono essere trasmessi online solo dopo aver ottenuto una apposita licenza.

È stabilito anche che nessuna organizzazione o individuo possa effettuare raccolte fondi “in nome della religione” su internet. L’attività religiosa online è poi vietata alle organizzazioni straniere presenti in Cina.

Secondo le nuove regole, l'informazione religiosa sul web non deve “incitare alla sovversione del potere statale, opporsi alla leadership del Partito, minare il sistema socialista, l'unità nazionale e la stabilità sociale”. Essa non deve neanche “promuovere l'estremismo, il terrorismo, il separatismo etnico e il fanatismo religioso”. Prese di mira anche le iniziative rivolte ai giovani: le comunicazioni online non devono “indurre i minori a diventare religiosi, a organizzarli o costringerli a partecipare ad attività religiose”.

L’obiettivo del regime è quello di promuoverà in modo ulteriore la “sinicizzazione” della religione, processo lanciato in via ufficiale nel 2015.

In febbraio l’Amministrazione statale per gli affari religiosi aveva reso pubbliche le “Misure amministrative per il personale religioso”, un documento sulla gestione di clero, monaci, sacerdoti, vescovi, ecc. Nel febbraio 2018 il Partito aveva adottato invece i “Nuovi regolamenti sulle attività religiose”, secondo cui il personale religioso può svolgere le sue funzioni solo se aderisce agli organismi “ufficiali” e si sottomette al Pcc.

Quanto alla Chiesa cattolica, la firma nel 2018, e il rinnovo nell’ottobre 2020, dell’Accordo sino-vaticano sulla nomina dei vescovi non ha fermato la persecuzione nei confronti dei suoi esponenti, soprattutto di quelli non ufficiali.

Non sono risparmiati nemmeno i festeggiamenti per il Natale. A quanto appreso da AsiaNews, le autorità della contea di Rong’an (Guangxi) hanno vietato le celebrazioni natalizie nelle scuole locali. Il motivo ufficiale è che in quanto “festa occidentale”, il Natale è una minaccia alla cultura nazionale cinese. Il moltiplicarsi negli ultimi anni di eventi legati alla 'Silent Night', il termine cinese per la vigilia,  e al giorno di Natale è visto dal regime come un’aggressione contro la cultura cinese. A insegnanti e membri del Partito è chiesto di lavorare per affermare la tradizione cinese, mentre tutti i cittadini sono invitati a segnalare alla polizia casi di festeggiamenti natalizi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Festa del Qingming: stop al rituale delle banconote bruciate per i defunti. Inquinano
26/03/2021 11:57
Pechino, cancellate su internet app e canti cristiani. Eliminate anche milioni di critiche alla storia del Partito
12/05/2021 12:35
Pechino: stretta del Partito comunista sui finanziamenti ai gruppi religiosi
15/04/2022 12:17
La lobby degli intellettuali chiede più libertà. Gli sgambetti dei rivali di Xi Jinping
02/08/2016 16:35
In Quaresima e a Pasqua, i vescovi cinesi studiano la storia del Partito comunista cinese
01/04/2021 15:15


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”